PLACE VENDOME – Strade Infinite

Pubblicato il 24/05/2009 da

 

Da qualche anno a questa parte il nome di Michael Kiske è tornato a girare con una certa insistenza sul mercato discografico, comprendendo una serie di pubblicazioni votate ad un rock melodico più incline a suoi gusti attuali, ma anche non meno importanti apparizioni in contesti heavy metal, il progetto Place Vendome è forse il giusto punto d’incontro tra queste differenti tipologie di sound, l’uscita dell’atteso secondo disco a titolo “Streets Of Fire”, rappresenta la giusta occasione per scambiare quattro chiacchere con una delle voci più belle e famose che l’heavy metal abbia mai partorito.

 

CIAO MICHAEL, INCOMINCIAMO SUBITO PARLANDO DEL NUOVO DISCO DEI PLACE VENDOME DA QUALCHE MESE NEI NEGOZI, SO CHE PER L’OCCASIONE HAI LAVORATO CON SONGWRITERS DIFFERENTI POTRESTI RACCONTARCI QUALCOSA DI QUEST’ESPERIENZA?
“Si effettivamente questa volta le canzoni sono state scritte da songwriters dfferenti come Torsti Spoof (Leverage), Ronny Milianowicz (Saint Deamon and songwriter per i Primal Fear) e Robert Sall (Work of Art, W.E.T), tutto è nato a causa degli innumerevoli impegni lavorativi di Dannis Ward che non si è potuto occupare della stesura dei pezzi come per il primo disco, tuttavia devo ammettere che mi sono trovato molto bene anche in questa situazione poichè i musicisti in questione mi hanno sottoposto delle ottime canzoni con grandi melodie”-

A PROPOSITO DI QUESTO: QUALI SONO LE PRINCIPALI DIFFERENZE STILISTICHE RISPETTO AL DISCO PRECEDENTE?
“‘Streets Of Fire’ è un disco molto più AOR rispetto al precedente, come ho già detto in pasato non sono rimasto totalmente soddisfatto della produzione del disco precedente, il sound delle chitarre era troppo distorto per il mio gusto personale, oggi abbiamo utilizzato un suono più melodico e per questo le composizioni risultano più calde e autentiche, oggi mi sento completamente soddisfatto non solo delle canzoni ma anche del sound globale che abbiamo ottenuto”.

NON E’ PER NIENTE FACILE VEDERTI DAL VIVO IN EUROPA, E’ PREVISTA QUALCHE DATA PER I PLACE VENDOME O PER QUALCUNO DEI TUOI PROGETTI SOLISTI?
“Il mio ultimo tour risale ormai a molti anni fa, parliamo del 1993, tuttavia non è mia intenzione ritornare sui palchi per progetti come Place Vendome o altro, la mia idea è piuttosto di suonare le mie canzoni, la mia musica con la mia band, ho sicuramente voglia di tornare on stage, ma sarà con la band che mia accompagna nei Kiske probabilmente, con loro c’è un affiatamento particolare siamo amici veri con alcuni membri anche da molto tempo, insomma ci sono le condizioni ideali perchè ciò possa avvenire, anche i Supared sono una band vera e propria, ma al momento sono praticamente in dirittura d’arrivo col nuovo ‘Kiske’ e  potrebbe essere l’occasione per tornare dal vivo. Perlomeno inizialmente voglio suonare dal vivo anzitutto con la mia band poi in futuro non si sa mai”.

LO SCORSO ANNO AI PUBBLICATO UN DISCO CHE RISPOLVERAVA LE TUE CANZONI DELL’ERA HELLOWEEN IN CHIAVE ACUSTICA, HAI MAI PENSATO DI FARE QUALCOSA DI ANALOGO CON ALCUNI BRANI DELLA TUA PRIMISSIMA CARRIERA SOLISTA? IN UN ALBUM COME “INSTANT CLARITY” AD ESEMPIO CI SONO UN SACCO DI BELLE CANZONI PROBABILMENTE POCO CONOSCIUTE.
“L’idea di affrontare vecchie canzoni in una nuova veste acustica mi ha molto appassionato, la scelta è caduta sui pezzi degli Helloween per cui non c’è stato spazio per altre divagazioni, inizialmente devo ammettere che ero un pò titubante su una simile operazione però in fondo ho pensato che non è corretto rifiutare o nascondere in qualche modo il proprio passato, meglio piuttosto come ho fatto ri-interpretarlo con un sound più incline alle mie tendenze attuali. Mi piacciono molto le sonorità acustiche e al termine dei lavori sono rimasto davvero contento di ciò che avevo fatto”.

COME GIUDICHI L’ESPERIENZA IN DUE PROGETTI DIFFERENTI COME AVANTASIA E REVOLUTION RENNAISCENCE? TI SEI DIVERTITO NEL CANTARE QUELLE CANZONI?
“Devo dire che sono state entrambe delle esperienze positive, per Avantasia devo ammettere che con Toby (Sammet), c’è un ottimo rapporto, lui è veramente un ottima persona e ci sentiamo spesso al di là del discorso professionale. Toby è anche un eccellente songwriter e infatti le sue canzoni mi sono sempre trovato bene nell’interpretare i suoi pezzi, dell’ultimo Avantasia ho apprezzato in particolare un brano come “Lost In Space” che a mio parere è veramente un gran pezzo, con Timo le cose sono andate diversamente c’è un buon rapporto che rimane però più concentrato nella sfera professionale, in ogni caso devo dire che con i suoi Revolution Rennaiscence mi sono trovato benissimo, ho cantato su un paio di canzoni molto melodiche, praticamente delle ballate, dolci, soffuse, sicuramente con un approccio differente rispetto ad Avantasia. Vedi, molte persone vedendomi in veste di ospite su molti progetti pensano magari che io voglia apparire dappertutto la verità è che mi piace collaborare con diversi musicisti, vivere ed interpretare stili differenti”.

POTRESTI RACCONTARCI QUALCOSA A PROPOSITO DELL’ESPERIENZA CHE HAI VISSUTO CON I NOSTRI TRICK OR TREAT, SO CHE HAI PARTECIPATO CON LE TUE VOCALS SU ALCUNI PEZZI
“Si anche in questo caso mi hanno contattato e sono stato ben felice di affrontare una simile esperienza, ho cantato su un paio di canzoni e devo ammettere che è stato molto piacevole, loro sono innanzitutto dei fan degli Helloween e le canzoni rispecchiano questa loro passione, tornare a certe sonorità è stato buffo e molto divertente”.

ALCUNI MESI FA DOPO LA DIPARTITA DI MIKE DI MEO IL LEADER DEI MASTERPLAN ROLAND GRAPOW PARLO’ DI UNA GROSSA SORPRESA IN ARRIVO DIETRO AL MICROFONO DELLA BAND, TU NON NE SAI NIENTE?
“No non sono al corrente di un eventuale sorpresa che mi riguardi, sono un ottima band ma hanno sonorità differenti da quelle che prediligo oggi per poter entrare in pianta stabile in un simile progetto, inoltre non mi andrebbe di seguire il ritmo disco-tour a ritmi veloci come il mercato richiede, preferisco al momento concentrarmi senza pressioni sulla mia band ed eventuali collaborazioni”.

MOLTI CANTANTI AMANO LA TUA VOCE E SI ISPIRANO AD ESSA, QUALI SONO I CONSIGLI E LE RACCOMANDAZIONI DI MICHAEL KISKE PRIMA DI UN IMPORTANTE PERFORMANCE?
“In verità devo confessare che non ho mai fatto nulla di particolare prima di salire sul palco, credo sia importante utilizzare una buona tecnica e praticare il riscaldamento prima della performance, nient’altro direi, tuttavia considera che non ho mai bevuto alcool e non fumo, odio avere il cervello e la mente annebbiata da queste cose”.

TORNANDO AI PLACE VENDOME SO CHE AVETE FILMATO UN VIDEOCLIP PER UNA CANZONE DEL DISCO, TI ANDREBBE DI PARLARCENE?
“Certo, si tratta di un video realizzato per la canzone “My Guardianangel”, nasce da un’idea molto semplice che ritrae la band impegnata in una live performance, non mi piacciono video con idee assurde preferisco roba più tradizionale come questa, comunque vi posso anticipare che il videoclip sarà incluso nella versione CD di “Streets Of Fire”.

GRAZIE MICHAEL, VORRESTI LASCIARE UN MESSAGGIO A TUTTI I LETTORI DI METALITALIA.COM?
“Certamente, un grazie a tutti voi, la musica è legge!”.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.