AVENGED SEVENFOLD – Avenged Sevenfold

AVENGED SEVENFOLD – Avenged Sevenfold

Difficile recensire questo omonimo ritorno discografico degli Avenged Sevenfold, soprattutto dopo quello che, a parere di chi scrive, è il capitolo migliore della discografia della giovane formazione di OC, quel “City Of Evil” che rimane inarrivabile e sensazionale, e ancora resta un completo piacere per le orecchie. L’ultimo arrivato, se in maniera prematura potrebbe essere catalogabile solo come tentativo estrema commercializzazione, si contrappone, sin dalla copertina, al pur eccellente “Waking The Fallen”, apice dell’estremismo sonoro della band (dal lato della cattiveria). Questo ‘white album’ rinuncia, infatti, non solo ai growl (già abbandonati in “City Of Evil”), ma anche, inspiegabilmente, alla ultravelocità che piazzava i nostri a metà tra i Guns N’ Roses e gli Helloween (con la frangia). Una mossa degna dello sbandierato ego da rockstar di Shadows e compagni, che sembrano voler dire ‘vi possiamo menare con una mano sola’, forti del consenso di legioni di fan. In osservanza a questa filosofia il combo rinuncia anche al produttore, decidendo di fare tutto da sé, nella umile intimità del garage di casa Shadows. Iniziamo con lo specificare che gli Avenged fanno ancora metal, mettendosi in gioco su territori affini al Black Album dei Metallica (“Critical Acclaim”, “Almost Easy”), nel rock ‘n roll, e con irrinunciabili puntate nel thrash e nel power europeo. Tra gli arrangiamenti ultra elaborati e le finezze strumentali (insindacabili) che il gruppo ha archiviato a curriculum nel capitolo precedente è facile capire che i valori che vogliono essere sottolineati sono le linee vocali, mai così pulite ma sempre negli abili registri di M.Shadows – che riesce allo stesso tempo ad essere graffiante e ad andare molto in alto – e il groove, ricercato in maniera quasi disperata dopo il successo della cover di “Walk” (ascoltate “Scream”). I momenti migliori arrivano, come al solito, quando si lascia dare libero sfogo allo shredding della coppia Syn/Vengeance: “Unbound (The Wild Ride)” e soprattutto “Lost”, con quell’azzardato vocoder nel ritornello, sono le parti dove gli A7X riescono in maniera disinvolta ad essere magistralmente sopra le righe, aggiungendo naturalmente arpeggi di piano, cori operistici e un sapore gotico inusuale. Un grosso punto di domanda e una rimarcazione della eccentricità voluta a tutti i costi è senz’altro l’irreale “A Little Piece Of Heaven”, sorta di “Bohemian Rapsody” che sommerge la band con sax, clarinetto, tromba e trombone in una trama fiabesca che proprio non ci si può aspettare. Il risultato finale è esattamente nel mezzo tra il puro genio, vista la carne al fuoco, e il più arzigogolato caos musicale che abbiate mai sentito: gli Avenged Sevenfold perdono punti insomma, ma cadono comunque in piedi.



Informazioni Album

Durata: 00:52:52

Disponibile dal: /11/2007

Etichetta: Warner Bros

Distributore:

Tracklist

1. Critical Acclaim

2. Almost Easy

3. Scream

4. Afterlife

5. Gunslinger

6. Unbound (The Wild Ride)

7. Brompton Cocktail

8. Lost

9. A Little Piece Of Heaven

10. Dear God


Link

Ultimi contenuti correlati

Consulta l'archivio per: AVENGED SEVENFOLD

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.