1782 – From The Graveyard

Pubblicato il 26/03/2021 da
voto
6.5
  • Band: 1782
  • Durata: 00:43:28
  • Disponibile dal: 26/03/2021
  • Etichetta:
  • Heavy Psych Sounds

Spotify:

Apple Music:

Heavy Psych Sounds è ormai un’etichetta di sicura garanzia per la scena doom/stoner, e conferma la qualità del suo roster con il ritorno dei 1782. Il trio sardo mostra, a soli tre anni dalla formazione, una buonissima solidità compositiva e un senso della misura che, troppo spesso, viene a mancare in questo ambito musicale.
Le sonorità messe in campo dai 1782 si muovono come in precedenza nel solco dei maestri Electric Wizard: grassi fuzz di chitarra, ritmiche rallentate e sabbatiche, linee vocali alienate che si trasfigurano lungo le linee di basso, spesso egregiamente in primo piano (“Bloodline”, “In Requiem”). Rispetto alla band inglese, i 1782 costruiscono tracce più ridotte all’osso in termini di durata, e nelle quali è riscontrabile un ulteriore passo indietro, in termini cronologici e quanto a riferimenti, andando a evocare le sperimentazioni più gloomy dei primi anni Ottanta. Gli esempi sono molteplici: “Black Void”, dopo una partenza quasi drone, offre un finale da brividi grazie all’organo di Nico Sechi (membro dei loro concittadini Forgotten Light), che non avrebbe sfigurato nelle mitiche e struggenti registrazioni di Paul Chain, mentre le ritmiche di brani come “Priestess Of Death” o “Seven Priests” (ok, è assodato che l’originalità semantica non fa parte del doom…) hanno il loro modello nelle ossianiche cadenze di Witchfinder General e Pagan Altar. Nella conclusiva e già citata “In Requiem” trova posto anche un tappeto di tastiere, non invasive ma affascinanti nel gioco di raddoppio sull’allucinato riff di chitarre, perfetto per chiudere questa oscura processione “From The Graveyard”.
Nel complesso, un disco che non ha certo spunti di novità strepitosi, ma conferma la dimestichezza dei 1782 con la materia e fa portare a casa il risultato senza troppe perplessità.

TRACKLIST

  1. Evocationis (Intro)
  2. The Chosen One
  3. Bloodline
  4. Black Void
  5. Inferno
  6. Priestess Of Death
  7. Seven Priests
  8. In Requiem
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.