MIKE TRAMP – Nomad

Pubblicato il 04/09/2015 da
voto
8.0
  • Band: MIKE TRAMP
  • Durata: 00:46:32
  • Disponibile dal: 28/08/2015
  • Etichetta: Target
  • Distributore:

Il leone bianco di Copenaghen prosegue la sua carriera solista con passione e tenacia, rilasciando con invidiabile puntualità opere di buona fattura che, a conti fatti, assumono la fisionomia di nitide fotografie scattate in un determinato momento della sua esistenza. Oramai completamente disinteressato dalle accecanti luci della ribalta, il frontman biondocrinito inforca ancora una volta la sua moto e si avventura come uno spirito libero da un lato all’altro degli Stati Uniti, inchiostrando sullo spartito gli aspetti salienti di questa esperienza con “Nomad”: il disco chiude la trilogia inaugurata nel 2013 con “Cobblestone Street” e con il successivo “Museum” pubblicato l’anno seguente, dischi squisitamente intimi incisi a quattro mani in compagnia del fidato collaboratore e polistrumentista Søren Andersen. In questa occasione il protagonista riassembla ed aggiorna la sua ‘E Street Band’, richiamando il batterista Morten Hellborn ed un paio di nuove risorse, il bassista Jesper Haugaard ed il tastiersta Morten Buchholz. Rinnovato il sodalizio con l’oculata Target Records, Mike Tramp recupera soltanto in parte l’energia sopita nei due precedenti lavori, servendoci su di un piatto d’argento dieci episodi meravigliosi nella loro efficacia. Il frontman danese non cova l’assurda pretesa di reinventare nulla, al contempo evita saggiamente di rievocare lo spettro dei White Lion, operazione che farebbe probabilmente felice qualche fan di vecchia data, ma ridurrebbe ai minimi termini la sua credibilità artistica. I dieci episodi contenuti nell’album sono avvolti da una persistente coltre di malinconia, musicata attraverso un rock sobrio ma altamente evocativo, puntellato sovente da ambrati chiaroscuri ricamati da eleganti chitarre e tastiere. Appare dunque impossibile non farsi ammaliare dagli avvincenti chorus che rendono “Give It All You Got”, “Who Can You Believe” e “High Like A Mountain” tre sfavillanti gioiellini da indossare in occasione di un lungo viaggio in autostrada. “Bow And Obey” rielabora con efficacia le trame tessute alcuni anni fa dai Goo Goo Dolls, mentre “No More” vira con fare lascivo sul pop di classe, lievemente irrobustito da un guitar work memore delle migliori lezioni impartite dagli Stones. Nessuna incertezza narrativa si palesa dinnanzi al nostro percorso, finemente vergata da un’onestà intellettuale raramente reperibile in un contesto nel quale spesso emerge l’immagine vuota del rocker maledetto e poco altro. Imperdibile.

TRACKLIST

  1. Give It All You Got
  2. Wait Till Forever
  3. Counting The Hours
  4. Bow And Obey
  5. High Like A Mountain
  6. No More
  7. Stay
  8. Who Can You Believe
  9. Live To Tell
  10. Moving On
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.