CRUCIAMENTUM – Dentro la cripta

CRUCIAMENTUM – Dentro la cripta

"... la mia idea era sì quella di partire da sonorità più classiche, ma di rielaborarle tramite un gusto e una personalità propria, in modo da dar vita a qualcosa di più cupo".

THORNESBREED – Nuove avanguardie di devastazione

THORNESBREED – Nuove avanguardie di devastazione

"Abbiamo trasferito le nostre sensazioni più viscerali in una musica cupa, compatta, intensa e metaforica di un ampio ventaglio emotivo”.

DEVIL YOU KNOW – L’occhio della tigre

DEVIL YOU KNOW – L’occhio della tigre

"Hojo ha uno stile molto personale ma a mio parere coi Devil You Know ha incorporato idee e stili diversi dal proprio passato".

KADAVAR – Berlino mon amour

KADAVAR – Berlino mon amour

"Una canzone come 'Pale Blue Eyes' racchiude in toto le nostre esperienze personali, le nostre emozioni e la nostra crescita come gruppo".

TYRANNY – Infiniti abissi di terrore

TYRANNY – Infiniti abissi di terrore

"Per quanto ci riguarda, la musica che componiamo è connessa al resistere al buio che ci circonda, non al lasciarsi schiacciare dal suo peso, o a sprofondare nella miseria".

CIRCLE II CIRCLE – Avanti per la nostra strada

CIRCLE II CIRCLE – Avanti per la nostra strada

"Con l’epoca che attraversiamo ora, misurare il successo dal numero di copie vendute non è più attendibile...".

GIRLSCHOOL – Le peccatrici del metal

GIRLSCHOOL – Le peccatrici del metal

"Negli anni Settanta i ragazzi ci ridevano in faccia quando dicevamo loro di essere intenzionate a mettere in piedi una band tutta al femminile".

POLARIZED – Il caro vecchio thrash di oggi

POLARIZED – Il caro vecchio thrash di oggi

"Noi arriviamo dalla fine degli Anni ’80/primi Anni ’90, certo, ma non ci interessa fare leva sulla nostalgia, sulla retorica dei ‘bei tempi andati’",

INCULTER – L’orrore cala dalla Norvegia

INCULTER – L’orrore cala dalla Norvegia

"È il nuovo stile underground nel suonare l’heavy metal vecchia scuola che ha portato ‘Persisting Devolution’ a suonare in questo modo".

SADIST – Brutali predatori

SADIST – Brutali predatori

"In tante, troppe volte, noi italiani abbiamo dato dimostrazione di essere provinciali, un concetto assurdo e poco vantaggioso, ma noi siamo questi e dobbiamo prenderne atto".

SATURNIAN MIST – Caos magico e gnosticismo

SATURNIAN MIST – Caos magico e gnosticismo

"La magia, secondo la concezione di Aleister Crowley, il misticismo, l’occultimo e tutto ciò che a questi termini può essere riferito guidano la nostra visione artistica".

SUNPOCRISY – D’un bianco abbagliante

SUNPOCRISY – D’un bianco abbagliante

"Il disco parla di un percorso fatto di grandezza e di trionfo (in un senso molto metaforico) e la musica doveva trasmettere questa idea".

GRIME – Decadenza accelerata

GRIME – Decadenza accelerata

"Il tema centrale è il perdersi in tutto ciò che si può considerare negativo, orrendo e deviato per sublimarlo".

MICHAEL MONROE – Stati mentali

MICHAEL MONROE – Stati mentali

"Una persona che abusa di alcool e droghe ha una percezione differente di ciò che lo circonda e spesso è soggetta a blackout mentali".

BELL WITCH – Arie spettrali

BELL WITCH – Arie spettrali

"È inutile sognare: il puro doom metal e il funeral doom non sono musica per tutti".

MY DYING BRIDE – Danze silenziose

MY DYING BRIDE – Danze silenziose

"Abbiamo sempre avuto totale libertà nel creare la nostra arte e non abbiamo mai dovuto fare i conti con alcun genere di interferenza".

MALEVOLENT CREATION – La dodicesima profezia

MALEVOLENT CREATION – La dodicesima profezia

"Abbiamo fondato questa band quando avevamo 16-17 anni e dopo quasi tre decenni siamo ancora qui. Il sogno è questo e lo stiamo vivendo".

DEFEATER – Storie di redenzione

DEFEATER – Storie di redenzione

"... siamo una band hardcore-punk ed è nostra intenzione evitare di snaturarci troppo".

ABYSSAL – Distruttori di mondi

ABYSSAL – Distruttori di mondi

"Lo stile caotico e dissonante, per essere apprezzato veramente, ha bisogno di qualcosa che lo contrasti, che funga da contraltare"

PAPA ROACH – Dritti alla meta

PAPA ROACH – Dritti alla meta

"Non vogliamo fare la fine di quei gruppi 'no synth, no party', ovvero che senza la base non sono in grado di suonare".