JUNIUS – Reports From The Threshold Of Death

Pubblicato il 04/11/2011 da
voto
6.0
  • Band: JUNIUS
  • Durata: 00:42:07
  • Disponibile dal: 25/10/2011
  • Etichetta: Prosthetic Records
  • Distributore: Audioglobe

Si rimettono in gioco i Junius, a due anni di distanza dal debutto “The Martyrdom Of A Catastrophist” e a poche settimane dallo split con gli ex compagni d’etichetta Rosetta. Dopo una partenza non troppo emozionante ci aspettiamo uno scossone da questa band d’oltreoceano, dall’indubbio talento musicale ma dalla personalità scarseggiante, almeno per quanto visto fino ad ora. “Reports From The Threshold Of Death”, purtroppo, non riesce nell’intento, presentando – per la seconda volta – una massiccia dose di musica narcotica e dalle continue progressioni di accordi oceanici, linee di basso pulsanti e tastiere ipnotiche a completare questa dolce ninna nanna post-rock. Vengono evocati spesso i My Blood Valentine per atmosfere e testi, Chino Moreno dei Deftones per affinità vocali con il singer, due somiglianze che si fermano solo ad essere, appunto, dei semplici rimandi, senza arrivare a possedere quelle caratterizzazioni musicali che hanno fatto la fortuna delle due formazioni. Nonostante la logica delle composizioni sia buona, il difetto principale dei Junius è quello di voler fossilizzarsi, a tutti i costi, su una formula melanconica e puramente commovente, dando a tutti i pezzi quella sensazione d’esperienza pre-morte riscontrabile sia nei testi che nel cantato tormentato di Joseph; una scelta che riesce a reggere per una manciata di pezzi ma che, con il passare dei minuti, sia fa via via sempre più pesante e difficile da metabolizzare senza lanciare qualche sbadiglio. Cori da chiesa e atmosfere spiritiche non aiutano di certo la resa finale di “Reports From The Threshold Of Death”, il quale, mostra i suoi lati positivi là dove cessa l’ultimo respiro e ci si immerge nel buio eterno. Gli episodi più cupi, in questo caso, si rivelano i veri punti forti dell’operato dei quattro di Boston, vale a dire pezzi come “Betray The Grave” o la doppietta posta in chiusura, dove le chitarre si fanno onnipresenti e il mood oscuro della band ha l’opportunità di esplodere liberamente. Non un brutto lavoro, dunque. Tuttavia, il gruppo, che paga inesperienza e testardaggine, ha ancora molto da lavorare sulla personalità e sul coinvolgimento delle propri composizioni. Per ora ci limitiamo ad un’onesta sufficienza, in attesa di poter sentire qualcosa di veramente interessante.

TRACKLIST

  1. Betray The Grave
  2. All Shall Float
  3. Dance On Blood
  4. A Universe Without Stars
  5. Haunts For Love
  6. The Meeting Of Pasts
  7. (Spirit Guidance)
  8. A Reflection Of Fire
  9. Transcend The Ghost
  10. Eidolon & Perispirit
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.