BURIAL HORDES – Incendium

BURIAL HORDES – Incendium

Grecia è prima di tutto sinonimo di extreme metal di qualità. Questo, partendo dalla gloriosa scena black/death di metà anni ’90 – resa celebre da gruppi come Nightfall, Rotting Christ e Septic Flesh – fino ad arrivare ai giorni nostri e agli ottimi lavori di Dead Congregation, Dodsferd e Necrovorous, lo diamo ormai per assodato. E’ quindi con poco stupore che vi parliamo di “Incendium”, terza fatica sulla lunga distanza e primo frutto della collaborazione con la polacca Hellthrasher Productions per i pittatissimi Burial Hordes, quartetto con sede nella capitale Atene e responsabile di un suono le cui radici affondano tanto nella tradizione black (ellenica e non) quanto in quella death più blasfema e catacombale. I tempi del debutto “War, Revenge And Total Annihilation”, quando la band giocava a riproporre lo stile sanguinario e “no compromise” dei primi Carpathian Forest, sembrano  ormai un lontano ricordo; nel 2014 elementi come atmosfera e melodia riescono sempre a ritagliarsi un’ampia porzione di spazio, al punto da diventare protagonisti indiscussi degli otto brani che compongono la tracklist. Si prenda ad esempio la terza traccia, “Nailed Curse”: partenza bruciante e violentissima – sorretta dall’intenso lavoro della coppia d’asce e dal growling ieratico del frontman Cthonos – seguita da uno stacco centrale dal sapore ipnotico, con le chitarre ora intente a tessere eleganti arabeschi ed il battito soffuso dei piatti a fare capolino dallo sfondo. Risulta chiaro che velocità e furia iconoclasta non sono tutto in questa quarantina di minuti di musica; per ogni scarica di blast-beat e tremolo picking troviamo sempre una decelerazione, quasi fosse un momento di raccoglimento per il nostro spirito martoriato dalle fiamme, come nel caso della splendida “Scorned (Aokigahara)” e dei suoi continui saliscendi emotivi. Senza sacrificare nulla in termini di impatto e perfidia (basti sentire “Black Shrouds Of Depravity”), i Nostri sono quindi riusciti a compiere il tanto agognato salto di qualità e – con il contributo dell’ottima produzione di Magnus Andersson dei Marduk – a regalarci una delle prime, vere perle underground dell’anno. Non lasciatevi trarre in inganno dalla banale copertina e preparatevi per uno dei più emozionanti tuffi all’Inferno degli ultimi mesi.



Informazioni Album

Durata: 00:40:49

Disponibile dal: 10/02/2014

Etichetta: Hellthrasher Prod.

Distributore:

Tracklist

1. Unleash Havoc

2. Horns Of Consecration

3. Nailed Curse

4. Path Of Bloodshed

5. Abomination

6. Scorned (Aokigahara)

7. Black Shrouds Of Depravity

8. Incendium


Link

Ultimi contenuti correlati

Consulta l'archivio per: BURIAL HORDES

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.

  • Edoardo del Principe

    In Grecia c’è una crisi spaventosa ma i cd Death/Black escono sempre! Grandissimi =D