NAR MATTARU – Enuma Elish

NAR MATTARU – Enuma Elish

Chissà se gli Incantation si stanno rendendo conto di avere così tanti seguaci oggigiorno. Da band perennemente sottovalutata sono tutto a un tratto divenuti il primo punto di riferimento per una sequela impressionante di realtà death metal underground provenienti da tutto il globo. I cileni Nar Mattaru sono gli ultimi in ordine di tempo ad unirsi a questa schiera: il loro debut album “Enuma Elish” cita infatti a più riprese la band di John McEntee, sino ad arrivare a dichiarare apertamente il proprio amore in una cover di “Abolishment Of Immaculate Serenity” posta in chiusura. Quest’ultimo, comunque, non è il solo tributo presente nell’opera: già a metà tracklist troviamo infatti “Tirano Constrictor” dei connazionali Kratherion e la più che nota “Twisted Mass Of Burnt Decay” dei maestri Autopsy. Messa così, verrebbe da pensare che i Nar Mattaru finora si siano impegnati più a registrare cover che a lavorare al proprio materiale, ma, in realtà, il platter consta di altri sei brani decisamente lunghi e strutturati, che portano il lavoro ad assestarsi sulla considerevole durata di un’ora abbondante. Proprio la prolissità di certe composizioni è il primo limite di “Enuma Elish”, un album che in certi tratti sembra un po’ perdersi in girotondi sfiancanti e in qualche midtempo che appare più noioso che opprimente. Va detto che quando i Nostri azzeccano il riff e la struttura giusta, l’ascolto si rivela gradevole – vedi la lunga ma interessante “Eternal Night Dominion”, che include anche un bel lavoro di basso, oppure “Under Endless Spheres” – tuttavia durante l’ascolto non sempre si ravvisa tale fermezza al timone, anche se indubbiamente il disco è in grado di generare un’aura demoniaca di tutto rispetto. Una band come i finlandesi Maveth, insomma, è per ora su un altro livello, sia sotto il profilo della cura per i dettagli che dell’intensità complessiva. Manca ancora un po’ di messa a fuoco, ma ci auguriamo che questa arrivi già dalla prossima release. Per ora archiviamo i Nar Mattaru come un buon gruppo per fanatici e completisti.



Informazioni Album

Durata: 01:02:43

Disponibile dal: 12/11/2012

Etichetta: I Voidhanger Records

Distributore: Masterpiece

Tracklist

1. Uttuk Xul (The Ancestral Ritual)

2. Eternal Night Dominion

3. In The Abyss Of Time

4. Tirano Constrictor (Kratherion cover)

5. Twisted Mass Of Burnt Decay (Autopsy cover)

6. Nar Mattaru

7. Under Endless Spheres

8. Enslaved To The Inferior Universe

9. Abolishment Of Inmaculate Serenity (Incantation cover)


Link

Consulta l'archivio per: NAR MATTARU

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.