SPECTRAL APPARITION – Manifestation

Pubblicato il 09/01/2017 da
voto
7.5
  • Band: SPECTRAL APPARITION
  • Durata: 00:20:05
  • Disponibile dal: 31/10/2016
  • Etichetta: Invictus Productions
  • Distributore:

Sembra proprio che a molte delle nuove band formatesi negli ultimi tempi, piaccia particolarmente sporcarsi le mani con molteplici e differenti stili musicali, nel tentativo forse di superare la ‘classica’ dicotomia tra black e death metal in favore di una formula ibrida, capace di mischiare i migliori aspetti di entrambi in favore di qualcosa che sia originale e, almeno in parte, ancora inaudito. In questo senso, gli Spectral Apparition non fanno eccezione, vista la loro naturale preponderanza a non focalizzarsi mai troppo su un determinato genere e mantenere sempre molto cangiante il loro stile musicale, mentre decisamente inaspettata è l’amalgama finale creata per le canzoni contenute in “Manifestation”. Impossibile infatti non citare l’enorme importanza che anche il doom metal, inteso nella maniera più funerea ed estrema possibile, gioca nella creatività degli inglesi, che basano su di esso le assi portanti del proprio songwriting. In questo senso, si fa sentire pesantemente l’influenza di Greg Chandler, frontman delle leggende funeral doom Esoteric, in veste di produttore, capace di donare al sound di questo dischetto uno spessore considerevole ed un’atmosfera decadente piuttosto inusuale per questo genere di uscite. Basterebbe seguire il maestoso sviluppo di “Voices Call From Beyond The Shroud Of Perception” per capire di cosa stiamo parlando, un brano dilatato e regale nei suoi frangenti iniziali e finali, in cui si fonde con naturalezza la vena quasi epica del gruppo con i suoi impeti più feroci ed urgenti di chiara derivazione death metal contenuti nei ripetuti guizzi più veloci presenti nel brano. E’ solo il preludio a “Corpselight, Illuminate Me”, certamente la più movimentata del lotto, capace di esplodere dopo pochi secondi in una putrida processione medio-lenta che affonda l’ascoltatore all’interno di melmose trame black/death forse più tradizionali, ma comunque imbattibili in quanto a coinvolgimento e presenza. Ancora una volta, si fanno segnalare i pachidermici rallentamenti che subisce il turbinoso riffing degli strumenti, vero e proprio asso nella manica degli Spectral Apparition ed evidente elemento di distinzione all’interno della loro proposta. “Malignant Shape Of The Other” sembra racchiudere nei suoi sette minuti quanto espresso fino a questo momento, accentuando ulteriormente la componente black grazie a dei minacciosi fraseggi in tremolo sorretti da tempi incalzanti e sostenuti, egregiamente susseguiti da granitici accordi che schiacciano sotto il peso della loro malignità e soffocano in un baleno gli entusiasmi meno disperati che talvolta il fragore di alcuni passaggi potrebbe suscitare. E’ come se il gruppo cercasse costantemente di eccitare l’attenzione con stacchi di chitarra e partiture vistosamente arroganti, per poi frantumare ogni entusiasmo nella catatonica alterità dei suoi passaggi più lenti ed esasperanti. “Manifestation” quindi, si dimostra come un primo EP fortemente personale ed emotivamente molto variegato, quasi sofferto, nella sua opposta dualità tra movimento e staticità, tra azione e contemplazione, riuscendo a creare delle sensazioni decisamente conflittuali ma intriganti nella loro unione.

TRACKLIST

  1. Voices Call From Beyond The Shroud Of Perception
  2. Corpselight, Illuminate Me
  3. Malignant Shape Of The Other
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.