S.O.D. – Speak English Or Die

Pubblicato il 01/03/2014 da
S.O.D. - Speak English Or Die
voto
9.0
  • Band: S.O.D.
  • Durata: 00:28:36
  • Disponibile dal:
  • Etichetta: Megaforce Records
  • Distributore:

La leggenda vuole che un “certo” Scott Ian, chitarrista e fondatore di un gruppo chiamato Anthrax, una volta terminate le registrazioni di un disco che passò alla storia, intitolato “Spreading The Disease”, si ritagliò un po’ di tempo libero ed iniziò a buttare giù qualche riff dal sapore punk/hardcore, riff che andarono a dare forma ad un altro album che a sua volta fece la Storia… Reclutato l’ex bassista della sua band, Dan Lilker, alla voce venne chiamato Billy Milano, che ai tempi era un roadie degli Anthrax, ma che in seguito divenne il frontman dei M.O.D.; dietro alle pelli venne aggiunto l’altro Anthrax Charlie Benante e così nacquero gli Stormtroopers Of Death. “Speak English Or Die” venne registrato in tre giorni e inizialmente non venne certamente preso sul serio dalla critica: i brani che lo compongono non hanno una durata di più di tre minuti, alcuni dei quali sono una vera e propria presa per il culo (“Anti-Procrastination Song”, “What’s That Noise” o “The Ballad Of Jimi Hendrix”, per fare alcuni esempi); in ultimo, ma non di certo per importanza, i testi: sfrontati, strafottenti, dall’indole “nazistoide” (il titolo “Fuck The Middle East” crediamo che abbia creato non pochi problemi), ma che in realtà hanno il solo obiettivo di sfottere un po’ tutto il mondo del metal che spesso si prende troppo sul serio. “Speak English Or Die”, contro ogni pronostico, divenne ben presto un punto di riferimento in  ambito hardcore-metal e, insieme ai lavori di band quali D.R.I. e Suicidal Tendencies, diedero il la a quel crossover thrash, che nulla ha a che vedere con il crossover adorato dalle masse tra la fine degli anni ’90 e l’inizio dei 2000. In questo album troviamo tutta la rabbia e la velocità del thrash metal di quegli anni, unite a questo spirito hardcore punk degli appena nati Agnostic Front. L’assalto è frontale sin dalle primissime tracce, che costringono l’ascoltatore praticamente ad un’apnea da adrenalina, con riff velocissimi, affilati, frenetici e al contempo cadenzati, con ritmiche quadrate, semplici e terribilmente ricche di groove, dove ogni colpo su qualsiasi piatto, o su qualsiasi pelle, è suonato come se dovesse essere l’ultimo! L’ascoltatore può giusto tirare fiato mentre i Nostri ridono e scherzano con pause tipo “What’s That Noise”, salvo poi venire nuovamente inondato da una valanga di riff fino alla fine del disco, che in tutto dura  poco meno di mezz’ora per un totale di ventuno tracce. In “Speak English Or Die” c’è tutta la genuinità di chi si vuole divertire facendo musica senza volersi prendere sul serio: è il sogno di ogni musicista quello di registrare un disco quasi per scherzo in appena tre giorni e farlo divenire un masterpiece. Purtroppo, in seguito, la band non fu in grado di replicare un album come questo: dopo vari anni di silenzio venne infatti dato alle stampe “Bigger Than The Devil”, che formalmente non ha nulla di realmente sbagliato ma che sostanzialmente difetta di quella magia e di quell’indole – concedeteci il termine – cazzona e fracassona di “Speak English Or Die”. Tramite questa recensione, vorremmo sì far tornare la voglia di riascoltare questo disco a quanti già lo conoscono e lo apprezzano, ma vorremmo anche invitare tutti quei ragazzi che hanno amato il ben più recente metalcore a scoprire questo diamante grezzo, un album che nella sua immediatezza non perde un singolo milligrammo della rabbia che ha intenzione di trasmettere e che ha influenzato parecchio un genere che ha avvicinato al metal una generazione di hardcore kid.

TRACKLIST
  1. March of the S.O.D.
  2. Sargent "D" & The S.O.D.
  3. Kill Yourself
  4. Milano Mosh
  5. Speak English or Die
  6. United Forces
  7. Chromatic Death
  8. Pi Alpha Nu
  9. Anti-Procrastination Song
  10. What's That Noise
  11. Freddy Krueger
  12. Milk
  13. Pre-Menstrual Princess Blues
  14. Pussy Whipped
  15. Fist Banging Mania
  16. No Turning Back
  17. Fuck the Middle East
  18. Douche Crew
  19. Hey Gordy!
  20. Ballad of Jimi Hendrix
  21. Diamonds and Rust
3 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.