NEUROTIC NOVEMBER – Annunaki

Pubblicato il 11/12/2013 da
voto
6.5
  • Band: NEUROTIC NOVEMBER
  • Durata: 00:34:20
  • Disponibile dal: 28/10/2013
  • Etichetta: Victory Records
  • Distributore:

Il deathcore è stata un’autentica manna dal cielo per le case discografiche di inizio secolo. Non ci stupisce quindi come la major Victory, sempre lungimirante nell’annusare gli affari redditizi al primo colpo, abbia deciso di mettere sotto contratto questi giovani ragazzi provenienti dall’assolata Florida, (famosa per aver dato i natali alla mitologica scena death nei lontani anni ’80), e di pubblicare in breve tempo questo “Annunaki”. Quindi, ci siamo tuffati nell’ascolto di questo lavoro non immuni da un certa dose di pregiudizi dovuti a queste iniziali premesse, aspettando di trovarci in presenza della solita new sensation fatta ad hoc per mietere vittime tra gli adolescenti con il poster dei Bring Me The Horizon in camera. Ma ci siamo dovuti parzialmente ricredere. Abbiamo usato il termine “parzialmente” poiché i Nostri sì propongono un Deathcore a presa rapida senza troppi fronzoli, ma la loro proposta risulta comunque essere peculiare, in un certo senso. La produzione, intanto, non è pompata come è consuetudine nel panorama mainstream, ma conserva un sound “amatoriale” che piace e sorprende. Il deathcore proposto dai giovani di Miami è sporcato da ritmi hardcore, che ben si sposano con il growl strozzato del singer Dirty, e si miscelano saltuariamente con intramezzi rap dal sapore nu-metal. L’atmosfera che si respira nel corso di queste undici tracce è nevrotica e soffocante, ricordando molto da vicino ciò che è stato proposto dai primi Suicide Silence (per quanto concerne l’aggressività delle ritmiche), o dagli Static X (per le aperture rap metal-oriented che troviamo di sovente sul nostro cammino, precedentemente menzionate). Un altro punto di forza della compagine statunitense è la pluritatuata bassista Bear, la quale dà il suo personalissimo contributo al sound della band con una performance molto funky, utilizzando di sovente la tecnica dello slap (non proprio una consuetudine all’interno di questo tipo di scena). Sono appunto le tracce che presentano una contaminazione da parte di queste componenti rap e funk ad essere, a parere di chi scrive, gli episodi maggiormente riusciti del lotto. Mentre i pezzi posti in apertura, quali ad esempio “Check Mate”, seguono in maniera piuttosto canonica gli stilemi Deathcore moderni senza fare granché per cercare di stupirci, brani come “Nonchalant”, dal rap flow irresistibile, oppure “Wasabi Anguish”, con il suo outro che non sfigurerebbe su un album degli Hollywood Undead, rendono l’ascolto di questo LP divertente e stimolante. Uno dei principali vizi che affliggono questo lavoro è forse un’eccessiva tendenza alla sperimentazione; il quintetto di Miami molto spesso ci dà la sensazione di mettere troppa carne al fuoco. Se da un lato questo, in alcuni episodi, li porta a raggiungere il risultato sperato, in altri produce un senso di caos sonoro che tende a spaesare l’ascoltatore. Stringendo, i ragazzi americani hanno sfornato un prodotto gradevole e sufficientemente variegato, non sempre brillante in tutti i suoi episodi ma comunque discretamente personale e divertente. Ci sentiamo di consigliarlo a tutti quei nostalgici di un certo tipo di sound anni 2000. Ma anche i giovincelli avranno di che divertirsi.

TRACKLIST

  1. Anunnaki
  2. Check Mate
  3. To Prevail
  4. The Betrayer
  5. Nonchalant
  6. Alonzo/Precious Life
  7. You’re Not An Easy Act To Follow
  8. Parents
  9. Can Be Conquered
  10. Wasabi Anguish
  11. Our Development.
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.