KREATOR – Endorama

KREATOR – Endorama

Partiti a suonare a metà degli anni Ottanta e subito diventati dei miti viventi dell’allora nascente movimento thrash teutonico, i Kreator hanno sempre guardato avanti, senza mai tentare di riciclare idee o di ripetere quanto già fatto in passato, almeno fino ad “Endorama” compreso. Se i primi tre lavori sono entrati nel mito grazie alla furia incompromissoria ed ignorante che li ammantava, con “Terrible Certainty” la band opta per un approccio sempre devastante ma anche tecnicamente più complesso, frutto naturalmente di un’esperienza sempre maggiore acquisita suonando dovunque e con chiunque. Nel 1990 i ragazzi di Essen danno alle stampe “Coma Of Souls”, album thrash più ragionato e completo che da molti è considerato il loro capolavoro, nonché una sorta di “Master Of Puppets” in versione germanica. All’apice della carriera, Petrozza e compagni non si sono di certo adagiati e – probabilmente consci che su quel versante non sarebbero riusciti a migliorare ulteriormente i loro standard artistici – decidono di iniziare un periodo estremamente sperimentale, che darà alla luce album controversi quali “Renewal”, “Cause For Conflict” e “Outcast”, accolti piuttosto male da critica e pubblico. Nel frattempo – siamo nel 1999 – tra molti cambi di line up Mille è rimasto l’unico membro originario della band, affiancato da una sezione ritmica composta da Christian Giesler al basso e Jurgen Rell (Ventor) alla batteria e dal fenomenale ex-Coroner Tommy Vetterli alla chitarra. Già due anni prima con “Outcast”, i Nostri si erano avvicinati a sonorità darkeggianti e sinuose, ma il vero colpo da maestri viene piazzato con “Endorama”, album magnifico dove tutto è quasi perfetto. Naturalmente i fan di vecchia data ripudieranno questo lavoro, costringendo Vetterli ad andarsene e Petrozza a tornare a suonare thrash metal. In realtà l’album è veramente ben riuscito, elegante, oscuro, con delle melodie assolutamente vincenti ed efficaci. Se fino ad oggi i Kreator avevano cantato le miserie della carne, “Endorama” descrive la sensualità dei sogni, una materia impalpabile ma assolutamente reale. L’album è descrivibile come un punto d’incontro tra un heavy thrash vicino ai Megadeth ed ai Metallica del black album e una preponderante vena dark che pesca da Killing Joke e The Sisters Of Mercy. Il risultato finale amplia e migliora quanto fatto nel corso degli anni da Lacrimosa, Crematory e compagnia. I pregiudizi dei fan non permisero ai brani contenuti in “Endorama” di emergere: non capiremo mai perché una opening track come “Golden Age” non abbia ricevuto lo stesso successo di “Symphony Of Destruction” dei Megadeth, trattandosi di un brano dall’identica struttura ma molto più elegante e sofisticato. La title track velocizza i ritmi, ma gli arabeschi creati dalla coppia Petrozza/Vetterli contribuiscono a tenerla piuttosto lontana dalle spigolosità thrash. Eccezionale il lavoro di mixing sulle due voci di Mille e dell’ospite Tilo Wolff dei Lacrimosa, che imbastiscono degli intrecci di rara intensità. Il metallaro medio non ha mai perdonato alla band il trittico composto da “Chosen Few”, “Everlasting Flame” e “Passage To Babylon” che, unito a “Willing Spirit”, rappresenta la totale crasi con il passato dei Nostri. “Chosen Few” e “Willing Spirit” in particolare sono i due brani più soffusi, delicati ed in qualche modo meno opprimenti mai usciti dalla penna di Petrozza; “Everlasting Flame” e “Passage To Babylon”, invece, rappresentano rispettivamente l’aspetto elegante e catchy del gothic. Al metal si ritorna con “Pandemonium”, up tempo comunque controllato e raffinato e con la finale “Tyranny”, che gode di melodie assolutamente preponderanti rispetto alla pesantezza del chitarrismo. Per assurdo i due episodi maggiormente heavy del lavoro sono anche quelli mono riusciti, ovverosia “Shadowland”, molto cupa, e “Soul Eraser”, vagamente sintetica e davvero poco ispirata, salvo che per un buon solo maideniano peraltro completamente fuori contesto. La voce di Mille Petrozza rinuncia quasi completamente all’impatto, immolandosi sul’altare del gothic dark più sensuale e passionale; Vetterli con il lavoro di tastiera (e con un contributo fondamentale al songwriting) riesce ad essere ammaliante in ogni passaggio, mentre la sezione ritmica svolge il proprio dovere sebbene venga posta assolutamente nelle retrovie rispetto alla coppia di solisti. Anche le liriche si fanno più mature, descrivendo paure, angosce e calcando molto la mano su un certo senso di rinnovamento che pare avere colto la band in quel particolare momento della propria carriera (“Broken dreams, misery replaced by constant ecstasy” canta Petrozza in “Golden Age”, che già dal titolo è un monumento al nuovo che avanza). Da qualunque lato lo si osservi, “Endorama” è un vero capolavoro, un masterpiece emozionale del quale anche la critica ha tessuto lodi sperticate. Purtroppo però le vendite furono veramente disastrose, la Drakkar scaricò il quartetto che da lì a poco diede il benservito a Vetterli, sostituito dal più anonimo Sami Yli-Sirniö, e tornò al thrash tout court con “Violent Revolution”, album decisamente buono ma lontano anni luce dai picchi emozionali di “Endorama”. Anche i Kreator si sono dovuti quindi inchinare alle esigenze del mercato ed alle richieste di fan la cui apertura mentale è pari a quella di un talebano. Rimane il fatto che “Endorama” rappresenta uno dei momenti più alti della carriera dei tedeschi e merita di essere riscoperto a distanza di anni proprio per le istanze del tutto particolari racchiuse al suo interno. Gemma nascosta.



Informazioni Album

Durata: 00:50:05

Disponibile dal: 28/09/1999

Etichetta: Drakkar Records

Distributore:

Tracklist

1. Golden Age

2. Endorama

3. Shadowland

4. Chosen Few

5. Everlasting Fire

6. Passage To Babylon

7. Future Ring

8. Entry

9. Soul Eraser

10. Willing Spirit

11. Pandemonium

12. Tyranny


Link

Ultimi contenuti correlati

Consulta l'archivio per: KREATOR

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.

  • Time_to_Act

    Recensione molto bella di uno dei dischi più sottovalutati dei Kreator.
    Devo sollevare solo un’obiezione al recensore: Jürgen Reil altri non è
    che Ventor (http://it.wikipedia.org/wiki/J%C3%BCrgen_Reil)! Ventor non
    figura nella line up in un solo disco, Cause for Conflict (nel quale
    suona Joe Cangelosi) :P

  • http://www.facebook.com/de.fense.12 De Fense

    a mio parere il loro capolavoro insieme ad Outcast e Cause for Conflict

  • simothrasher

    sono perfettamente d’accordo con quanto detto da luca soprattutto x la frase epica:”fan la cui apertura mentale è pari a quella di un talebano” infatti sono in molti a liquidare questo disco non capendo che brani come endorama e golden age sono dei veri inni dark-thrash.Sicuramente non il mio album preferito dei kreator(x me extreme aggression è la summa si mille) ma decisamente un ottimo lavoro che non è riuscito ad avere successo x colpa del passato della band.

  • Luca Filisetti

    Grazie Time To Act, ho corretto l’imprecisione

  • SeventhSonOfTheBeast

    A me non piace molto, sarà che non apprezzo il gothic…invece non riesco a capire come mai “Cause for conflict” sia così discusso…a mio avviso è una bomba, un mix micidiale di groove/thrash, una vera perla nei ’90!
    Mistero…

  • stenlio

    è brutto ammetterlo, ma anche nel metal ci sono esigenze economiche che determinano le sorti delle bands. senza fare nomi, poche bands si possono considerare veramente escluse da questo teatrino…

  • pifferaio

    L’ho rivalutato proprio in questo periodo “Endorama”…gran bel disco se non ti aspetti solo thrash metal a manetta!

  • DiscipleOfTheWatch

    La parte del talebano stavolta tocca a me, quasi tutta la discografia dei Kreator post Coma of Souls mi fa sbadigliare parecchio, in particolare Renewal… Poi vedo che c’è chi la ritiene il meglio della produzione di Petrozza e soci, a me annoiano tanto le derive dei 90’s quanto il ritorno al thrash dell’ultimo decennio.

  • simothrasher

    il mondo è bello perchè è vario se tutti la pensassimo ugualmente non ci sarebbero mai discussioni xD

  • DiscipleOfTheWatch

    Decisamente! Ho provato a riascoltarlo sia poco tempo prima che uscisse questa recensione sia dopo, ma niente… Piuttosto mi ha fatto venire voglia di mettere su Floodland, ahah!

  • simothrasher

    be cmq x me non è sicuramente il disco migliore dei kreator ad esempio un coma of souls o extreme aggression(il mio preferito) nn li batte nessuno!!

  • simothrasher

    a proposito grandi sister of mercy xD

  • DiscipleOfTheWatch

    Gran gruppo eh? ;) Io ti dico Terrible Certainty invece, ma per me è davvero difficile scegliere tra quei 5 dischi (anche l’ignorantissimo Endless Pain mi gusta parecchio)

  • simothrasher

    si ho anche terrible certainty ed è un discone cmq tutta la discografia loro è buona, fino a coma è superlativa poi hanno cambiato genere però sono riuscito ad apprezzarli lo stesso e poi hanno tirato fuori un cd come violent revolution che x me è un grandissimo ritorno alle origini

  • DiscipleOfTheWatch

    Violent Revolution lo ascolto ancora volentieri, ma è l’unico del “ritorno a suonare thrash perché devo mangiare” (disse un certo Tommy T. Baron). Gli altri li ho stancati abbastanza in fretta, in particolare l’ultimo… Sarà che non sono sto grande fan!

  • simothrasher

    be questo è ovvio le vendite mancavano e allora tornano alle origini lo fanno tutti a me è piaciuto anche enemy of god l’ultimo a parte qualche canzone qua e là non è nulla di fenomenale

  • Lawless

    disco maestoso che ha dimostrato quanto Petrozza abbia talento nel comporre a 360° a prescindere dal genere.L’unica inesattezza e’ che ai tempi anche la critica lo accolse in modo freddo, ricordo delle valutazioni non troppo alte. In ogni caso, un discone da rivalutare. Bravissimi per averlo recensito per i bellissimi

  • fabiostarchild

    Essendo un thrasher piuttosto purista quest’album non lo ho mai digerito un granchè. Sicuramente da apprezzare la voglia di sperimentare ma se voglio ascoltarmi i Kreator (di cui sono un grande fan) metto su Pleasure to kill.
    Di sicuro è meglio un’operazione di questo tipo piuttosto che quello che ci propinano gli Slayer da anni…

  • Daniele Marchese

    appena uscito l’ho trovato “strano”, abituato a plesure to kill ed extreme aggression, oggi considero endorama un opera musicale formidabile, un autentico capolavoro! … bella recensione!