36 CRAZYFISTS – Lanterns

Pubblicato il 09/10/2017 da
voto
7.0
  • Band: 36 CRAZYFISTS
  • Durata: 00:47:30
  • Disponibile dal: 29/09/2017
  • Etichetta: Spinefarm
  • Distributore: Universal

Quindici anni e sei album dopo “Bitterness The Star” – debutto su major coetaneo, giova ricordarlo, di un certo “Alive Or Just Breathing” – poco o nulla è cambiato in casa 36 Crazyfists. Sopravvissuto indenne al passaggio di tre correnti (nu-metal, metalcore ed emo) ed altrettante etichette (Roadrunner, Ferret, Spinefarm), il quartetto originario dell’Alaska ha sempre tirato dritto per la propria strada, restando in quella linea di galleggiamento tra successo mainstream e pubblico di affezionati, sufficiente comunque a garantire un’intensa attività live e discografica, interrotta solo tra il 2010 e il 2015. A due anni di distanza da “Time And Trauma”, questo nuovo “Lanterns” conferma il ritrovato stato di forma dei 36 Pugni Pazzi, trainati come sempre dall’ugola pattoniana di Brock Lindow e dal riffing deftoniano di Steve Holt, compagni di ventura dal lontano 1994. Ferma restando l’assenza di novità, segnaliamo tra gli episodi migliori “Better And Burn”, “Sea And Smoke” e “Old Gold”, ennesimi esempi di quel perfetto equilibrio tra ritmiche metalcore e melodie ficcanti pur senza mai scadere nel cliche; un equilibrio mantenuto col bilancino lungo tutta la tracklist, e variato solo in occasione dell’opener “Death Eater” (fin troppo tirata per i loro standard, e per questo tra le meno convincenti del lotto) e delle immancabili tracce acustiche (“Where Revenge Ends”, “Dark Corners”), ideali cartoline della solitudine marinara. Tra le poche formiche in una scena piena di cicale, grazie anche alla lontananza stilistica e geografica dalla colonia del Massachusetts, i 36 Crazyfists dimostrano di avere ancora qualcosa da dire, compensando la mancanza d’inventiva con la coerenza e la qualità del songrwiting: per chi ha imparato ad apprezzarli con i primi quattro lavori, un disco da mettere in wishlist a scatola chiusa.

TRACKLIST

  1. Death Eater
  2. Wars To Walk Away From
  3. Better To Burn
  4. Damaged Under Sun
  5. Sea And Smoke
  6. Where Revenge Ends
  7. Sleepsick
  8. Bandage For Promise
  9. Laying Hands
  10. Below The Graves
  11. Old Gold
  12. Dark Corners
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.