NOVEMBRE – Novembrine Waltz

NOVEMBRE – Novembrine Waltz

Melodie malinconiche, a tratti dolciastre e, allo stesso tempo, efferatezza sonora, vera potenza metal. E’ questo “Novembrine Waltz”, il punto di incontro di molteplici influenze e sonorità. I Novembre sono “Novembrine Waltz”, dentro di esso troverete tutto ciò che la band dei fratelli Orlando ha creato e mostrato nei tre precedenti capitoli della propria storia: “Wish I Could Dream It Again…”, “Arte Novecento” e “Classica”. Stiamo quindi sempre parlando del particolarissimo doom-death metal caro ai nostri, non si sfugge, però questa volta è impossibile non notare come tutti gli aspetti del Novembre sound siano stati elevati all’ennesima potenza. Il drumming di Giuseppe è fantasioso, tecnico e straordiaramente fluido – davvero qualcosa di indescrivibile! -  le trame chitarristiche sono tutte memorabili e vedono i nostri lanciarsi da un estremo (sezioni doom a dir poco drammatiche e disperate: vedi il capolavoro “Conservatory Resonance”) all’altro (la quasi solare “Valentine”) con una coerenza e una naturalezza incredibile. Infine, la voce di Carmelo è come sempre grandiosa, capace di passare dallo screaming alla voce pulita, da un growl cupissimo a dei sussurri. Un miglioramento costante e ammirevole, il suo. Venendo alla produzione, è indubbio che quella del disco sia la migliore di la band abbia beneficiato in carriera. Poi la copertina… elegantissima e originale, davvero qualcosa da gustarsi in ogni dettaglio e che rappresenta ottimamente il contenuto del disco. In mezzo a tutte queste cose se vogliamo prevedibili – il gruppo aveva infatti sempre dimostrato di sapersi migliorare in tutti questi anni - c’è spazio anche per qualche vera novità: le tastiere si ritagliano infatti uno spazio maggiore rispetto ai capitoli precedenti, ma, come dicevamo, riescono nell’impresa di non snaturare affatto il classico suono della band, subito riconoscibile. Poi, grazie alla cover di “Cloudbusting” di Kate Bush, per la prima volta possiamo sentire una voce femminile in un album dei Novembre; opera dell’ex cantante dei The 3rd And The Mortal, Ann-Mari Edvardsen. Che altro dire, dunque… “Novembrine Waltz” ci mostra una band sicura di sè, conscia dei propri mezzi. Una band che ha moltissima esperienza, che è nella scena da quasi dieci anni e che si appresta finalmente a cogliere i frutti del duro lavoro e della costanza che l’hanno sempre caratterizzata. E’ realmente molto difficile descrivervi questo album, siamo ormai a corto di parole per rendervi l’idea di che cosa siano riusciti a realizzare questi musicisti. Qui c’è Arte, ci sono Emozioni… ascoltate “Novembrine Waltz”, non potrà deludervi.



Informazioni Album

Durata: 00:59:54

Disponibile dal: //2001

Etichetta: Century Media Records

Distributore: Self

Tracklist

1. Distances

2. Everasia

3. Come Pierrot

4. Child of the Twilight

5. Cloudbusting

6. Flower

7. Valentine

8. Venezia Dismal

9. Conservatory Resonance


Link

Ultimi contenuti correlati

Consulta l'archivio per: NOVEMBRE

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.