P.L.F. – Devious Persecution And Wholesale Slaughter

P.L.F. – Devious Persecution And Wholesale Slaughter

“Devious Persecution And Wholesale Slaughter”. I P.L.F. non vanno per il sottile già a partire dai titoli e, infatti, il terzo album vero e proprio della formazione statunitense si conferma la carneficina che parole e artwork avevano preventivato. I Nostri propongono nuovamente un concentrato incredibilmente potente di sonorità grindcore e thrash metal (Dark Angel e scuola teutonica in particolare), profondamente radicate nella tradizione Anni ’80, che difficilmente potrà lasciare indifferenti e non far muovere ondate di corpi sotto il palco. A tratti Dave Callier e compagni appaiono talmente a loro agio in quelle sonorità e in quelle epoche passate che davvero si fa fatica a credere che il gruppo provenga dal Texas e sia nato “soltanto” nel 1999. Poi, oltre alla scioltissima predisposizione al riffing del frontman, c’è ovviamente anche l’eccellente capacità tecnica degli altri musicisti: questa volta alla batteria troviamo Bryan Fajardo (Gridlink, Phobia, Noisear, Kill The Client) e i brani, almeno rispetto all’ultimo full-length “Crushing Fury Of Bastardization”, hanno acquistato una spinta e un groove decisamente più spiccati. In ogni caso, ciò che soprattutto emerge chiaramente fin dalle prime note dell’album è proprio l’approccio spontaneo e passionale con cui i P.L.F. si rapportano a certi mostri sacri e ai suddetti generi musicali. Il grindcore e il thrash metal degli eighties i Nostri ce li hanno nel sangue e si sente: “Crippled Mercilessly By Homemade Bombs”, ad esempio, parte con un riff che avrebbe fatto la gioia del Mille Petrozza di un paio di decenni fa. Ma non vi è una falla, nè un vero momento debole nel disco. È tutto un’esplosione di  ritmi pulsanti e coinvolgenti. Divertente per chi la suona, ma anche e soprattutto per chi la ascolta. Probabilmente non verranno mai considerati dei veri maestri, in quanto molto rozzi e tradizionali, ma i P.L.F., anno dopo anno, hanno dimostrato di essere estremamente abili nell’asfaltare l’ascoltatore affindandosi solamente alla loro ispirazione e ai classici strumenti del mestiere. Quando il riff funziona non c’è ragione che tenga!



Informazioni Album

Durata: 00:17:39

Disponibile dal: 08/02/2013

Etichetta: Six Weeks Records

Distributore:

Tracklist

1. Trinitrotoluene Negation

2. Blistered Dejection

3. Grinder Of Fools

4. Klaxon Of Puzzlement

5. Renegade Incompetence

6. Dissolution Of Rights, Pt. 4

7. Simultaneous Assassination

8. Up In Flames, Down In A Sea Of Bullets

9. Crippled Mercilessly By Homemade Bombs

10. The Story Of Ricky

11. Fatal Confusion

12. Devious Persecution And Wholesale Slaughter

13. Port Of Chicago Disaster

14. Final Act Of Recalcitrance


Link

Ultimi contenuti correlati

Consulta l'archivio per: P.L.F.

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.