THE GATHERING – Mandylion

THE GATHERING – Mandylion

L’anno è il 1994 e i The Gathering sono una piccola band olandese fondata nel 1990 dai fratelli Hans e René Rutten. Fino a questo momento la formazione non ha avuto molta fortuna con il suo gothic doom: i primi due album, “Always” ed “Almost A Dance” non sono andati benissimo ed il massimo onore i The Gathering l’hanno ottenuto aprendo per Morbid Angel e Death; quindi il gruppo naviga a vista, così come le altre band contemporanee all’interno di questo genere, tra le più famose da segnalare i Theatre Of Tragedy di Liv-Kristine Espenaes ed i The 3rd And The Mortal di Kari Rueslatten. Il motivo? Un concreto disinteresse da parte del pubblico per un tipo di suono a conti fatti poco “schierato”, non metal abbastanza e non troppo poco, e soprattutto l’interesse predominante delle giovani leve e dei media per il tipo di musica che gli sbandati del grunge hanno diffuso. Dopo l’insuccesso di “Almost A Dance”, Niels Duffhues e Martine Van Loon, i cantanti nella band al momento, lasciano il gruppo contemporaneamente, con un album da registrare praticamente già scritto. Viene così assoldata, dopo una sola audizione, la giovane e debuttante Anneke Van Giersbergen, all’epoca ventiduenne, mettendo fine alla presenza del doppio cantante maschio e femmina, elemento che aveva caratterizzato i primi due album dei Nostri. “Mandylion” è praticamente pronto quando Anneke entra nella band ed è stato scritto per essere cantato in duetto da un uomo e da una donna, ma questo non importa, perché la Van Giersbergen tira fuori dal cilindro una prestazione vocale che probabilmente non ha eguali nella storia del metal: potente ma cristallina, corposa ma adatta a prendere agilmente le tonalità più alte, Anneke domina letteralmente le note sulle quali si erge, con forza e personalità. Ma Anneke non è il solo segreto di “Mandylion”: le canzoni, tutti mid e low tempo, basate su un gothic doom solenne e potente, ma delicato e leggero al tempo stesso, sono per la prima volta scritte per bene, e suonano bene anche al di là di questa nuova favolosa cantante. I testi poi sono i migliori scritti fino ad ora dalla band e le citazioni si sprecano, da H. G. Wells a Tolkien. Otto sono le tracce di “Mandylion”, tutte bellissime: la solenne opener “Strange Machines”; la dolce e delicata “Eleanor”; e poi la triste “Leaves”, la title track, strumentale, esotica e ricercata, ed ancora “Fear The Sea” e “Sand & Mercury”, che comunque farebbero la fortuna di una band qualsiasi, ma soprattutto “In Motion #1” ed “In Motion #2”, i due brani più intensi e ben riusciti dell’album, struggenti e drammatici, capaci di donare emozioni davvero intense. La produzione è abbastanza cruda, ma questo non disturba troppo l’ascolto. “Mandylion” esce sul mercato il 22 agosto 1995 e colpisce subito nel segno, attirando l’interesse del grande pubblico anche sulle altre formazioni del genere, poco fortunate fino al momento in questione e generando da subito un numero spropositato di band intenzionate a bissare l’esperimento vincente. L’album seguente per i The Gathering, “Nighttime Birds”, è un altro enorme successo, ma la voglia di sperimentare per i fratelli Rutten è troppo forte, e la band da “How To Measure A Planet?” prenderà altre strade, più impervie e lontane dal ‘grande’ successo commerciale. “Mandylion” rimane un album colossale, senza il quale oggi probabilmente non avremmo molti dei capolavori e delle dive che più amiamo, ed una prestazione vocale che è rimasta ineguagliata nella storia della musica.



Informazioni Album

Durata: 00:52:40

Disponibile dal: 22/08/1995

Etichetta: Century Media Records

Distributore: Self

Tracklist

1. Strange Machines

2. Eleanor

3. In Motion #1

4. Leaves

5. Fear The Sea

6. Mandylion

7. Sand & Mercury

8. In Motion #2


Link

Ultimi contenuti correlati

Consulta l'archivio per: ANNEKE VAN GIERSBERGEN, THE GATHERING

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.

  • Syward77

    quanti ricordi, come quando vidi il video di Leaves su Headbanger’s Ball e fui stregato dalla voce di Anneke. Le recensioni che lodavano già a quel tempo l’album, fino all’acquisto sudato di un CD che ancora oggi mi emoziona come al primo ascolto

  • Galilee Mater

    Superdiscone!
    Una band unica, che per fortuna pur perdendo Annette, ha continuato a sfornare ottimi dischi. Ma le cose fatte in passato, rimangono insuperabili.
    Mandylion, Nightime birds, How to measure.. e if then else. Un poker indimenticabile-

  • drago q11

    anneke caso mai…

  • drago q11

    il piu’ grande disco gothic doom di tutti i tempi(ANCHE SE PIU’ CORRETTAMENTE DOVREBBE ESSERE PROGRESSIVE-GOTHIC-DOOM)

    sono pienamente daccordo con galilee mater da mandylion a if then else sono davvero inimitabili e soprattutto unici.

  • Galilee Mater

    Proprio lei.
    lapsus

  • drago q11

    proprio lei,cosa?

  • Galilee Mater

    Proprio Anneke. :)
    Non so come mai ho scritto Annette.
    Mi sarà venuta in mente la sigla di La sui monti con Annette! :D

  • drago q11

    volevo sapere se ti piacciono i due lavori solisti di anneke.

  • Michele Bellana

    Disco e band incredibili. Per me con Anneke alla voce non hanno mai sbagliato un colpo, ascolto sempre con piacere tutti i dischi e i live usciti con lei dietro al microfono e mi meraviglio ancora come se li sentissi per la prima volta. In Motion #1 è un’esperienza metafisica ogni volta…

  • Galilee Mater

    Devo essere sincero,non li conosco bene e non li ascoltati molto, ma non mi hanno fatto una grande impressione.
    L’ultimo invece sembra interessante, difatti vorrei quasi prendermelo.

  • drago q11

    mah..ho i miei dubbi…l’ ho ascoltato e’ non mi entusiasma molto sinceramente..cmq..

  • Raffaele

    Lavoro ineguagliabile, incommensurabile, denso, intenso, emozionante, mai stancante….. Una voce ed una musica che lasciano senza fiato, che ti fanno venir voglia di ascoltarle per l’eternità e gli anni a venire……. Ogni commento è riduttivo per un album che è insindacabilmente tra i migliori della storia della musica