RESURGENCY – False Enlightenment

RESURGENCY – False Enlightenment

Nel caso non vi sia bastato il come-back dei Sinister, potreste magari dare un ascolto alla prima fatica sulla lunga distanza dei Resurgency (per la verità uscita un paio di mesi prima del nuovo album degli olandesi). “False Enlightenment” sembra infatti sposare il medesimo stile della band di Aad Kloosterwaard, proponendo un death metal di matrice novantiana che spinge parecchio sull’acceleratore, ma che, al tempo stesso, non dimentica qualche trama più catchy e una componente melodica che fa il possibile per caratterizzare adeguatamente ogni brano. In quest’ultimo aspetto, il gruppo greco richiama anche formazioni meno note come gli statunitensi Brutality e Disincarnate, entrambe omaggiate con qualche riff o con qualche passaggio armonico qua e là nella tracklist dell’opera. Pur non possedendo lo stessa ispirazione o lo stesso carisma dei suddetti nomi, i Resurgency si fanno segnalare per la loro proposta sì palesemente radicata nella tradizione del genere, ma tutto sommato ben curata nella forma e nei contenuti; questi ultimi, peraltro, una volta tanto risultano appunto lontani dai riferimenti che oggi vanno per la maggiore – Entombed? Incantation? – ed è probabilmente anche per questo che finiscono per rivelarsi tutto sommato digeribili e/o gradevoli ad orecchie ormai prossime al collasso davanti a orde di gruppi che non fanno oltre che procedere con un “copia/incolla” ai danni delle solite due o tre band. Piuttosto, ciò che essenzialmente frena i Resurgency dall’ottenere apprezzamenti più ampi è in primis una certa ripetitività nel songwriting – nonostante gli sforzi, una fetta dei brani pare proprio svolgersi attorno alle stesse formule e progressioni ritmiche e melodiche – e, in secondo luogo, una produzione sì pulita e voluminosa, ma anche un po’ sterile e, alla lunga, priva di carattere. La valutazione di quest’ultimo aspetto è ovviamente, molto più che in altri casi, una questione di gusti personali, ma resta il fatto che avremmo senz’altro preferito dei suoni più caldi ad avvolgere una proposta come quella in oggetto. In ogni caso, siamo abbastanza certi che il debut album del quartetto di Atene riuscirà comunque a destare un po’ di interesse nel circuito underground: mezzi e idee chiare non paiono mancare ai Nostri, tanto che solo un pizzico di costanza in più nella cura del songwriting potrebbe portarli a un livello già superiore.



Informazioni Album

Durata: 00:40:34

Disponibile dal: 16/07/2012

Etichetta: Hellthrasher Prod.

Distributore:

Tracklist

1. Craniums of Slain Disciples

2. Ending the Beginning

3. Black Holes of Antiverse

4. Dark Revival

5. False Enlightenment

6. Hideous Premonition

7. Where Despair Dominates

8. Mouth of Hades

9. Psychosis

10. Binding Is Fatal


Link

Consulta l'archivio per: RESURGENCY

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.