GOJIRA – Magma

Pubblicato il 18/06/2016 da
voto
7.5
  • Band: GOJIRA
  • Durata: 00:43:56
  • Disponibile dal: 06/17/2016
  • Etichetta: Roadrunner Records
  • Distributore: Warner Bros

Alla fine è arrivata. Dopo averci girato intorno per anni, senza però mai abbracciarne in pieno le caratteristiche, i Gojira compiono la tanto temuta “svolta commerciale”, licenziando quello che, a scanso di equivoci, passerà alla storia come il disco spartiacque della loro carriera. “Magma” segna una tappa fondamentale nell’evoluzione della band transalpina, la quale – dopo gli incredibili riscontri di critica e pubblico ottenuti grazie alla triade “From Mars to Sirius”/“The Way of All Flesh”/“L’Enfant Sauvage” – decide di guardare oltre, asciugando notevolmente la propria proposta e puntando tutto su una forma canzone nitida e spontanea, sottofondo ideale per le apparizioni nelle grandi arene a cui ormai è abituata. Uno spiazzante processo di semplificazione che ha inizio con le impalcature ritmiche, mai così lineari e scevre da tecnicismi, prosegue con i pattern chitarristici, morbidi e notevolmente più inclini alla melodia, e che termina con le linee vocali, orientate per buona parte dell’opera verso tonalità distese e rilassate, lontane da qualsivoglia tipo di urlato. Detta così, con ancora impresse nella memoria le tumultuose architetture delle opere precedenti, sembrerebbe che i Nostri abbiano perso la bussola, corrotti dalla major di turno (la sempre meno metal oriented Roadrunner Records) e tentati dalla possibilità di facili guadagni… niente di più sbagliato. Perchè se è vero che l’ascolto di “Magma” si configura come estremamente accessibile, anche alle orecchie di chi non sa nemmeno cosa sia l’extreme metal, ciò non si traduce in composizioni banali o forzatamente easy listening, denotando fin dall’opener “The Shooting Star” – liquida e trasognata, senza dubbio uno degli episodi migliori del lotto – una sensibilità e una cura per gli arrangiamenti da veri fuoriclasse. Il quartetto non ha insomma sottovalutato l’impegno, e il frutto di tanti sforzi è una tracklist dall’incedere vario e fluido, assemblata con gusto e criterio, in cui solo la conclusiva, strumentale “Liberation” risulta un po’ sottotono nel suo presentare arpeggi acustici e pulsazioni tribali privi di mordente. Oltre a “The Shooting…” e ai singoli “Silvera”/“Stranded”, questi ultimi già perfettamente metabolizzati nelle scorse settimane, a colpire sono soprattutto le tracce più soffuse, con i ghirigori psichedelici della titletrack, i cori simil-liturgici di “Pray” e le atmosfere oniriche di “Low Lands” a svettare per il loro sentimento e la loro eleganza, quasi fossero l’estensione di un universo in cui a regnare non è più la rabbia, bensì la calma e contemplazione. In definitiva, anche in queste nuove vesti, i quattro kaiju più famosi di Francia si confermano incapaci di compiere un passo falso. Concedete loro il giusto tempo e vi stupiranno.

TRACKLIST

  1. The Shooting Star
  2. Silvera
  3. The Cell
  4. Stranded
  5. Yellow Stone
  6. Magma
  7. Pray
  8. Only Pain
  9. Low Lands
  10. Liberation
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.