DELAIN – The Human Contradiction

DELAIN – The Human Contradiction

la recensione di "The Human Contradiction" dei DELAIN: "Una buona prova, indubbiamente. A volte osare può veramente essere la risposta".

TEMPERANCE – Temperance

TEMPERANCE – Temperance

La recensione di "Temperance" dei TEMPERANCE: "i Temperance fanno le cose per bene, e il loro arrivo sul mercato è destinato a far muovere molte teste...".

SONATA ARCTICA – Impossibile fermare il tempo!

SONATA ARCTICA – Impossibile fermare il tempo!

"Alla fine penso sia importante non prendere tutto troppo sul serio, quello che volevamo da 'X Marks The Spot' era solo un po’ di divertimento".

TUOMAS HOLOPAINEN – The Life And Times Of Scrooge

TUOMAS HOLOPAINEN – The Life And Times Of Scrooge

La recensione di "The Lifetime Of Scrooge" di TUOMAS HOLOPAINEN: "Un lavoro più che buono, figlio di passione, creatività e tanta esperienza e dedizione".

4TH DIMENSION – Dispelling The Veil Of Illusions

4TH DIMENSION – Dispelling The Veil Of Illusions

la recensione di "Dispelling The Veil of Illusion" dei 4TH DIMENSION: "Troviamo nel disco una maggior capacità di crearsi un sound personale....".

SHEAR – Katharsis

SHEAR – Katharsis

la recensione di "Katharsis" degli SHEAR: "Heavy moderno dai vaghi echi elettronici ed alternative, ammantato qui di una vistosa aura sinfonica...".

SONATA ARCTICA – Pariah’s Child

SONATA ARCTICA – Pariah’s Child

La recensione di "Pariah's Child" dei SONATA ARCTICA: "Come sempre... un album che divide! Come la band stessa."

DEVA – Murther

DEVA – Murther

"Murther" dei DEVA è Hot Album su Metalitalia.com: "Scorrevolezza e varietà: un abbinamento raro che permette ai Deva di proporsi nel panorama gothic come realtà di assoluto valore".

RUSTFIELD – In mezzo a campi di ruggine

RUSTFIELD – In mezzo a campi di ruggine

"Quando anche le grandi band sono costrette ad inventarsi i più improbabili merchandise come vino e birra, questo è un sintomo che il sistema non funziona più".

KREYSON – Navrat Krale

KREYSON – Navrat Krale

La recensione di "Navrat Krale" dei KREYSON: "La scelta di usare la propria lingua madre non inficia l'ascolto del disco, che si rivela orecchiabile ed efficace".

RICCARDO SCARAMELLI – Thunderproject Vol. I

RICCARDO SCARAMELLI – Thunderproject Vol. I

La recensione di "Thunderproject Vol I" di RICCARDO SCARAMELLI: "Un prodotto sicuramente valido, che non faticherà a trovare chi lo apprezza".

GUS G. – I Am The Fire

GUS G. – I Am The Fire

la recensione di "I Am The Fire" di Gus G. : "il momento buono di Gus G. continua, anche grazie a questo lavoro, facilmente classificabile come ‘bello’".

MAYAN – Aprite gli occhi!

MAYAN – Aprite gli occhi!

"Solo pensando ti puoi accorgere delle cazzate che ci vengono propinate ogni giorno, per trasformarci nel branco di pecore che i politici vogliono che siamo!".

JAMES LABRIE – I Will Not Break

JAMES LABRIE – I Will Not Break

La recensione dell'EP "I Will Not Break" di JAMES LABRIE: "Dubitiamo fortemente che questa mossa porterà qualche giovamento al progetto in questione...".

FREEDOM CALL – Mentalità tedesca!

FREEDOM CALL – Mentalità tedesca!

"La musica è un concentrato assolutamente personale di emozioni e sensazioni. Non puoi scegliere il genere che suoni come se facessi la spesa al supermarket".

DANIELE LIVERANI – Fantasia

DANIELE LIVERANI – Fantasia

la recensione di "Fantasia" di DANIELE LIVERANI: "Un buon album, che ci mostra come esplorare le possibilità della chitarra senza soffocare gli altri aspetti".

NEVERDREAM – The Circle

NEVERDREAM – The Circle

"The Circle" dei NEVERDREAM è Hot Album su Metalitalia.com: "'The Circle' vive invece di una qualità incredibile, ineccepibile!".

LIONSOUL – Omega

LIONSOUL – Omega

la recensione di "Omega" dei LIONSOUL: "Se tutti i debutti di band power fossero come 'Omega', meno gente parlerebbe del power come di un genere finito...".

ZUFFANTI – La Quarta Vittima

ZUFFANTI – La Quarta Vittima

La recensione di "la Quarta Vittima" di ZUFFANTI: "Non riconoscere le capacità compositive di Zuffanti indica cerume nelle orecchie non eliminabile nemmeno con la dinamite!".

VANISHING POINT – Distant Is The Sun

VANISHING POINT – Distant Is The Sun

La recensione di "Distant Is The Sun" dei VANISHING POINT: "Una band surrogato di altre, in grado di piacere un po' a tutti, ma non di colpire veramente nessuno".