RAW – From The First Glass To The Grave

Pubblicato il 16/06/2016 da
voto
8.0
  • Band: RAW
  • Durata: 00:39:55
  • Disponibile dal: 10/06/2016
  • Etichetta: Aural Music
  • Distributore: Audioglobe

Il suono delle catacombe introduce il primo movimento di “Death Waltz”, subito doppiato da un tappeto di tastiere in overdub. Con l’ingresso delle splendide chitarre acustiche, un crooner di alto livello ci trascina con capacità lungo le strade del Mississippi, mentre dietro, poco alla volta, il resto della band ci dipana note gocciolanti sudore, disperazione, bourbon bevuto a canna. Chi sia a cantare, chi sibili nenie da pelle d’oca, chi si faccia carico dei riff più taglienti o dei passaggi più emotivi non ci è dato di saperlo: del trio di Calgary ci vengono forniti i nomi e nient’altro, e va bene così. Non servono parole o spiegazioni. Perché “From The First Glass To The Grave” è tutto quanto descritto finora, e qualcosa di più; un’opera magniloquente di emozioni, per quanto tirato all’osso negli arrangiamenti; sì, perché non c’è nulla di complesso, in questo album. I primi cinque brani sono sporchi blues graffiati molto vagamente di sludge che potrebbe ricordare ai più curiosi tra voi i Wovenhand, con citazione speciale per gli arpeggi di “Slowly But Surely” e per la sublime e buia ballata d’amore “I’m a Shell But I’m Your Man”, dove echeggiano quasi spettri dell’ex Bad Seed Hugo Race, specie per il cantato senza speranza. E poi arriva la title-track, che definire sontuosa è limitante; un altro brano privo di velleità tecnica, ma i cui arpeggi di chitarra iniziali ci portano dalle parti dei Maestri, per poi trascinarci in un buco nero che più heavy psych non si può: lunghissimi minuti di batteria e chitarra su cui, come uno space rock sulfureo, si stagliano solo grida strazianti e campioni vocali. Con tutte le dovute proporzioni, immaginate di tuffarvi in un brano del Gilmour più recente, per riemergere (o affondare?) nei più acidi passaggi di “The Piper At The Gates Of Dawn”. Per citare pari pari le note di copertina fornite, qui si mischiano delta blues, psychedelic rock, country; viene citata, sinceramente a sproposito, anche un’influenza black metal, probabilmente presente nei gusti dei tre canadesi, ma non nell’esito del loro lavoro; così come, nel complesso, viene alla superficie ben poco di assimilabile al nostro genere di riferimento, comunque lo decliniate. Se però siete pronti a dedicare le vostre orecchie a quaranta minuti decisamente poco convenzionali, ma altamente emozionanti, non esitate un momento: mettete questo album, accendetevi una sigaretta e versatevi qualcosa di forte da bere. Buon ascolto e riascolto.

TRACKLIST

  1. Death Waltz
  2. Chopped Em’ Up
  3. Slowly But Surely
  4. I’m A Shell (But I’m Your Man)
  5. Mine
  6. From The First Glass To The Grave
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.