CRYPTOPSY – None So Vile

CRYPTOPSY – None So Vile

La seconda metà degli anni ’90 viene di rado ricordata come un periodo particolarmente florido per il death metal. È però anche vero che tale percezione viene spesse volte condizionata da una serie di fattori, in certi casi anche extra-musicali, che finiscono per travisare l’effettiva realtà dei fatti. Certo, il numero di pietre miliari partorite nel periodo 1995-1999, rispetto a quello della prima parte dello stesso decennio, è decisamente inferiore: d’altronde, basta solo la leggendaria annata del 1991 per far impallidire qualsiasi cosa venuta prima e dopo in questo campo! Inoltre, non bisogna sottovalutare il fatto che, attorno a quegli anni, alcune importanti band del filone iniziarono a spostarsi su territori musicali differenti, contaminando il proprio sound con nuove influenze e compiendo qualche passo lontano dal death metal originario. Senza stare a stilare liste infinite, basta pensare agli Entombed e al loro death’n’roll, ai Gorefest (più o meno impegnati in un simile tipo di evoluzione) oppure, sotto certi aspetti, ai Grave, agli Obituary o ai Dismember, in quel momento tutti intenti a realizzare dischi un po’ più “morbidi” del solito. Infine, sempre all’epoca, il metal stava vivendo un periodo di stallo a livello commerciale e si stava assistendo a una vera e propria spaccatura nella scena, con gruppi da una parte intenti a esplorare l’allora nuovo fenomeno crossover/nu metal e con altri immersi nel recupero di sonorità ed estetiche tradizionali dall’altra – cosa poi sfociata nella memorabile ondata classic-power guidata da Blind Guardian, Hammerfall, Stratovarius e Gamma Ray. A lato di tutto ciò, infine, il giovane circuito gothic, in netta ascesa grazie soprattutto all’exploit delle band del roster Century Media Records – come, ad esempio, Tiamat e The Gathering – e quello melodic death, con Dark Tranquillity e In Flames che iniziavano a raccogliere l’eredità degli At The Gates. Insomma, come accennato in apertura, per tutta una serie di motivi, il death metal all’epoca veniva visto dalle masse quasi come qualcosa appartenente a un passato più o meno remoto; qualcosa di poco “cool”, qualcosa di poco interessante, almeno se paragonato ad altri sotto-generi metal come appunto il crossover/nu o il power. Tutto questo nonostante capolavori come “Symbolic” dei Death o “Pierced From Within” dei Suffocation fossero stati pubblicati grosso modo in quel periodo. Il 1996, poi, aveva regalato altre perle, sebbene in ambienti più underground: “Here In After” degli Immolation, “Millennium” dei Monstrosity o “Psychostasia” degli Adramelech rientrano tutti in questa annata, così come “None So Vile” dei Cryptopsy, gruppo canadese che sin lì si era fatto notare solo per un buon disco di debutto, “Blasphemy Made Flesh” (1994). Proprio il quintetto di Montreal è autore con il suo secondo full-length di uno degli album death metal più importanti di sempre – quindi non solo del periodo sin qui descritto. “None So Vile”, infatti, assieme al succitato “Pierced From Within” dei colleghi statunitensi Suffocation, è il disco che getta definitivamente le basi per quello che di lì a poco verrà sovente descritto come “brutal” death metal, sound che estremizza la componente tecnica e quella aggressiva del death metal di matrice nordamericana per un risultato finale ancor più frenetico e cerebrale. Proprio ‘frenetico’ è il primo aggettivo che viene alla mente durante le prime fruizioni del platter in questione: passano i minuti e si fa sempre più forte l’impressione che i musicisti dei Cryptopsy siano in realtà le pale di un elicottero, o le lame di un tritacarne. Del resto, Flo Mounier – da molti considerato il miglior batterista death metal di sempre – pare perennemente in preda a una crisi epilettica mentre suona: la sua prova è leggendaria, sia in termini di velocità che di fantasia. È facile concentrarsi sui sui inumani blast-beat, ma ci vuol poco per notare i pazzeschi fill con cui farcisce ogni break, il tecnicissimo lavoro di piatti e, in generale, la follia e l’intraprendenza con cui il Nostro sorregge ogni passaggio: ascoltando le singole tracce, è come essere alle prese con degli assoli di batteria, messi però al servizio della musica; nulla appare eccessivo, nulla risulta fuori posto… come se Mournier avesse trovato il compromesso perfetto tra razionalità e schizofrenia. Parlare di “None So Vile” significa soprattutto descrivere le singole performance dei musicisti che lo hanno concepito, perchè ognuno di essi riesce a a distinguersi e, al tempo stesso, a valorizzare il lavoro dei compagni. Il chitarrista Jon Levasseur dà qui il suo meglio con una serie di assoli melodici immediatamente riconoscibili, ma anche con una pletora di riff uno più feroce dell’altro. Come per il suo collega dietro le pelli, vale il discorso dell’ottimo compromesso tra perizia tecnica e cattiveria: Levasseur si pone esattamente nel mezzo, sfoderando una prova incredibile sia per ingegnosità che per violenza. Una prova in cui non vengono poi sottovalutati elementi come groove (sentite “Graves Of The Fathers”) e appunto melodia. Éric Langlois, al basso, non è da meno: il suo operato, grazie anche a un pregevole lavoro di slapping, si sente, eccome! Non siamo di fronte al classico disco death metal in cui il basso è sotterrato da tutto il resto: pezzi come “Benedictine Convulsions” o “Slit Your Guts” offrono grandi esempi di come questo strumento sia in grado di trovare spazio e di diventare protagonista anche in uno stile tanto cupo e brutale come il death metal. Infine, come non citare le linee vocali del frontman Lord Worm? Per iniziare, è forse bene specificare che parlare di “voce” in questo caso è a tratti quasi una forzatura: Dan “Lord Worm” Greening qui suona più come una bestia – ora furente, ora in agonia – che come un essere umano. Ciò che fuorisce dalla sua cavità orale è quanto di più animalesco e incontrollato si sia udito su un album death metal: è un modo di urlare assolutamente esasperato, portato all’eccesso sotto ogni punto di vista, tanto da far suonare anche i versi in apparenza più lineari come un insieme di rantoli e urla strozzate che di norma sarebbero esclusivamente sinonimo di insanità mentale e frenesia omicida. Di sicuro, questa sequela di “Hurgh Hurgh!!!” e “Huargh Ghiaah!!!” costituisce uno degli aspetti più difficili e controversi di “None So Vile”: Lord Worm porta una proposta già di per sè mostruosa su un livello ancora più agghiacciante: deforma ulteriormente il deforme, imbruttisce ciò che è già un abominio. Con la loro seconda opera, i Cryptopsy dimostrano insomma che si può andare oltre, sotto qualsiasi punto di vista: si può essere più indiavolati degli allora maestri Suffocation, con riff e “voci” ancora più opprimenti, e si può essere più tecnici di Dream Theater e compagnia candida, pur andando a una velocità cento volte maggiore; il tutto senza dimenticare il concetto di canzone e senza sottovalutare i principi di una produzione nitida e funzionale. Nonostante sia stato pubblicato in un periodo nel complesso poco ricettivo, “None So Vile” è riuscito ad emergere e a diventare un baluardo per tutti gli aspiranti death metaller delle nuove generazioni. Ancora oggi è un disco che fa scuola ed è il primo esempio per tutti coloro che in questo campo trovano che sia possibile concepire un album in cui la tecnica non annulla la brutalità, e viceversa. Una buona parte del death metal degli ultimi 15 anni passa da qui.



Informazioni Album

Durata: 00:32:03

Disponibile dal: 03/07/1996

Etichetta: Wrong Again Records

Distributore: Audioglobe

Tracklist

1. Crown of Horns

2. Slit Your Guts

3. Graves of the Fathers

4. Dead and Dripping

5. Benedictine Convulsion

6. Phobophile

7. Lichmistress

8. Orgiastic Disembowelment


Link

Ultimi contenuti correlati

Consulta l'archivio per: CRYPTOPSY

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.

  • simothrasher

    cos altro si puo dire su un disco cult come questo none so vile gli fa la barba a qualsiasi lavoro dei cannibal o suffocation non sei un deathster se non ce l’hai

  • actionman

    la loro superioritá in sto disco non si discute! sfido dico sfido a trovare un disco migliore di questo!!!! brutal death metal at its purest form

  • Lord Vicar

    Il brutal nasce con i Cryptopsy? Ho letto bene? Articolo carino, con un pó troppe castronerie. Luca, ritirati

  • davidgilmour

    Effigy of the Forgotten

  • actionman

    grazie al cazzo e allora ti tiro fuori butchered at birth! io intendevo disco migliore di questo nel periodo in cui é uscito ovvero 1995

  • simothrasher

    ma non farmi ridere cazzo none so vile gli fa il culo a quell album l’ho gia detto non c’e album dei suffocation che tenga dinanzi a questa opera

  • simothrasher

    io di castronerie la prima che leggo e il tuo commento la recensione e perfetta non dice che il brutal nasce con i cryptopsy infatti i corpse e suffocation vengono prima di loro

  • simothrasher

    butchered e comunque inferiore a none so vile te lo garantisco e io ne capisco di death fidatevi

  • ACTIONMAN

    AMICO VOLEVO SOLO RICORDATI IL DEBITO ETERNO CHE HANNO I CRYPTOPSY NEI CONFRONTI DEI CANNIBAL CORPSE. PUNTO

  • simothrasher

    guarda che non ce l’ho con te mi ero incacchiato con davidgilmour stai tranquillo io dico che x uno strabiliante mix di tecnica e brutalità che i corpse se lo sognano quest’album è superiore poi certamente il debito come hai detto tu c’è e sempre ci sarà

  • davidgilmour

    la questione non è intendersi si death o meno, io preferisco ”Effigy” dei Suffocation!

  • davidgilmour

    No tu hai scritto questo: la loro superioritá in sto disco non si discute! sfido dico sfido a trovare un disco migliore di questo!!!!che ti riferissi al 1995 non era nemmeno sottinteso..

  • Randy Rozz

    Individual thought patterns.
    Altro che minchiate

  • simothrasher

    ok ok pero sul mero piano strumentale e compositivo un mix di tecnica e aggressivita di sto genere non si era mai vista

  • davidgilmour

    tecnicamente parlando sicuramente è superiore None So Vile, per il resto Effigy domina (sempre per quanto mi riguarda) e non ti incacchiare simo su :)

  • simothrasher

    tranqua david non ero veramente incacchiato XD
    comunque va a gusti io ho tutta la discografia dei crypto e quest’album l’avrò ascoltato una cinquantina di volte:) forse è x questo che mi ostino a ritenerlo superiore

  • http://www.facebook.com/mauro.cartei Mauro Cartei

    Capolavoro indiscutibile, anche se il mio preferito dei Cryptopsy rimane il successivo Whisper Supremacy!

  • TheProofmark

    Grande album.

  • claudio.luciani

    Recensione capolavoro.

  • Luca Pessina

    Rispondo solo ora perchè mi hanno segnalato varie “infamate” persino su siti esterni… ahah! :) Senza dilungarmi troppo, faccio presente che non ho mai gradito la definizione “brutal”, nè l’ho mai utilizzata per inquadrare un genere. Per me il “brutal” non esiste. C’è solo il death metal. Il death metal, anche tenendo conto delle varie scene e sotto-stili, è intrinsicamente brutale. Perchè definire i Cannibal Corpse “brutal” – brutali – e i Deicide – nome a caso – no? Una “Satan Spawn, the Caco-Daemon” non suona BRUTALE (“brutal”)? Per me sì. Poi sono d’accordo che nei tardi ’90 si sia iniziato a definire “brutal” tutta una corrente, ma personalmente, come ho già accennato, ho trovato sempre questa definizione vuota e fuorviante. Tuttavia, volendo spiegare meglio dove si muove la musica dei Cryptopsy su questo album, sono comunque “sceso a compromessi” e ho fatto riferimento a tale usanza, spiegando che, secondo me, ‘sto termine è definitivamente esploso nel linguaggio comune solo a partire dall’uscita di questo album e di tutta la roba post-“Pierced” dei Suffocation. Personalmente non ricordo alcuna persona parlare di “brutal” nella prima metà degli anni Novanta, anche davanti ai dischi dei Cannibal Corpse. Ero piccolo e posso sbagliarmi, ma andavo già allora a concerti extreme metal. Si sentiva parlare solo di death metal, almeno sino al 95/96. Il termine/genere “brutal”, come lo intendono alcuni di voi, è entrato in vigore da lì, secondo me. Peace!