CRYPTOPSY – Cryptopsy

Pubblicato il 11/09/2012 da
cryptopsy - cryptopsy - 2012
voto
7.5
  • Band: CRYPTOPSY
  • Durata: 00:34:54
  • Disponibile dal: 11/09/2012
  • Etichetta:
  • Distributore:

Ci immaginiamo Flo Mounier nella sua casa di Montreal, intento a leggere recensioni di “The Unspoken King” sempre più severe, a rispondere ad interviste con toni stizziti, a montare una rabbia debordante nei confronti di fan e addetti ai lavori, che non hanno capito o apprezzato l’ultima fatica della sua band. Ce lo immaginiamo mentre compone il numero di Jon Levasseur, con il sogno di riaverlo in formazione: l’ultima soluzione per ravvivare il nome Cryptopsy, per riscattarsi o, più semplicemente, per sperare di poter recuperare almeno un minimo del prestigio e del denaro che il tremendo flop dell’ultimo album si è portato via. Una ruffianata pazzesca. Ma Levasseur, chitarrista su tutti gli album storici del gruppo, sino a “… And Then You’ll Beg”, accetta. E noi oggi godiamo. Sì, perchè anche se la mossa appare poco sincera, studiata ad hoc per ingraziarsi nuovamente coloro – tantissimi! – che non sono proprio riusciti ad associare il nome Cryptopsy allo sconclusionato “The Unspoken King”, questa porta a un risultato oggettivamente molto gradevole. “Cryptopsy”, in sostanza, è un’opera ruffiana tanto quella che l’ha preceduta: “The Unspoken King” provava a cavalcare – maldestramente – l’ondata death-core all’epoca tanto in voga; il nuovo omonimo album invece sbandiera a più non posso una smisurata integrità death metal e tutti gli elementi che un tempo hanno reso i canadesi delle icone di questo genere. La differenza sta esclusivamente nel fatto che i “Cryptopsy death metal” – a maggior ragione con Levasseur ad una delle chitarre – sanno come comporre dei brani martellanti e convincenti, mentre i “Cryptopsy melodici” (o pseudo death-core) hanno ben poca cognizione di come ci si debba muovere all’interno di quei territori musicali. “Cryptopsy”, di conseguenza, si fa ascoltare con piacere… e anche tante volte. Nelle sue otto tracce troviamo tutti i trademark dei Nostri, rivisitati e assemblati con innata ispirazione: le strutture nervose, i cambi di tempo iper tecnici, i blast-beat “a elicottero” di Mounier, il basso intraprendente (oggi a cura di Olivier Pinard dei Neuraxis), il riffing spasmodico che ogni tanto apre a trame a più lineari e catchy, giusto per rendere il brano memorizzabile. Un frullato di “None So Vile”, “Whisper Supremacy” e “… And Then You’ll Beg” tanto prevedibile quanto ben realizzato, condito dal solido growling di Matt McGachy (che ha ovviamente lasciato perdere le clean vocals) e avvolto in una produzione comunque al passo coi tempi. “Cryptopsy” è, in sintesi, come uno di quei kebab o di quelle “cinesate” che ci si divora nel cuore della notte dopo aver fatto il pieno di birra: finchè la pietanza è adeguatamente gustosa e appagante, non è strettamente necessario farsi troppe domande su che cosa ci sia dietro.

TRACKLIST

  1. Two-Pound Torch
  2. Shag Harbour's Visitors
  3. Red-Skinned Scapegoat
  4. Damned Draft Dodgers
  5. Amputated Enigma
  6. The Golden Square Mile
  7. Ominous
  8. Cleansing The Hosts
12 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.