UNSYLENCE – The Impossible

Pubblicato il 17/07/2016 da
voto
7.0
  • Band: UNSYLENCE
  • Durata: 00:19:10
  • Disponibile dal: 04/03/2016
  • Etichetta:
  • Distributore:

Chi vi scrive rimane sempre più esterrefatto, col passare del tempo, dalle qualità dei prodotti che un gruppo alle primissime armi riesce a sfornare al giorno d’oggi. Prodotti curati nel minimo dettaglio, dal’artwork elaborato alla produzione da etichetta blasonata, le band di oggi devono fare fronte ad una concorrenza letteralmente spietata, di conseguenze ogni singolo elemento della propria proposta deve riuscire a spiccare in questo mondo di ascolti distratti che non regala seconde possibilità. Di contro, molto spesso, la componente qualitativa del prodotto tende a risentirne, data la notoria tendenza delle frange core ad assomigliarsi un po’ tutte appunto per questa omogeneità del mercato. Ecco perché abbiamo quasi gridato al miracolo quando abbiamo avuto tra le nostre avide grinfie il primo lavoro di questi Unsylence, che mostra una notevolissima capacità di songwriting in una confezione scintillante e decisamente di categoria superiore. Il progetto Unsylence è ai primissimi esordi, avendo visto la luce agli inizi del 2015, a Milano, per mano di quattro ragazzi desiderosi di scrivere finalmente la propria musica, mescolando il metalcore con il melodeath e l’electro. E dopo svariati ascolti di questo EP ci sono proprio tornate alle mente moltissime delle band dell’ondata –core europea (e soprattutto scandinava) dei secondi ’00, quali Raunchy e Sonic Syndicate, dato il preponderante utilizzo dell’elettronica come tappeto uniformante dei pezzi su una base metalcore. Le armi scelte dai Nostri sono piuttosto semplici: chitarrone squadrate, comparto ritmico ipervitaminizzato e solito binomia tra scream e pulito che non stanca (quasi) mai.  Nonostante le quattro tracce qui presenti siano un esiguo biglietto da visita, si sentono molto chiare le capacità e la dedizione di questi ragazzi nel voler fare le cose per bene ed è proprio per questa serie di motivi che vi suggeriamo di dare una chance a questi ragazzi, perché magari non avremo a che fare coi salvatori del secolo, ma il margine di miglioramento è davvero grande.

TRACKLIST

  1. My Own Illusionary World
  2. Never Closed Eyes
  3. Hero Time Is Gone
  4. Ego
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.