PEARL JAM – Lightning Bolt

PEARL JAM – Lightning Bolt

Tra i superstiti più importanti dello scenario grunge nato a Seattle ad inizio anni Novanta, i Pearl Jam fanno parte delle primissime posizioni. A quattro anni dal precedente “Backspacer”, Eddie Vedder e compagni si rifanno vivi con il nuovo “Lightning Bolt”, un disco che a dire il vero non si allontana più di tanto da quanto proposto ultimamente dalla formazione americana. L’opener “Getaway” è un brano rock dritto e diretto, dalla melodia orecchiabile, perfetta per passare in radio. La successiva “Mind Your Manners”, in meno di tre minuti, ha il merito di presentarci una band rabbiosa che si diverte a picchiare sui propri strumenti, riff veloci e ritmiche compatte fanno del pezzo uno dei più incisivi ed originali del disco. La ballad “Sirens” è costruita tutta attorno alla calda voce di Vedder, qui autore di una performance di grande impatto emotivo. Le melodie soavi si sposano alla perfezione con le vocals sognanti ed intense, alle quali gli strumenti si limitano a fungere da accompagnamento. Con la divertente title track i Pearl Jam cercano di trascinare, il pezzo si lascia ascoltare, senza mai raggiungere particolari picchi di ispirazione. Quando la quinta marcia sembra innescata, lo stop di “Infallible” e “Swallowed Whole” ci riportano a soluzioni più melodiche e commerciali. Degna di nota, “Let The Record Play” ci propone un bel rock energico sporcato da un tocco blueseggiante di chitarra. Gran finale con “Future Day”, una ballata acustica di pregevole fattura. “Lightning Bolt” manca di quel paio di brani grandiosi in grado di far compiere al disco un netto salto di qualità, ma d’altro canto i tempi di “Ten” sono passati ormai da troppi anni e la rabbia di gioventù è andata smorzandosi a favore di una costante ricerca verso un sound più raffinato e maturo. L’ultima fatica della formazione di Seattle non verrà certo ricordata tra le migliori, ma fortunatamente i buoni spunti non mancano. I Pearl Jam hanno ancora qualcosa da dire.



Informazioni Album

Durata: 00:47:06

Disponibile dal: 18/10/2013

Etichetta: Monkeywrench Records

Distributore: Universal

Tracklist

1. Getaway

2. Mind Your Manners

3. My Father's Son

4. Sirens

5. Lightning Bolt

6. Infallible

7. Pendulum

8. Swallowed Whole

9. Let the Records Play

10. Sleeping by Myself

11. Yellow Moon

12. Future Days


Link

Ultimi contenuti correlati

Consulta l'archivio per: PEARL JAM

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.

  • http://www.giventorock.com/ Given to rock

    Mmm.. I Pearl jam non sono facili da recensire e, come altri gruppi, andrebbero recensiti da persone vicine alla band, che ne conoscono il percorso. Da quello che leggo non credo che il recensore conosca molto dei PJ. Inoltre, da quanto si legge, il voto é esagerato.
    La mia opinione sul disco é qui sotto.
    http://www.giventorock.com/2013/10/recensione-pearl-jam-lightning-bolt-2013.html

  • Andrea Raffaldini

    Per quanto riguarda il voto, cè stato un errore nell inserimento della recensione, è corretto il 6,5 che ho sistemato, grazie per la segnalazione. Sul tuo giudizio, che rispetto, mi piacerebbe magari se spiegassi meglio le tue motivazioni. Posso solo dirti che seguo i Pearl Jam da quando Ten uscì nei negozi nel ’91 ed ho tutti i loro dischi. Poi, ripeto, rispetto il tuo parere.

  • http://www.giventorock.com/ Given to rock

    Ciao Andrea, nessuna polemica, ovviamente. :)
    Mi sembrava non fossi un conoscitore del mondo PJ perchè non hai citato nessun riferimento col passato, non hai citato che Sleeping by myself è praticamente una cover del Vedder solista e neanche una parola per Yellow moon, forse la canzone più “Pearl jam” di Lightning bolt oltre che di gran lunga la migliore del disco, a mio avviso. :)

  • Andrea Raffaldini

    Ci mancherebbe, siamo qui apposta per scambiarci opinioni :-) le canzoni che più, a mio avviso, ho ritenuto interessanti sono quelle citate nella recensione. Yellow Moon e Sleeping By Myself onestamente non mi hanno particolarmente colpito, non li considero due dei pezzi che più lasciano il segno del disco :-)

  • http://www.giventorock.com/ Given to rock

    Sleeping by myself fa cagare, infatti. :P Ma l’originale merita eccome. Beh, dai qualche altra chance a Yellow moon e anche ad Infallible, poi se non ti piacciono, de gustibus…
    Sai com’è, spesso volano insulti, sulle recensioni, probabilmente ne sappiamo qualcosa entrambi :D

  • Andrea Raffaldini

    Il fatto è che una critica posta in modo educato ed argomentata, per me è spunto di discussione. Chi si limita a scrivere “non capisci un cazzo” poi se ne va, senza nemmeno spiegare perché è in disaccordo, non lo prendo nemmeno in considerazione .

  • http://www.giventorock.com/ Given to rock

    Beh, si. Hai perfettamente ragione. Molta gente sembra proprio scriva commenti random tanto per fare polemica. :)

  • Paolo Salvati

    Purtroppo il mio “divorzio” dai Pearl Jam cominciato anni fa prosegue tutt’ora… Già da prima continuai a perseverare nel seguirli nella speranza di un ritorno di quella fiamma di classe rock che ha incendiato i primi 3 meravigliosi dischi, dove da “No code” in poi cominciò a vacillare…
    Da “Riot Act” invece smisi di comprare i loro dischi (DIVORZIO!!!) cercando comunque ogni tanto di ascoltare le loro uscite successive, ma sia l’omonimo che “Backspacer” mi erano andati pesantemente a noia.
    Anche questo “Lighting Bolt” non sta riuscendo nel miracolo… Sigh!!!

  • TeoBass88

    Non essendo un disco metal,probabilmente non intervengono tutti i 15 enni (sia di età effettiva che di maturità) pseudo metallari a portare sacre verità :P
    Scherzi a parte,da appassionato dei PJ secondo i miei gusti trovo Sirens una delle più belle ballad mai scritte da loro.
    Per il resto sinceramente ho trovato il disco (che mi è piaciuto) perfettamente in linea con quello che sono oramai i PJ oggi, una band che ha dato tanto e si diverte ancora,ma oramai l’età che è sulla 50ina comincia a farsi sentire.
    Non sono così d’accordo sui giudizi anche di altri utenti sui Pearl Jam del post primi 3 dischi,l’unico che mi ha annoiato è Binaural,ma sono gusti :)

  • http://www.giventorock.com/ Given to rock

    Binaural mi piace un casino :D