CANNIBAL CORPSE – Global Evisceration

Pubblicato il 15/04/2011 da

Un bel DVD questo dei Cannibal Corpse, riassunto del tour mondiale seguito alla pubblicazione di “Evisceration Plague”, altro strepitoso album della discografia dei maestri del death metal brutale a stelle e strisce. Per celebrare il successo di un tour che ha portato il gruppo a girare dappertutto, anche in nazioni dove non erano mai stati prima (Malta, Israele) e altre in cui in passato avevano avuto difficoltà a suonare (Germania, Russia), i Cannibal Corpse scelgono la forma narrativa che prevede l’alternanza fra interviste, pareri, giudizi sui posti visitati, alle canzoni. Tutti i live presenti sul DVD, di ottima fattura e che vedono in scaletta anche song mai proposte prima, sono stati registrati in America nel marzo 2010. Piuttosto che proporre il solito concertone per intero quindi, i nostri scelgono di raccontare i posti che hanno visitato nel lungo tour europeo. Ecco quindi che li si vede al Gods Of Metal, oppure a passeggio per Istanbul, in campagna nel Metalcamp, o ad armeggiare con strumenti di fortuna in Israele (il 747 che li ha trasportati ha dimenticato i bagagli). Si percepisce, meglio che su altri DVD, quanto sia dura la vita on the road di un gruppo che pure suona da headliner quasi sempre. Si sottolinea come si abbia poco tempo per visitare posti (spesso ce li si immagina a fare i turisti ma tutto ciò è impossibile) e altrettanto poco tempo per dormire. Ecco quindi che c’è anche spazio per una carrellata di inquadrature di membri del gruppo che dormono nelle posizioni più disparate, fra l’ilarità dei cameraman. E poi i tanti incontri con in fan e con gli altri artisti, come con quello con l’ex cantante Chris Barnes, giusto pochi minuti prima di salire on stage, momenti di cordialità e fretta di togliersi dall’imbarazzo. Musicalmente, niente da dire: i Cannibal Corpse hanno dimostrato uno stato di forma eccezionale durante questo tour. Oltre alla musica quindi – presente, sia chiaro, in maniera predominante – il DVD in questione permette di conoscere meglio i membri del gruppo. Mattatore più di tutti è il batterista Paul Mazurkievicz , praticamente Owen Wilson con la parrucca riccia. Si apprezza anche un carismatico e simpatico George (“Giorgione” a Roma) Corpsegrinder Fischer, e poi il serioso Alex Webster, il più curioso nei confronti dei posti dove i Nostri vanno in tour, famoso anche per lavarsi i denti prima di ogni show, e poi il taciturno Barret, uomo dalla faccia folle, e un corpulento Pat O’Brien, uno che dorme con la chitarra, ma veramente! Presenti anche molti, divertentissimi, extra. C’è il fan che li ha seguiti per venti date, giocando a ping pong con la mappa d’Europa. Ci sono i preparativi per lo show, poi “The Gas Chamber”, ovvero l’importanza di puzzare, specie di ritorno dal bagno, e poi “Metal Brothers”, dove si parla di Gene Hoglan, definito padrino del thrash metal (“and Lombardo confirmed that”, proclama Dino Cazares) e di incontri con tante band e altri personaggi fra cui Jello Biafra. Esilarante la scena in cui regalano la maglietta di Gargamella al suo sosia personificato, un addetto del merchandise, e poi le foto dei fan, ancora la vita su strada e poi una dissertazione sul “throne”, ovvero il water, uno dei più grandi problemi dei nomadi con tanto di disquisizione sulle tecniche di posizione da adottare di fronte alla famosa “turca”. I Cannibal Corpse sono un gruppo che ascolta metal sul bus, incontrando sempre i fan con la massima disponibilità perché sono anche loro ancora dei fan. Un’opera molto interessante che va oltre il solito DVD-concerto. I fan del gruppo devono averlo, apprezzeranno ancora di più i loro idoli dopo questa visione.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.