BUCKCHERRY – Confessions

BUCKCHERRY – Confessions

Per tutti coloro che associano necessariamente il rock con Los Angeles e la sua edonistica dissolutezza non c’è alcuna necessità di presentare i Buckcherry, e probabilmente non saranno nemmeno necessarie queste righe. Per chi si sta gelando il culo cercando senza tregua in terra svedese consigliamo questo “corporate rock” certificato da nomination ai Grammys, vendite da platino e domicilio presso la nuova casa dell’hard rock losangelino, l’Eleven Seven di Nikki Sixx. Il team Josh Todd – Keith Nelson è sempre garanzia di qualità, figuriamoci quando alla console c’è Marti Friedriksen (Aerosmith, Ozzy Osbourne) con il meglio della West Coast: il songwriting immediato e impeccabile viene vestito, tatuato e ingioiellato fino a renderlo irresistibile, e le canzoni che compongono “Confessions” diventano tutte potenziali hit, legate a doppio filo al successo dei mega eventi ESPN, WWE, NASCAR alle quali fanno spesso da accompagnamento musicale. I Buckcherry stavolta, per spingersi oltre, tentano l’ambiziosa carta del concept album incentrato sui sette peccati capitali, che vorrebbero abbinare (budget permettendo) a un corto cinematografico scritto dallo stesso frontman… quando si dice Hollywood nel DNA! Musicalmente sapevamo già cosa aspettarci, nessuna evoluzione da una formazione finalmente stabile (dalla rinascita nel 2005) che ha trovato la sua formula immortale: chi è in cerca delle prossime “Lit Up” e “Bitch” potrà aggiungere “Gluttony”, “Seven Ways To Die” o “Wrath” alla colonna sonora delle ore precedenti a vomito e collasso, chi ha perso “Big Ones” degli Aerosmith e li ammira per le ballad potrà dar sfogo alla passione con l’amata/odiata sulle note di “The Truth” e “Dreamin’ of You”. Toccante e inedito è invece il soul di “Sloth”, che racconta il dramma autobiografico di Josh Todd che rivive il suicidio del padre. Nessun punto debole esteriormente, in una raccolta che come unico difetto può avere solo l’estremo livello di cura ed immediatezza, unita alla produzione immacolata. “GN’R e Motley sono inimitabili. Noi non siamo né gli uni né gli altri. Noi siamo i soli e unici Buckcherry”.



Informazioni Album

Durata: 00.50.44

Disponibile dal: 19/02/2013

Etichetta: Eleven Seven Music

Distributore: Universal

Tracklist

1. Gluttony

2. Wrath

3. Nothing Left But Tears

4. The Truth

5. Greed

6. Water

7. Seven Ways To Die

8. Air

9. Sloth

10. Pride

11. Envy

12. Lust

13. Dreamin' Of You


Link

Ultimi contenuti correlati

Consulta l'archivio per: BUCKCHERRY

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.