GRAVE DIGGER – Tunes Of War

GRAVE DIGGER – Tunes Of War

A metà anni Novanta, dopo l’infruttuosa parentesi sotto il monicker Digger, i rinati Grave Digger stavano vivendo un momento di grande forma grazie al disco ispirato e potente che risponde al nome di “Heart Of Darkness”. E’ però il 1996 a decretare il grande successo per Chris Boltendahl ed Uwe Lulis, grazie a “Tunes Of War”. Questo concept album, il primo di una lunga serie, racconta le gesta di William Wallace e della guerra per l’indipendenza della Scozia; ogni singolo brano si dimostra di grande impatto sonoro, un must per gli amanti della scuola heavy metal tedesca. L’intro “The Brave”, scandita da epiche cornamuse, lascia presto spazio a “Scotland United”, un tipico esempio di power metal made in Gemany, in cui il vocione ruvido di Boltendahl si staglia sulle chitarre, le strofe veloci e spinte aprono ad un ritornello corale ed epico, perfetto per incendiare il pubblico durante i concerti. Stefan Arnold alla batteria e Tomi Gottlich al basso scandiscono ritmiche dirette e pesanti: niente arzigogoli virtuosi, solo un muro sonoro di metallo pesante di grande intensità. “In The Dark Of The Sun” prosegue su lidi aggressivi, i riff di chitarra suonano taglienti come lame, insieme a linee vocali intense ed avvolgenti. Il roccioso Chris o lo si ama o lo si odia, ma la sua ugola caratteristica, volenti o meno, è il vero trademark dei Grave Digger. “William Wallace” aumenta ancora la velocità d’esecuzione, le melodie vengono lasciate soltanto per il refrain zeppo di cori, intonato con voce pulita. Una delle gemme più preziose di “Tunes Of War” è sorprendentemente un pezzo lento: “The Ballad Of Mary (Queen Of Scots)” possiede un alone di malinconia interpretata con grande pathos, ogni nota viene sentita profondamente nella perfomance dei becchini tedeschi. Il fiore all’occhiello del disco arriva con “Rebellion (The Clans Are Marching)”, maestoso mid tempo che ancora una volta vede un ritornello coinvolgente, corale, epico: da sempre tutti i fan cantano con la band dall’inizio alla fine questo cavallo di battaglia immortale. Negli anni successivi i Grave Digger hanno sfornato diversi buoni lavori, ma nessuno della stessa intensità di “Tunes Of War”, il vero ed irripetibile capolavoro della vita. Nella seconda metà degli anni Novanta il power metal è cresciuto fino a diventare il genere più in voga di quel periodo e se è riuscito ad imporsi all’interno della scena lo si deve anche a “Tunes Of War”. Siamo di fronte ad un masterpiece di assoluto spessore e i metalhead italiani più ‘anziani’ ricordano ancora oggi la partecipazione dei Grave Digger alla prima edizione del Gods Of Metal, quando con uno show potentissimo si imposero tra i migliori dell’intero bill.



Informazioni Album

Durata: 00:52:45

Disponibile dal: 25/08/1996

Etichetta: G.U.N. Records

Distributore: Audioglobe

Tracklist

1. The Brave

2. Scotland United

3. The Dark Of The Sun

4. William Wallace (Braveheart)

5. The Bruce (The Lion King)

6. The Battle Of Flodden

7. The Ballad Of Mary (Queen Of Scots)

8. The Truth

9. Cry For Freedom (James The VI)

10. Killing Time

11. Rebellion (The Clans Are Marching)

12. Culloden Muir

13. The Fall Of The Brave


Link

Ultimi contenuti correlati

Consulta l'archivio per: GRAVE DIGGER

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.

  • Antonio Cappa

    Periodo fenomenale, bravissimi. 85/100 2/9/2013

  • DavidGilmour

    Straquoto, Tunes of War fa parte dei miei 10 album preferiti di sempre, un capolavoro di power metal teutonico e roccioso.. un album perfetto, tutto, il sound, la chitarra del compiantissimo Uwe, l’ugola grezza di Chris.. insomma un capolavoro davvero immortale, per me si becca un 10 pieno.
    La prima volta li vidi al Powermad a Vigevano nel 2000 di spalla ai Running Wild, ho dei bellissimi ricordi ed hanno tenuto uno show memorabile con una scaletta da brividi ed irripetibile ormai ai giorni nostri. Su youtube è comparso l’intero show di quella giornata e non potevo crederci, quasi è scesa una lacrimuccia :)

  • Antonio Cappa

    Per me c’è qualche calo, preferisco il successivo. Avercene però. E soprattutto pensando agli ultimi 5 album…

  • DavidGilmour

    No io lo trovo perfetto invece, ma Knight of the Cross lo metto sotto di mezzo voto, un discone anche quello.. stesso discorso per Excalibur. Quoto purtroppo sugli ultimi lavori, per me i Grave Digger finiscono con l’omonimo album, ma in realtà dalla dipartita di Uwe.

  • Gianfranco Cotoloni

    Riguardo al primo GOM i Digger non furono tra i migliori, ma i migliori! Per 45 minuti è stat una lotta per la sopravvivenza non un concerto!

  • stokk74

    bel disco,buona gente,simpatici e umili

  • executioner341

    Bello!!!!!!! cazzo quanto temo è che non lo ascolto….vado subito a prenderlo!!!!! m/ m/

  • Pasqualone

    se non fosse per la voce a tratti orribile del cantante sarebbe da 10 pieno