IN FLAMES – Come Clarity

Pubblicato il 31/01/2006 da
voto
7.5
  • Band: IN FLAMES
  • Durata: 00:45:00
  • Disponibile dal: 03/02/2006
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Audioglobe

Nota: la recensione è condizionata dalla natura del promo messo a disposizione dall’arguta Nuclear Blast, nel quale, a parte l’opener e singolo del disco, ogni canzone sfuma dopo un paio di minuti, mentre “Your Bedtime Story Is Scaring Everyone” è addirittura assente. Ancora una volta complimenti a chi pensa che grazie a questi artifici si fermerà la pirateria musicale!

Da bruco a bozzolo di crisalide, da crisalide a farfalla. La metamorfosi sembra infine completata. “Come Clarity”, ottavo full-length album degli In Flames, rispecchia in pieno il suo titolo ed impersona alla perfezione la “venuta alla luce”, il “divenir chiaro” di ciò che la band svedese è diventata in sedici anni di vita. Senza neanche più prendere in considerazione il passato remoto degli scandinavi, per sempre ormai splendente di luce propria, la nuova release è la migliore fin qui pubblicata da quando Anders & C. hanno cambiato atteggiamento e orientamento musicale, ovvero dopo “Clayman”. Seguente due dischi buoni e sperimentali quali “Reroute To Remain” e “Soundtrack To Your Escape”, “Come Clarity” presenta i migliori ingredienti per fare realmente il “botto”, in una scena modern metal (non temete, i ragazzi non si sono trasformati in una metal-core sensation!) sempre più affollata e congestionata: innanzitutto, gli In Flames hanno il grandissimo pregio di essere riconoscibili dopo pochi secondi di musica, e nessuno ancora, secondo chi scrive, pur ispirandosi moltissimo a loro, riesce a superarne le gesta; in seconda battuta, per questa tornata le dosi di potenza e melodia, classico trademark del combo di Goteborg, sono state miscelate in maniera perfetta, bilanciando la violenza delle veloci e taglienti parti di chitarra con l’accessibilità disarmante dei ritornelli in voce pulita; infine, messe da parte un po’ le sperimentazioni, l’apporto dell’elettronica è stato leggermente diminuito ed inserito meglio nel songwriting del gruppo. La prima cosa che salta all’orecchio, fin dal primo ascolto, è la voce ultra-pulita di Anders Fridèn, mai stato così clean e ripulito da filtri vocali, la quale fa la parte del leone nei brani migliori del lotto, ovvero “Take This Life” (giustamente scelto come primo singolo), la title-track, avente un ritornello praticamente pop ma davvero stupendo, e l’ottima “Vacuum” (altro chorus sfavillante!). Come nelle precedenti due release, la tracklist è piuttosto corposa, ma stavolta, pur ammettendo che una decina di brani sarebbero bastati, bisogna dire che tutto l’album è godibile, proprio grazie al suo brillante impatto melodico e commerciale. Tutta la parte centrale, da “Dead End” – dove troviamo le female vocals di Lisa Miskovski, per alcuni ammiccamenti agli ultimi Lacuna Coil – a “Crawling Through Knives” è davvero ben realizzata e i pezzi scorrono via più che piacevoli. “Our Infinite Struggle” è probabilmente la song più scialba, mentre “Leeches” e “Reflect The Storm” danno davvero l’impressione, tramite la loro ricetta molto orecchiabile, di poter ambire quasi a posti di rilievo nei metal-pub più danzerecci (i vecchi fan si tappino pure le orecchie!). La produzione di “Come Clarity” è ovviamente perfetta, anche se si deve ammettere una certa marcata “plasticosità”, che farà distorcere il naso non poco agli estimatori di sonorità più grezze e barbare. Ormai lontani dai loro ex-cuginetti Dark Tranquillity, gli In Flames sembrano ora fare a gara con i Soilwork per lo scettro di melodic death metal band più commerciale del globo. Disco che farà sfracelli fra le nuove leve di metallari e fra gli estimatori più trendy della scena estrema d’oggigiorno. “The Jester Race” è solo un pallido ricordo… larva di bruco nei confronti di questa farfalla. A voi scegliere quale stato vitale preferire…
 
Vuoi leggere un parere opposto? Clicca qui

TRACKLIST

  1. Take This Life
  2. Leeches
  3. Reflect The Storm
  4. Dead End
  5. Scream
  6. Come Clarity
  7. Vacuum
  8. Pacing Death’s Trail
  9. Crawling Through Knives
  10. Versus Terminus
  11. Our Infinite Struggle
  12. Your Bedtime Story Is Scaring Everyone
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.