EVERY TIME I DIE – Form Parts Unknown

EVERY TIME I DIE – Form Parts Unknown

“From Parts Unknown” arriva a servizio dei fan della band giusto un paio d’anni dopo “Ex-Lives”. Non che gli Every Time I Die abbiano mai pubblicato un disco mediocre, ma quest’ultimo capitolo discografico è sinteticamente un bel dito in culo a tutti quelli del deleterio mantra ‘suonateci le vecchie canzoni’. Già leggendo ‘prodotto da Kurt Ballou’ le teste si girano, e dal primo ascolto poi il ghigno compiaciuto si alterna all’incredulità di fronte alla costanza qualitativa del quintetto di Buffalo. Il Re Mida del nuovo hardcore influisce sull’opera, se lo fa in qualche modo, nell’attacco deragliante heavy e velocissimo che segna la maggior parte delle tracce, facendo regredire il gruppo ai pazzi esordi di “Last Night In Town”. La band non perde comunque la propria maturità e la capacità di stupire con aperture melodiche sorprendenti, così che l’aggressività e le ritmiche quasi ‘math’ (“Exometrium”) vengono affondate dal punk groove di “Decayin’ With The Boys“ e “Old Light” (con la partecipazione di Brian Fallon dei The Gaslight Anthem), per poi spiazzare tutti con l’intermezzo voce/piano di “Moor” e coinvolgere col southern metal di “El Dorado”. Gli ETID sono in qualche senso i Queen del metalcore: sono a loro agio in parti lente e veloci, heavy o melodiche, possono essere ironici o drammatici, possono sperimentare, sputtanare e fare i matti mantenendo la loro credibilità. In qualunque salsa li mettiate, gli ETID la vivono con la loro intrinseca confidenza e si pongono sempre con stile. Recuperando parte della solarità e della voglia di divertirsi che mancava nel precedente capitolo, la band dei fratelli Buckley e del re della gimmick Andrew Williams va nuovamente a centro, restando nell’elite dell’hardcore contemporaneo.



Informazioni Album

Durata: 00:31:41

Disponibile dal: 01/07/2014

Etichetta: Epitaph

Distributore: Audioglobe

Tracklist

1. The Great Secret

2. Pelican of the Desert

3. Decayin with the Boys

4. Overstayer

5. If There Is Room to Move, Things Move

6. Moor

7. Exometrium

8. Thirst

9. Old Light

10. All Structures Are Unstable

11. El Dorado

12. Idiot


Link

Ultimi contenuti correlati

Consulta l'archivio per: EVERY TIME I DIE

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.

  • negrodeath

    Buonissimo disco. Però il paragone coi Queen insomma… secondo me i Queen hanno totale sprezzo della vergogna, nel senso che fanno cagare in tanti modi diversi! :)

  • ieoooh

    a me ex lives era piaciuto, più del terzo per dire..questo lo stò apprezzando nonostante l’abbia sentito solo un paio di volte..trovo che in questo album siano molto più a loro agio nelle tracce heavy e schizzate piuttosto che in quelle stoner/melodiche