GEOFF TATE: “Per i Queensryche il mio licenziamento potrebbe essere un suicidio!”

Pubblicato il 28/08/2014

Il cantante GEOFF TATE,  in una recente intervista per il Daily Heral, è tornato a parlare dei QUEENSRYCHE e del suo licenziamento voluto dagli altri membri della band:

“Non avrei mai pensato che fosse possibile. Per prima cosa, perché sgretolare una band di grande successo e che ha avuto successo per trent’anni? Non ha senso, è molto difficile e sarà sempre più difficile giorno dopo giorno lavorare con successo all’interno dell’industria discografica. Non è un mistero che le cose non vadano bene. E proprio per questo motivo, perché prendere questo grande successo e distruggerlo interamente?
Per quale motive tu licenzieresti il maggior compositore? Perchè faresti questo alla persona che è l’immagine della band ed è riconosciuta come figura chiave del successo del gruppo? Lo so, questo suona molto egoistico, ma è semplicemente la verità. Perché diavolo faresti questo? Suona come il suicidio di una carriera, specialmente alla nostra età. Tutti noi siamo cinquantenni, perché buttare nel cestino un grande successo a questo punto della vita? Potrei capirlo se avessero grandi piani futuri, se avessero 20 anni di età. Invece siamo tutti nel nostro ultimo decennio di vita lavorativa. Mi sembra una pazzia”.

 

geoff tate - 2012

31 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.