MAYBESHEWILL – Fair Youth

MAYBESHEWILL – Fair Youth

La recensione di "Fair Youth" dei MAYBESHEWILL: "Una piacevolezza sorniona e onirica, placida e teneramente convincente".

STILLE VOLK – La Pèira Negra

STILLE VOLK – La Pèira Negra

La recensione di "La Pèira Negra" degli STILLE VOLK: "Musica folk come va suonata!".

BILLY IDOL – Kings & Queens Of The Underground

BILLY IDOL – Kings & Queens Of The Underground

La recensione di "Kings & Queens Of The Underground" di BILLY IDOL: "A 58 anni non sempre si viaggia con l’acceleratore premuto a manetta, questo vale anche per le rockstar più devastate e rumorose."

NICKE BORG HOMELAND – Ruins Of A Riot

NICKE BORG HOMELAND – Ruins Of A Riot

La recensione di "Ruins Of A Riot" dei NICKE BORG HOMELAND: "un album che rischia concretamente di porsi allo stesso livello qualitativo e di gradimento dei lavori della band madre".

MONO – Rays Of Darkness

MONO – Rays Of Darkness

La recensione di "Rays Of Darkness" dei MONO: "Con il gemello e nemesi allo stesso tempo "The Last Dawn" la creatura di Kata e Yoda si associa ad un momento oscuro e minaccioso, intenso e magniloquente".

MONO – The Last Dawn

MONO – The Last Dawn

La recensione di "The Last Dawn" dei MONO: "La grande maestria di compositori come i giapponesi Mono farà ancora una volta breccia nel cuore".

THE INTERSPHERE – Relations In The Unseen

THE INTERSPHERE – Relations In The Unseen

La recensione di "Relations In the Unseen" dei THE INTERSPHERE: "alternative rock, con varie immersioni nel pop più mainstream e, perché no, anche dando qualche strizzata d'occhio a certo progressive rock".

GOATCRAFT – The Blasphemer

GOATCRAFT – The Blasphemer

La recensione di "The Blasphemer" dei GOATCRAFT: La tracklist assume quindi le sembianze di un lungo viaggio, in cui le partiture tastieristiche si sostituiscono al riffing e la sensazione di orrore evocata non ha nulla da invidiare a quella di certi dischi black o death metal".

DEATH GRIPS – Niggas On the Moon (The Powers That B – Disc One)

DEATH GRIPS – Niggas On the Moon (The Powers That B – Disc One)

La recensione di "Niggas On the Moon (The Powers That B - Disc One)": capitolo 1 di 2 del canto del cigno di una della band più folli e imprevedibli mai apparse sulle scene della musica contemporanea.

PETER MURPHY – Lion

PETER MURPHY – Lion

La recensione di "Lion" di PETER MURPHY: "Il disco fotografa un artista capace di modellare con comprovata bravura ed un pizzico di esperienza un flusso sonoro variopinto ed affatto scontato".

LA DISPUTE – Rooms Of The House

LA DISPUTE – Rooms Of The House

La recensione di "Rooms Of The House" dei LA DISPUTE: "l'ennesimo ottimo lavoro di una band che sta continuando a sfornare album destinati a diventare dei classici".

MOTORPSYCHO – Behind The Sun

MOTORPSYCHO – Behind The Sun

La recensione di "Behind The Sun" dei MOTORPSYCHO: "Power-trio del rock psichedelico al venticinquesimo anniversario".

WOVENHAND – Refractory Obdurate

WOVENHAND – Refractory Obdurate

La recensione di "Refractory Obdurate" dei WOVENHAND: Stavolta David Eugene Robinson, semplicemente, ha realizzato il disco di una vita.

YERBADIABLO – It Doesn’t Work

YERBADIABLO – It Doesn’t Work

La recensione di "It Doesn't Work" degli YERBADIABLO: "La band ha dimostrato di avere il potenziale e gli attributi per raggiungere ben altri obiettivi rispetto a quelli parzialmente centrati in questo capitolo".

SWITCHFOOT – Fading West

SWITCHFOOT – Fading West

La recensione di "Fading West" dei SWITCHFOOT: "Ottima conferma per i christian rockers californiani, tornati definitivamente sulla cresta dell'onda con il loro nono album, ideale complemento di giornate all'insegna di sole, sabbia e salsedine".

GENERAL STRATOCUSTER AND THE MARSHALS – Double Trouble

GENERAL STRATOCUSTER AND THE MARSHALS – Double Trouble

La recensione di "Double Trouble" dei GENERAL STRATOCUSTER AND THE MARSHALS: "Chiunque apprezzi il rock nella sua forma più genuina e tradizionale non se lo lasci scappare per nessun motivo".

CROSSES – ††† (Crosses)

CROSSES – ††† (Crosses)

La recensione di "††† (Crosses)" dei CROSSES: "Piccola ostrica che racchiude altrettanto piccole perle di Chino Moreno, Shaun Lopez e Chuck Doom".

ZUFFANTI – La Quarta Vittima

ZUFFANTI – La Quarta Vittima

La recensione di "la Quarta Vittima" di ZUFFANTI: "Non riconoscere le capacità compositive di Zuffanti indica cerume nelle orecchie non eliminabile nemmeno con la dinamite!".

KARL MARX WAS A BROKER – Alpha to Omega Director’s Cut

KARL MARX WAS A BROKER – Alpha to Omega Director’s Cut

La recensione di "Alpha To Omega Director's Cut" dei KMWAB: "E' un curioso disco, non immediatissimo ma godibile, cui prestare dell’attenzione qualora vi sentiste motivati a cercare dell’originalità".

AOR – The Secrets Of L.A.

AOR – The Secrets Of L.A.

La recensione di "The Secrets Of L.A" degli AOR: "Disco indubbiamente piacevole, ma privo di un qualsivoglia effetto speciale in grado invogliarci a schiacciare nuovamente il tasto play".