MORBID ANGEL – Heretic

Pubblicato il 24/09/2003 da
voto
5.5
  • Band: MORBID ANGEL
  • Durata:
  • Disponibile dal: 23/09/2003
  • Etichetta: Earache
  • Distributore: Self

Liriche esistenziali di stampo esoterico, il lancio di un drumming pirotecnico con un uso della doppia cassa a funzione portante (protratto per l’intera durata del brano), poliritmie a non finire, e un approccio agli assoli che dava finalmente un senso compiuto al concetto di “misterioso” e “distrurbante”. Questo ed altro sono stati i Morbid Angel nel corso degli anni ’80 e per buona parte dei ’90, fino all’abbandono del leader Dave Vincent, all’indomani dell’ inarrivabile “Domination”. Che le tappe successive della band non siano mai più state all’altezza di quel lavoro (per non parlare dei precedenti) è opinione consolidata, con la formazione indecisa se rifarsi alla ferocia degli esordi oppure imboccare un sentiero di ricerca, cullando l’aspetto progressivo della propria proposta.
La stessa insicurezza traspare dal nuovo “Heretic”, disco tribolato nella gestazione, con i Morbid Angel smembrati del proprio organico (via per sempre Erik Rutan ed il convalescente polistrumentista Jared Andersson), ridotti all’osso, con i due superstiti Azaghthoth e Sandoval, coadiuvati dal rientrante Steve Tucker. Povera e monotona la proposta, basata su stilemi compositivi sempre efficaci, ma che non impressionano più l’orecchio degli ascoltatori più smaliziati.
 Resta una tecnica inarrivabile, magistrali riff low-tuned partoriti dalla 7 corde (“Enshrined By Grace”), l’effetto alienante provocato dai raddoppi ritmici e dalla particolarissima scelta di intervalli (“Beneath The Hollow”), il limbo elettrico di “Place Of Many Deaths” e l’ideale seguito della celebre “Desolate Ways”, che qui prende il nome di “Memories Of The Past”, un saggio per chitarra acustica che rivela ancora una volta l’approccio cinematografico di Azaghthoth, intento a evocare scenari curiosamente in linea con un certo folklore siciliano. Restano accelerazioni al fulmicotone ed un impianto lirico/numerologico di grande spessore, traspare orgoglio per le proprie radici, la stessa consapevolezza nei propri mezzi che fa sì che in chiusura di lavoro siano posti due siparietti solisti (“Drum Check” e “Born Again”) che sanno troppo di riempitivo. Anonima, ma non è una novità, la prova del figliol prodigo Tucker, così come discutibile si rivela la produzione (con un mixaggio soffocante), affidata stavolta al fido ingegnere del suono Juan Gonzalez.
Un album formalmente impeccabile, ma che a livello di contenuti latita profondamente.

TRACKLIST

  1. Cleansed In Pestilace (blade Of Elohim)
  2. Enshrined By Grace
  3. Beneath The Hollow
  4. Curse The Flesh
  5. Praise The Strength
  6. Stricken Arise
  7. Place Of Many Deaths
  8. Abyssous
  9. God Of Our Own Divinity
  10. Within The Enemy
  11. Memories Of The Past
  12. Victorious March Of Rain The Conqueror
  13. Drum Check
  14. Born Again
  15. Inflections
  16. Tortured Souls
  17. Terror Of Mechagodzilla Lava!!
  18. Triplet Lava
  19. Doomcreeper
  20. Laff
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.