GODS OF METAL, SONISPHERE e grandi eventi 2016: intervista ad Andrea Pieroni

Pubblicato il 26/05/2016

L’estate 2016 appare ricchissima di eventi, in primis il ritorno del Gods Of Metal, assente dal 2012 e atteso da gran parte della comunità heavy tricolore. Un evento rimaneggiato in corsa per l’importantissima defezione dei Kiss ma che vede l’enorme novità del verde dell’Autodromo di Monza. Non per questo verrà sacrificato il Sonisphere, che porterà a Roma Iron Maiden e molti altri per la gioia degli appassionati del Centro-Sud. Per un approfondimento su questi grandi festival e le ulteriori novità in arrivo – come Zakk Wylde nella cornice del Teatro Degli Arcimboldi di Milano o le date estive degli Slayer – abbiamo raggiunto anche quest’anno il disponibile Andrea Pieroni. Ecco le sue risposte.

Pieroni - 2016

PARTIAMO DAL SONISPHERE 2015 CON METALLICA E FAITH NO MORE. LA LOCATION DI PARTENZA È STATA QUELLA DELL’ARENA FIERA RHO DI MILANO, NONOSTANTE LA PRESENZA DELL’EXPO. L’EVENTO SI È POI SPOSTATO PRESSO L’AREA ESTERNA DEL MEDIOLANUM FORUM DI ASSAGO, CON CONSEGUENTI PROBLEMI DI SOVRAFFOLLAMENTO. COSA È ANDATO STORTO?
“Ci siamo spostati da Rho ad Assago perché poche settimane prima dello show c’è stata un’ordinanza del Prefetto che vietava altre manifestazioni a Rho in concomitanza con Expo per evitare problemi di sovraffollamento. Nonostante avessimo tutte le conferme da parte di Fiera Milano circa l’utilizzo dello spazio, di fronte ad un’ordinanza prefettizia non abbiamo avuto altra scelta”.

A GIUDICARE DALLA PROGRAMMAZIONE, PARE CHE LA SUMMER ARENA DI ASSAGO SIA STATA ABBANDONATA PER QUANTO RIGUARDA I GRANDI EVENTI METAL NEL 2016…
“Quest’anno l’Arena di Assago avrà una configurazione diversa e per gli eventi metal ho preferito usare altri spazi”.

SUI SOCIAL NETWORK E NELLA SEZIONE COMMENTI DEI PORTALI SPECIALIZZATI C’È SEMPRE UN GRANDE RISCONTRO NEI CONFRONTI DEI VOSTRI COMUNICATI: LEGGI QUESTI COMMENTI? SE SÌ PRENDI IN CONSIDERAZIONE LE CRITICHE E LE CONSIDERI IN VISTA DI DECISIONI FUTURE?
“Sporadicamente leggo qualcosa, ma non gli do molto peso. Non credo che si possa basare la politica di un’azienda sui commenti di Facebook. I social network sono divertenti e hanno dato il diritto di parola a tutti, ma di logico hanno veramente poco”.

SOLTANTO UN PAIO D’ANNI FA DEFINIVI MOLTO RISCHIOSO, IN TERMINI ECONOMICI, ORGANIZZARE SONISPHERE FESTIVAL E GODS OF METAL A BREVE DISTANZA L’UNO DALL’ALTRO. TRA POCO ENTRAMBI GLI EVENTI INVECE SI TERRANNO: LE PREVISIONI ERANO TROPPO CAUTE, IL MERCATO GODE DI BUONA SALUTE O È LA DISTANZA GEOGRAFICA A GIUSTIFICARE LA SCELTA?
“Sicuramente il mercato è in ripresa, i numeri degli ultimi due anni sono molto confortanti, inoltre poi la distanza geografica tra i due eventi è notevole. Ho deciso di fare il GOM il 2 Giugno ed il Sonisphere il 24 Luglio, ci sono quasi due mesi e oltre 600 km di distanza. E’ un rischio che si può correre”.

PER LA PROSSIMA ESTATE SONO PREVISTI PARECCHI EVENTI ESTIVI E DUE IN PARTICOLARE APPAIONO STRUTTURATI PER FAR COLPO SU UN PUBBLICO MOLTO SETTORIALE: NIGHTWISH + EPICA + APOCALYPTICA + TEMPERANCE A ROMA PER I FAN DEL SYMPHONIC POWER E LA DATA MILANESE DI SLAYER + CARCASS + BEHEMOTH PER QUELLI DELL’ESTREMO. CREDI CHE GENERALMENTE PAGHI DI PIÙ ORGANIZZARE EVENTI DI QUESTO TIPO O ALTRI CON UN BILL STILISTICAMENTE PIÙ VARIO?
“La storia ci insegna che quando abbiamo provato a fare delle line up eterogenee alla fine siamo sempre andati incontro ad un flop. Per cui sono fiducioso che gli eventi che hai menzionato, ma fammi ricordare anche Slayer / Amon Amarth a Roma, otterranno un buon risultato. Al momento le vendite sono molto confortanti, per cui direi che siamo sulla strada giusta”.

È RARO VEDERE UN ANNULLAMENTO DA PARTE DEI KISS. ERA EFFETTIVAMENTE POSSIBILE A GENNAIO TROVARE UN ALTRO HEADLINER E MANTENERE UN FESTIVAL DI DUE GIORNATE?
“E’ un mio grande cruccio. Ho voluto i KISS al GOM con tutto me stesso e avevo accettato delle condizioni probabilmente fuori mercato per quanto l’Italia. Ho provato a trovare qualcosa di alternativo, ma avevo già confermato tutti i grandi nomi disponibili in altre situazioni e alla fine non ho potuto far altro che rimodellare il festival su una sola giornata. Ci tengo particolarmente a ringraziare tutti gli artisti coinvolti che hanno accettato di buon grado il rimescolamento delle carte. Non era scontato e pertanto sono molto grato a tutti”.

I DOWN ERANO PREVISTI NEL CARTELLONE DEL GODS, MA IN SEGUITO ALL’INCIDENTE “WHITE POWER” QUESTI SONO STATI CANCELLATI PRIMA DAL BILL DELL’HELLFEST E, IN SEGUITO ALLE POLEMICHE HANNO CANCELLATO IL TOUR EUROPEO. HAI SEGUITO I FATTI? TI ASPETTAVI L’EPILOGO E QUAL È LA TUA OPINIONE IN MERITO?
“Subito dopo il ‘fattaccio’ c’è stata una conference call tra tutti i festival europei e Fortarock ha detto subito che avrebbe cancellato i Down dalla line up. Io avevo una posizione più morbida. Pur riconoscendo che Phil ha sbagliato totalmente, ero per dargli quella che viene chiamata ‘la seconda occasione’. E di questo avviso erano anche tutti gli altri festival. Poi c’è stata la decisione della band che, probabilmente per evitare ulteriori polemiche, ha deciso di cancellare tutto”.

I RAMMSTEIN SONO SINONIMO DI SPETTACOLO E DI IMPRESSIONANTI GIOCHI PIROTECNICI: LA LOCATION DEL FESTIVAL PERMETTERÀ L’UTILIZZO DELL’INTERO ARSENALE DEI TEDESCHI?
“Certo! Ci mancherebbe altro! La policy contrattuale dei Rammstein è molto chiara in questo senso: no pyro, no show. Li possiamo fare solo in location dove veniamo autorizzati a mettere in piedi tutto il loro circo. Da questo punto di vista devo dire che il loro staff è estremamente professionale e al corrente di quali sono le leggi che regolano questo tipo di spettacoli in ogni paese, per cui sono sempre molto collaborativi e attenti ad ogni dettaglio”.

COSA PUOI ANTICIPARCI CIRCA LA LOCATION DEL GODS OF METAL 2016? MOLTI FAN SPERANO SARÀ PIÙ “VERDE” E ACCOGLIENTE DELLE CLASSICHE SPIANATE DI ASFALTO CHE SOLITAMENTE OSPITANO I GRANDI EVENTI ESTIVI.
“Siamo all’interno del Parco di Monza, abbiamo fatto vedere la location in anticipo, molto tempo prima di annunciare le band. E’ tutto prato, ci sono gli alberi. E’ molto bella. E’ la più bella location che abbiamo mai avuto per il GOM”.

AVETE PREVISTO ANCHE QUALCHE COSA DI “CONTORNO” COME STAND DI CD E OGGETTISTICA, MEET & GREET CON LE BAND O ALTRO?
“Abbiamo appena annunciato il servizio navetta prima e e dopo il festival e l’area sarà allestita con stand vari tra ristorazione, espositori di diverse categorie merceologiche ecc.”.

LA POSSIBILITÀ DI UN’ESPERIENZA DIFFERENZIATA OFFERTA DAI VARI “PACCHETTI VIP” PARE AVERE MOLTO SUCCESSO ANCHE IN AMBITO HARD ROCK/HEAVY METAL: AVETE IN MENTE DI ESPANDERE ULTERIORMENTE IL VENTAGLIO DI POSSIBILITÀ OFFERTE AL PUBBLICO IN FUTURO NEI VOSTRI FESTIVAL?
“Per la prima volta abbiamo messo in vendita al GOM il Diamond package che da accesso ad alcuni benefit particolari e sono andati esauriti in batter d’occhio! Non ci vedo niente di strano a mettere in vendita diverse tipologie di biglietti. Esiste per qualsiasi ramo dell’entertainment, per cui è un aspetto che approfondiremo e amplieremo in futuro, laddove sarà possibile farlo ovviamente”.

IL 9 GIUGNO È IN PROGRAMMA UNA DATA DI ZAKK WYLDE NELL’INEDITA CORNICE DEL TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI DI MILANO. AVETE AVUTO QUALCHE TIPO DI RIMOSTRANZA O DIFFIDENZA DA PARTE DELLA STRUTTURA PER OSPITARE IL PUBBLICO METAL?
“Assolutamente no. Anzi. Dopo il grande successo della triplice data dei Dream Theater la direzione del teatro ci ha chiesto espressamente di portare altri eventi in questa bellissima struttura. Da parte mia c’è tutta la volontà di farlo. Ovviamente bisogna avere anche gli spettacoli adatti. Quello di Zakk si presta particolarmente, così come quello dei Puscifer della settimana precedente. Saranno due serate magiche, imperdibili a mio modo di vedere”.

LA LOCATION INSOLITA VEDE QUALCHE TIPO DI DIFFICOLTÀ DA PARTE DELLA PRODUZIONE? COI DREAM THEATER È ANDATO TUTTO LISCO?
“No nessun problema. Il Teatro Degli Arcimboldi è attrezzato per ospitare produzioni molto complicate, con scenografie imponenti, non c’è stato il minimo problema con Dream Theater”.

AVETE GIÀ IN MENTE QUALCHE ALTRO NOME NELL’UNIVERSO HEAVY CON IL QUALE CONTINUARE, POTENZIALMENTE, L’ESPERIENZA TEATRALE?
“Intanto godiamoci questi due concerti, poi in futuro ne arriveranno sicuramente altri. Già per il prossimo autunno potrebbe esserci qualche bella sorpresa”.

 

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.