LEUCOSIS – III

LEUCOSIS – III

Dalle soleggiate e insospettabili spiagge di Santa Cruz, in California, arriva uno spasmo di odio e oscurità incredibile, schegge di black metal epico e velenoso completamente avvolto nelle tenebre dell’inconoscibile. Dei Leucosis sappiamo solo che sono in tre, che suonano di rado dal vivo, che sono giovanissimi (praticamente ragazzini) e che con “III” sono arrivati alla quarta uscita in poco più di un paio d’anni. A parte l’artowrk stupendo della copertina meritevole senza dubbio di una menzione, di questo lavoro va detto subito che il loro black metal trasuda tenebre e smuove montagne. Polverizza ossa e fa bollire il sangue nelle vene. Le due canzoni di “III” sono incubi ad occhi aperti, orrori a cielo aperto. La musica dei Nostri racchiude tutto quanto il black metal americano ha fatto negli anni per deformare stili e tradizioni e risultare imprevedibile e grottesco. Leviathan, Xasthur, Weakling, Von, Twilight e Negative Plane sono tutti qua racchiusi in due tracce di puro odio concentrato, di rancore ululante e di prezzo suppurante. Ma c’è dell’altro, potenza immaginifica, emotività… epicità. Il formato colossale delle due tracce-monolite permette ai nostri di erigere torri e muraglie di materia oscura con ampissima facilità e gusto. Sembra quasi che l’avant-black metal americano, e questi Leucosis in particolare, non riescano a vivere senza gli Swans, senza i Death In June, e senza i Bodychoke come ulteriore supporto al loro malvagio disegno sonoro che ha come scopo ultimo la deformazione e il massacro collettivo di generi e confini. C’è davvero del malsano nella musica di questa band, egregiamente espresso tramite una produzione glaciale e tagliente ma non priva di corposità e densità. Ampiamente presenti nel contorto e stortissimo immaginario sonoro dei nostri sono ovviamente anche le indispensabili lezioni delle legioni black metal europee più recenti, quelle ancora ben ancorate alla tradizione – Craft, Glorior Belli, Watain, Archgoat e Sargeist in primis, ma il suono dei Leucosis piega cotanto glacialismo integralista ad una malformazione atmosferica solenne e spietata, ad un calvario auditivo immane, ad un supplizio “mentale” e interiore insopportabile. La band è ancora giovane e forse anche inesperta (parliamo soprattutto della semplice esecuzione) , ma la profondità e vastità raggiunta dalla loro orrenda e tentacolare proposta sonora a tratti lascia davvero interdetti nonostante la breve vita della band. Ultimo appunto: il lavoro è completamente autoprodotto e nonostante le due tracce, la musica vera e propria di “III” è tutta raccolta nella prima traccia omonima, mentre “Untitled” null’altro è che una outro ambient dalla natura alquanto contingente che nulla aggiunge – e casomai erode soltanto – alla sostanza immane della opener. Nonostante tutto, questa è una band da seguire in ogni sua minuscola mossa.



Informazioni Album

Durata: 00:24:15

Disponibile dal: 17/06/2013

Etichetta:

Distributore:

Tracklist

1. III

2. Untitled


Link

Consulta l'archivio per: LEUCOSIS

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.

  • ieoooh

    Quello prima (credo?) era veramente una bomba..lo descrivevano come black metal con elementi alla buried inside..come lasciarselo sfuggire? :)

  • MattiaAlagna

    questa band e’ da tenere sotto strettissima osservazione.