SONATA ARCTICA: il nuovo album “The Ninth Hour” traccia per traccia!

Pubblicato il 14/09/2016

Speciale a cura di: Dario Cattaneo

A distanza di un paio di anni dall’uscita dello sbandierato ‘ritorno al passato’ di “Pariah’s Child” (non è per forza detto che noi ci troviamo d’accordo con questa definizione), sarà infine disponibile il 7 ottobre via Nuclear Blast il nono album dei Sonata Arctica, dal titolo “The Ninth Hour”. Anche se le coordinate sonore seguono grossomodo quelle dell’album precedente, si riconoscono sulle tracce di questo lavoro un approccio un po’ più posato, meditativo, e la volontà di incidere un album più compatto, con meno ‘estremi sonori’. Il risultato è quindi un disco certo non veloce, in cui le vecchie cavalcate power mancano quasi completamente, ma in cui però la ricerca della melodia e l’eleganza dell’arrangiamento risultano più a fuoco che in altri lavori. Per aiutarvi ad inquadrare dunque i vari aspetti di questo particolare lavoro, abbiamo redatto una dettagliata analisi traccia per traccia che presentiamo nello spazio sottostante.

sonata arctica - the ninth hour - 2016

SONATA ARCTICA – “The Ninth Hour”
Data d’uscita: 07 ottobre 2016
Etichetta: Nuclear Blast Records

“THE NINTH HOUR” traccia per traccia

1) Closer To An Animal 
Di primo acchito, la scelta di questo – per certi versi – scialbo midtempo ci è sembrata una mossa sbagliata. Col proseguire degli ascolti però, scoprendo alcune particolarità dell’album tutto, ci siamo resi conto che la scelta un suo senso invece ce l’ha: melodie melliflue sullo stile dei Serenity più easy, tastiere importanti che coprono una chitarra oramai più d’accompagnamento che altro, e linee vocali alquanto melanconiche sono elementi certo lontani dal power che ci aspettavamo, ma importanti per il sound di questo album. Soprattutto la malinconia – facilmente fraintendibile per ‘fiacchezza’ o mancanza di tiro –  risulta decisamente inquadrata sul mood generale del lavoro. Al di là delle scelte fatte e del posizionamento in scaletta, però, ci si rende conto che “Closer To An Animal” non fa molto per colpire l’ascoltatore. Non uno dei nostri pezzi preferiti dell’album, dunque, ma nemmeno lo scivolone che abbiamo pensato al primo ascolto.

2) Life
Sorprendentemente, il ritmo, il bilanciamento chitarre/tastiera fortemente favorente le seconde e il senso di malinconia rimangono gli stessi, ma questo brano è però spinto da un ritornello molto più azzeccato, in grado di vivacizzare la canzone e di renderla fresca e frizzante, caratteristiche forse assenti sulla traccia di apertura. Anche se siamo ancora lontani dalle bordate di “Ecliptica” – e ci staremo a lungo – non ci sono dubbi sul marchio Sonata, la personalità della band e soprattutto del singer Tony Kakko pervade ogni nota di questa, più bella, traccia.

3) Fairytale 
Ritmi finalmente un poco più alti e un altro ritornello azzeccatissimo caratterizzano questo brano, che è supportato però stavolta anche da buone strofe e da un bridge in crescendo che ci piace molto. La velocità non è ancora altissima, non fraintendiamo, e la canzone è forse ancora un po’ troppo simile (come stile generale e mood) alle due che la precedono, ma indubbiamente “Fairytale” risulta un brano ben fatto e non noioso. Uno di quei pezzi che si riascoltano sempre volentieri, e che difficilmente stancano.

4) We Are What We Are
Verrebbe da parlar male di questa ballad, soprattutto perchè arriva dopo ben tre pezzi, come si diceva, carini e ben fatti ma senza i sussulti che ci aspetteremmo in un disco power o comunque dei Sonata Arctica.  Anche qui, però, la realizzazione è buona, e ci fa accantonare temporaneamente il fastidio per la mancanza finora di almeno una cavalcata più veloce. Non è infatti la solita ballad ma anzi un pezzo un po’ più ‘ricco’, con un arpeggio doppiato da pianoforte che dal minuto 00:48 fino alla strofa ci ricorda addirittura la famosissima “Nothing Else Matters” (ascoltare per credere!). L’arrangiamento morbido ma elegante, la linea vocale melodica ma interessante, riescono comunque a mostrarsi solide e a non far cadere il pezzo nella banale classificazione di ‘solita ballad power’, tipologia di traccia che spesso e volentieri ci fa premere il temuto tasto ‘skip’.

5) Till Death Done Us Apart
Arriva il brano un po’ più ‘pompato’, ma che contemporaneamente è anche uno di quelli che i membri della band stessa si divertono a definire più ‘progressivi’. Il pezzo infatti cambia volto spesso e volentieri, alternando a bordate più rapide in doppia cassa momenti più cadenzati e aperture più teatrali. Un cantato più variegato che nel resto dell’album mette poi il suggello su questa struttura atipica, rendendo il risultato quantomeno degno di nota. E’ anche vero che al pezzo ci si affeziona meno facilmente proprio per via di questa struttura sfuggente, ma quantomeno “Till Death Done Us Apart” non risulta un minestrone senza senso come per esempio l’orrida “X Marks The Spot” dall’album precedente. L’impressione finale è però lo stesso quella di un episodio un po’ fuori dalle coordinate dell’album e da prendere come a sè stante.

6) Among The Shooting Star
Anche qui ci troviamo davanti una canzone un po’ più variegata e cangiante, ma delineata da un andamento cadenzato e da toni epici che non vengono mai ritrattati e che costruiscono uno scheletro solido attorno al quale costruire un risultato convincente. Il brano fila più liscio che quello precedente nonostante ne condivida appunto il flavour progressivo. Il clima malinconico da quasi ballad ci piace e ci riporta alla mente il sound di Dark Moor e Serenity.

7) Rise A Night
Finalmente la fast song in puro stile Stratovarius, con doppia cassa, chitarre in muting e clavicembalo all’unisono. Il pezzo è piuttosto classico, non annoia, ma secondo noi nemmeno colpisce come faceva ad esempio “Cloud Factory” dall’album precedente, figuriamoci se comparata alle altre cavalcate che fecero la fortuna della band nel primo decennio del 2000. A parte evidenziarvi il tentativo chiaro di richiamare il sound dei vecchi Sonata Arctica senza contaminarlo con altri generi, non abbiamo molto altro da dirvi su questo tutto sommato anonimo pezzo.

8) Fly, Navigate, Communicate
Un titolo un po’ stravagante per una canzone di nuovo decisamente atipica. Ci si appoggia ancora qui e là ad accelerazioni improvvise, alternate a momenti più meditativi, ma qui si tende a picchiare con una maggior continuità rispetto ai brani precedenti. Rispetto alla precedente traccia, questa è meno standardizzata e segue binari che in fondo la fanno assomigliare quantomeno nella struttura alla già analizzata “Till Death Done Us Apart”. Apprezzare questo brano sta oggettivamente all’orecchio di ciascuno, per quanto riguarda noi l’abbiamo trovato generalmente soddisfacente e tra quelli che più ci sono rimasti impressi.

9) Candle Lawns
Si parlava di power ballad stereotipata? Beh, senza troppe cerimonie eccola qui: è dagli Anni ’80 che i gruppi di heavy melodico/power fanno almeno un pezzo ad album su queste coordinate. Pianoforte iniziale, linea vocale melodica per non dire melensa, assolo lento nel mezzo e finale corale: non manca nulla all’appello. Ovviamente, tutto funziona e il pezzo non mostra pecche tecniche visibili, è ‘solo’ un po’ banale. Senza farsi per forza venire voglia di skipparlo, è però il classico brano considerabile come filler, che lascia poca traccia di sè dopo l’ascolto e risulta carino, niente più.

10) White Pearl, Black Oceans part II – By The Grace Of The Ocean
Come facilmente intuibile dal titolo, questa lunga suite rappresenta la seconda parte dell’altrettanto lungo brano dal titolo omonimo presente su “Reckoning Night”. I lidi qui ‘esplorati’ (per utilizzare un termine nautico in linea con il testo del brano), sono in effetti davvero molto simili, e quindi in questa traccia regna quell’approccio più maturo ed elaborato che stupì già nel 2001. Forse qui le parti più genuinamente power sono ridotte per numero e minutaggio, ma quello che stupisce positivamente è che il flavour e lo stile generale risultano del tutto azzeccati, senza sminuire assolutamente il lavoro originale. Tutto sommato quindi il brano scorre bene nei suoi quasi dieci minuti, ponendosi appunto a degno successore di quella fortunata canzone.

11) On the Faultline (Closure To An Animal)
I toni malinconici dell’album vengono riassunti e condensati in questa notturna traccia di chiusura, che avvolge con sfumature ancora più oscure il sound già di per sè poco solare dell’intero album. Una chiusura a tratti poetica e tutto sommato coerente, che chiude il sipario su un album dei Sonata Arctica ancora una volta diverso da come ce lo si attendeva anche se non del tutto scollegato – come si diceva dalle linee guida – dall’album precedente.

 

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.