STORM{O} – Sospesi Nel Vuoto Bruceremo In Un Attimo e Il Cerchio Sara’ Chiuso

STORM{O} – Sospesi Nel Vuoto Bruceremo In Un Attimo e Il Cerchio Sara’ Chiuso

Piccoli post-corer italiani crescono. E come crescono bene. Dopo aver visto le positivissime parabole ascendenti di band come The Secret, Hierophant, Hungry Like Rakowitz, Dead Elephant, End of a Season e soci, è giunto ora il tempo di veder nascere – e brillare – la splendente stella dei bellunesi Storm{o} , che con questo ottimo “Sospesi Nel Vuoto Bruceremo In Un Attimo E Il Cerchio Sarà Chiuso” giungono al debutto sulla lunga distanza. Come facile intuire dal titolo del disco, l’hardcore dei Nostri è un affare altamente intimista e introverso. Punk rock lacerante ultra-brutale in pieno stile Converge, concepito, come in quel caso, come fascio catalizzatore per esorcizzare ogni sorta di malessere interiore ed esplorare i tormenti dei rapporti interpersonali più avvilenti ed autodistruttivi. Il risultato è un qualcosa che sta a cavallo tra screamo, post-hardcore di inconfondibile stampo hydraheadiano (Harkonen, Piebald, primi Cave In), ed un emoviolence obliquo e scurissimo. Converge, si diceva, e Botch, Envy, Curl Up and Die, Drive Like Jehu e These Arms Are Snakes, tutti tritati insieme e stipati in un budello di tormento e alienazione punk infinita. Ritmiche serratissime, strutture compositive contorte, imprevedibili e incompromissiorie che vivono tanto di mathcore che di tecnicismi prog ben più che ovvi, quanto di spiccatissime propulsioni noiserock sono gli ingredienti primari di una formula proposta dai Nostri che offre davvero pochi squarci per respirare e riprendere fiato. Ancorati a questo impianto sonoro severissimo troviamo poi come propellente primario delle chitarre affilatissime; rasoiate impazzite e implacabili che lacerano l’aria come fauci rabbiose, procedendo mano nella mano con cambi di tempo repentini che generano ancor più forza centrifuga. Il tutto viene poi impastato dai Nostri con un collante alienante e anti-umano: voci fatte tanto di pura rabbia e disperazione quanto di riflessività, espiazione e rassegnazione desolante. Non tutto nel lotto è però sempre a fuoco e impresso della massima incisività. Il basso, ad esempio, a tratti sembra voler scavallare il proprio ruolo di strumento ritmico andando ad infastidire le chitarre, e risultando dunque troppo onnipresente e in primo piano, mentre dal canto loro le voci, nel loro voler essere profonde, e “poetiche” a tutti i costi (sensuali quasi), spesso danno via troppo del contenuto lirico, svelando testi troppo intelligibili, e scandendo troppo bene le parole, perdendo dunque un tantino in fascino e ambiguità, o chiudendosi in veri e propri monologhi di voci pulite che tendono a sgonfiare tutta l’intensità esplosiva espressa negli stessi passaggi dalla sezione strumentale, al contrario totalmente squassante e mai scadente in incisività. In generale però, e fatte queste doverose e fastidiose precisazioni, non si può assolutamente negare quale tipo di fervida passione, serietà e intensità trascini questa band e la sua musica. L’esecuzione è sia impeccabile che implacabile, la produzione e suoni del disco andrebbero assunti come modello da tutte le band nel genere che hanno intenzione di fare sul serio, tanto sono perfetti, devastanti e avvolgenti, e in generale l’attitudine tutta mostrata dai bellunesi nello sviluppare la propria visione musicale è di quella di fronte alla quale ci si toglie il cappello: non ci sono solo rabbia, potenza e grande espressività concettuale in questa musica, ma ci sono anche stile, serietà assoluta, integrità e una valanga di palpabilissima passione per quello che fanno. Davvero una prova esemplare per questa giovanissima band italiana che già al primo vagito ha mostrato di avere un’indiscutibile marcia in più rispetto alla concorrenza. Sorvegliati più che speciali, e ascolto consigliatissimo.



Informazioni Album

Durata: 00:33:34

Disponibile dal: 21/02/2014

Etichetta: Shove Records

Distributore:

Tracklist

1. In Volo

2. Supernova

3. Fuga

4. Perchè La Bambina Cade

5. Sorridendo (Alla Possibilità Della Caduta)

6. D'istanti

7. Un Coltello: Compassione O Comprensione

8. Delle Nostre Vite Appese

9. Meditazione Sulle Eterne Massime: Parte I - "Le Cose Peggiori"

10. Meditazione Sulle Eterne Massime: Parte II - "La Debolezza"

11. Meditazione Sulle Eterne Massime: Parte III - "L'accecante Guida"

12. Human 2.0

13. Aspettandone Uno Vivo

14. Respiro

15. Per Le Tue Lacrime


Link

Ultimi contenuti correlati

Consulta l'archivio per: STORM{O}

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.

  • ChatNoir

    dicasi anche : disco con i controcazzi.

  • ieoooh

    quando arrivi al punto di dire la parola come ‘affettuosamente’ in un disco del genere, vuol dire che la sai lunga

  • Francesco Tinella

    Bellissima recensione per uno splendido album.