DANKO JONES – Bring On The Mountain

Pubblicato il 09/01/2014 da
Danko Jones - Front - 2012
voto
8.0
  • Band: DANKO JONES
  • Durata: 04:03:00
  • Disponibile dal: 30/05/2012
  • Etichetta: Bad Taste Records
  • Distributore:

Anche per i Danko Jones è giunto il momento di fare il doveroso punto della situazione, dopo oltre quindici anni di onorata carriera. “Bring On The Mountain” è un doppio DVD realizzato in maniera estremamente professionale, preziosa caratteristica che lo rende un prodotto in grado di saziare l’appetito dei fan più incalliti della band canadese. All’interno della confezione troviamo un piacevole booklet dal quale spicca una nota di accompagnamento firmata da Atom Willard (ex batterista dei The Offspring, nonché percuotitore attuale dei Danko Jones) oltre che una sintetica descrizione di ogni traccia inclusa. Introdotto da un menù essenziale ed estremamente intuitivo, nel primo supporto ci imbattiamo in un sontuoso documentario nel quale il bizzarro frontman narra insieme al fidato bassista John Calabrese le funamboliche imprese che, nel giro di un paio di lustri, hanno portato i Danko Jones dagli scantinati di Toronto a supportare leggende del calibro di Guns’n’Roses, The Rolling Stones e Motörhead. A seguire troviamo il cortometraggio “The Ballad Of Danko Jones”, sorta di thriller psicologico, peraltro ben realizzato, nel quale figurano, tra i presenti, alcuni professionisti del calibro di Elijah Wood (ha esordito in Ritorno Al Futuro: Parte II, ma lo ricorderete sicuramente nei panni di Frodo Baggins nella monumentale trilogia de Il Signore Degli Anelli) e Selma Blair (Cruel Intentions, Hellboy). Breve cameo anche per Mr. Lemmy Kilmister. L’unico marcato difetto di questa prima parte è causato dall’assenza totale ed ingiustificata dei sottotitoli: tale lacuna potrebbe scoraggiare chiunque non parli il suddetto idioma. Nel secondo dischetto invece, la musica assume il controllo totale della situazione, guidandoci attraverso ben quattordici brani estrapolati da svariate performance dal vivo illustrate in maniera rigorosamente cronologica. Ciò permette di osservare la notevole maturazione stilistica dei Danko Jones dagli esordi garage al roboante, ma melodico, rock and roll attuale. Spetta ai ben diciannove video promozionali, estratti dai sei studio album, a chiudere il conto di questo lungo viaggio intrapreso insieme ad una band affatto innovativa, artefice di un sound a cavallo tra il ruvido punk, il rock dei KISS ed il blues degli Stones, ma al contempo ammantata di un’energia e di un’autodeterminazione fuori dal comune. Con una caparbietà del genere è impossibile non farsi notare.

TRACKLIST

  1. Disc 1:
  2. Bring On The Mountain (A Documentary)
  3. The Ballad Of Danko Jones (A Short Film)
  4. Disc 2:
  5. Live Performances:
  6. Samuel Sin
  7. The Rules
  8. Cadillac
  9. Way To My Heart
  10. Sound Of Love
  11. Sex Change Shake
  12. I Love Living In The City
  13. Bring On The Mountain (Become The Mountain)
  14. Play The Blues
  15. Invisible
  16. Full Of Regret
  17. Lovercall
  18. First Date + I Think Bad Thoughts
  19. Had Enough
  20. Videos:
  21. Bounce
  22. My Love Is Bold
  23. Samuel Sin
  24. Cadillac
  25. Sound Of Love
  26. Lovercall
  27. I Want You
  28. I Love Living In The City
  29. Dance
  30. Baby Hates Me
  31. First Date
  32. Don't Fall In Love
  33. Code Of The Road
  34. Take Me Home
  35. King Of Magazines
  36. Sugar High
  37. Full Of Regret
  38. Had Enough
  39. I Think Bad Thoughts
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.