AMPLIFIER – Echo Street

AMPLIFIER – Echo Street

Approdati alla corte della Kscope Records, gli Amplifier pubblicano con “Echo Street” il loro album più debole, sovvertendo bruscamente la serie di successi ottenuti fino al precedente, valido, doppio “Octopus”. Da sempre affascinati dalle derive psichedeliche dei Porcupine Tree, i mancuniani oggi provano a calcare la mano sulle atmosfere soffuse e dilatate, abbandonando quasi del tutto le digressioni progressive elettriche che avevano fatto la fortuna di un lavoro come “Insider”, ancora oggi il migliore della discografia, con quella sua perfetta armonia tra le varie anime che lo compongono. Qui tutto suona poco ispirato, e anche le strutture armoniche, in passato variegate e frizzanti, qui rimangono nei canoni, senza donarci particolari guizzi. Fatta eccezione per qualche melodia vocale interessante (“Matmos”, “Paris In The Spring” e “Mary Rose”) non è facile arrivare alla fine di quest’ora di musica trattenendo gli sbadigli. Non basta iper-effettare una chitarra per raggiungere l’ascoltatore, ci vuole anima, cuore, mestiere, perizia e voglia. Quello che qui, purtroppo, manca su tutta la linea. E se considerate che chi scrive ha sempre considerato gli Amplifier una band quasi a prova di bomba, la delusione generata da questo “Echo Street” è ancora più cocente. La title-track rappresenta tutto questo: sei minuti di nulla condito e ingrassato. Il buon Sel Belamir (no, non è un personaggio del Signore degli Anelli) ha toppato, e forse questa è l’occasione per interrogarsi se sia il caso di prendersi una pausa o di coinvolgere maggiormente i compagni nel processo di composizione.



Informazioni Album

Durata: 01:00:48

Disponibile dal: 11/03/2013

Etichetta: Kscope Music

Distributore: Audioglobe

Tracklist

1. Matmos

2. The Wheel

3. Extra Vehicular

4. Where The River Goes

5. Paris In The Spring

6. Between Today And Yesterday

7. Echo Street

8. Mary Rose


Link

Ultimi contenuti correlati

Consulta l'archivio per: AMPLIFIER

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.

  • Rathiel

    Allora..mi permetto alcune critiche, anche perché faccio il tuo stesso lavoro.
    Hai ascoltato il disco frettolosamente, non c’è dubbio. Cresce notevolmente con gli ascolti e i pezzi sono tutti ben studiati anche se non fanno gridare al miracolo. Conosci poco anche loro poi probabilmente perché è unanimamente riconosciuto “Amplifier” ( primo disco omonimo) come il migliore della loro discografia. Quello è un capolavoro assoluto. Non di certo insider che è un disco da 7, voto che tra l’altro meriterebbe anche questo.