ANCST – In Turmoil

ANCST – In Turmoil

La recensione di "In Turmoil" degli ANCST: "una notevole realtà nella cosiddetta scena 'post' hardcore e black metal".

ANTROPOMORPHIA – Rites ov Perversion

ANTROPOMORPHIA – Rites ov Perversion

La recensione di "Rites ov Perversion" degli ANTROPOMORPHIA: "si nota il perfezionamento del songwriting e la ricerca di una formula che riesca a donare ai vari pezzi un minimo di identità".

RENOUNCED – The Melancholy We Ache

RENOUNCED – The Melancholy We Ache

La recensione di "The Melancholy We Ache" dei RENOUNCED: "spiazzano con una proposta hardcore/metal-core che rimanda direttamente alla scena statunitense di una dozzina (abbondante) di anni fa".

ICHOR – Depths

ICHOR – Depths

La recensione di "Depths" degli ICHOR: "i ragazzi di Trier si ripresentano con un album maggiormente improntato su velocità ed epicità".

VALLENFYRE – Sete di vendetta

VALLENFYRE – Sete di vendetta

"... ho voluto portare tutti gli elementi del primo album all'estremo".

HORNED ALMIGHTY – World Of Tombs

HORNED ALMIGHTY – World Of Tombs

La recensione di "World of Tombs" degli HORNED ALMIGHTY: "un vero e proprio culto, portato avanti con passione".

CODE ORANGE – I Am King

CODE ORANGE – I Am King

"I Am King" dei CODE ORANGE è Hot Album su Metalitalia.com: "... non è il disco della vera maturità, ma ha comunque il potenziale per lasciare una cicatrice nell'animo del fruitore più aperto e licenzioso".

CANNIBAL CORPSE – A Skeletal Domain

CANNIBAL CORPSE – A Skeletal Domain

"A Skeletal Domain" dei CANNIBAL CORPSE è Top Album su Metalitalia.com: "una lucida presa di coscienza di cosa il death metal 'classico' sia in grado di offrire quando maneggiato con freschezza e intelligenza".

ENTOMBED A.D. – Guardare avanti

ENTOMBED A.D. – Guardare avanti

"Non vediamo l'ora di tornare on the road, siamo nati per suonare dal vivo".

MAVETH / EMBRACE OF THORNS – A Plague Through the Heavens

MAVETH / EMBRACE OF THORNS – A Plague Through the Heavens

La recensione dello split "A Plague Through the Heavens" di MAVETH ed EMBRACE OF THORNS: "... si presentano in ottima forma e con dei brani decisamente da ascoltare".

OPHIS – Abhorrence in Opulence

OPHIS – Abhorrence in Opulence

"Abhorrence in Opulence" degli OPHIS è Hot Album su Metalitalia.com: "gli Ophis hanno un'abilità particolare nel descrivere ambientazioni tanto crude quanto crepuscolari".

AUTUMN’S DAWN – Gone

AUTUMN’S DAWN – Gone

La recensione di "Gone" degli AUTUMN'S DAWN: "... questa impostazione quasi pop stride un po' con le velleità depressive/riflessive di testi, artwork e dell'immaginario tutto adottato dal progetto".

LIE IN RUINS – Alleanza con la morte

LIE IN RUINS – Alleanza con la morte

"... a livello di death e black metal non ci limitiamo ad ascoltare solamente il cosiddetto suono 'old school'".

THOSE WHO BRING THE TORTURE – Piling Up

THOSE WHO BRING THE TORTURE – Piling Up

La recensione di "Piling Up" dei THOSE WHO BRING THE TORTURE: "... via le parti troppo aspre, via gli influssi grind e dentro un afflato pseudo epico che trasforma la proposta in una sorta di death metal melodico alla Hypocrisy dei vecchi tempi".

WHITECHAPEL – Lasciateci bruciare

WHITECHAPEL – Lasciateci bruciare

"... non siamo mai stati una metal band rivoluzionaria, ma abbiamo la nostra integrità. Siamo contenti che tanti ci apprezzino così come siamo".

PUNCH – They Don’t Have To Believe

PUNCH – They Don’t Have To Believe

La recensione di "They Don't Have To Believe" dei PUNCH: "... si assimila tutto e non si butta via niente".

DISKORD – Oscillations

DISKORD – Oscillations

La recensione di "Oscillations" dei DISKORD: "'Oscillations', così come buona parte del vecchio repertorio della band, gode di un songwriting fluido e di un fascino tutto suo".

BRUTALLY DECEASED – Black Infernal Vortex

BRUTALLY DECEASED – Black Infernal Vortex

La recensione di "Black Infernal Vortex" dei BRUTALLY DECEASED: "un lavoro 'da fan per fan', concepito e realizzato con indubbia onestà e il giusto mestiere".

THE GREAT OLD ONES – Le montagne della follia

THE GREAT OLD ONES – Le montagne della follia

"Non abbiamo mai voluto essere una black metal band pura: ci interessa soltanto proporre la musica che alle nostre orecchie suona bene".

THE HAUNTED – Exit Wounds

THE HAUNTED – Exit Wounds

La recensione di "Exit Wounds" dei THE HAUNTED: "... alla fine esperienza e orgoglio hanno tutto sommato prevalso".