SOILWORK – The Living Infinite

Pubblicato il 05/03/2013 da
Soilwork - The Living Thing - 2012
voto
7.5
  • Band: SOILWORK
  • Durata: 01:24:22
  • Disponibile dal: 01/03/2013
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

I Soilwork, diciamocelo, erano ultimamente finiti in un vicolo cieco che ha fatto loro perdere un po’ della credibilità che con fatica avevano raccolto fino a “Figure Number Five” (per qualcuno ‘incluso’, per qualcun’altro ‘escluso’ in quanto primo segnale di un decadimento stilistico). Gli ultimi album avevano registrato pareri contrastanti, ma, vuoi per la crisi del mercato discografico, vuoi per una innegabile saturazione del genere melodic death metal, sembravano essere il parto di una delle tante band senza infamia e senza lode. Poi è arrivato l’annuncio di questo “The Living Infinite”, doppio album per un’ora e mezza di durata: cosa aspettarsi dunque dagli svedesi? Una decisione insolita per il genere trattato, sulla quale la band punta il tutto per tutto: riconquistare il trono. Basta un ascolto per dar loro ragione, in quanto le tracce qui incluse sono sicuramente da annoverare tra le più valide del nuovo corso, dove melodia e modernità convivono con disinvoltura, senza mai dimenticare freschezza e potenza, con tinte progressive metal davvero insperate. L’opener “Spectrum Of Eternity”, con quel suo intro orchestrale, si configura come la song più veloce del lotto, letteralmente graziata dalla prova stratosferica del sempre bravo Björn “Speed” Strid e dal drumming forsennato di Dirk Verbeuren. Poi parte una serie di pezzi uno più interessante dell’altro, dove tutti possono trovare i propri momenti favoriti: ritornelli sempre estremamente vari, validi e mai ruffiani per gli amanti della melodia, strofe potenti e accattivanti per i più temerari. Per non parlare dei frangenti solistici del nuovo ingresso David Andersson (Night Flight Orchestra), davvero pieni di gusto e raffinatezza (“Tongues” su tutte, con quelle sonorità che sembrano uscire dirette dalla sei corde di Steve Vai). La title-track, divisa astutamente in due tra primo e secondo disco, rappresenta il filo conduttore della narrazione, contenendo tutto ciò che i Nostri hanno saputo inventarsi in questo nuovo corso, che siamo sicuri rappresenterà un nuovo inizio ricco di soddisfazioni per una band ancora piena di idee e capace di reinventarsi, prendendosi qualche bel rischio. Da ascoltare tutto d’un fiato, senza paura.

TRACKLIST

  1. Spectrum Of Eternity
  2. Memories Confined
  3. This Momentary Bliss
  4. Tongue
  5. The Living Infinite I
  6. Let The First Wave Rise
  7. Vesta
  8. Realm Of The Wasted
  9. The Windswept Mercy
  10. Whispers And Lights
  11. Entering Aeons
  12. Long Live The Misanthrope
  13. Drowning With Silence
  14. Antidotes In Passing
  15. Leech
  16. The Living Infinite II
  17. Loyal Shadow
  18. Rise Above The Sentiment
  19. Parasite Blues
  20. Owls Predict, Oracles Stand Guard
6 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.