A.F.I. – Black Sails In The Sunset

Pubblicato il 14/06/1999 da
voto
8.0
  • Band: A.F.I.
  • Durata: 00:46:04
  • Disponibile dal: 18/05/1999
  • Etichetta:
  • Nitro Records

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Cigno nero o mosca bianca? Qualunque sia il vostro animale preferito, è indubbio che gli A.F.I. (acronimo di A Fire Inside) abbiano rappresentato un’anomalia nella scena punk rock californiana di fine anni ’90, e la mutazione genetica del DNA ha avuto inizio proprio con “Black Sails In The Sunset”. Tenuti a battesimo da Dexter Holland degli Offspring, che nel 1995 li mette sotto contratto per la sua Nitro Records, nei primi tre album i quattro si fanno notare per un hardcore punk decisamente incendiario in sede live, ma non propriamente originale dal punto di vista stilistico. Le cose iniziano però a cambiare nel 1998, quando l’uscita del chitarrista Mark Stopholese spalanca le porte all’amico di vecchia data Jade Puget, che già aveva contribuito in alcune parti al precedente “Shut Your Mouth and Open Your Eyes”. Che qualcosa stia cambiando lo si capisce fin dall’artwork e dal titolo, e così dopo l’intro messianica di “Strength Through Wounding” (al grido di “Through our bleeding we are one”) il passaggio ufficiale all’horror punk viene battezzato da “Porphyria” e “Exsanguination”, micidiale doppietta che riprende la furia ritmica degli esordi avvolgendola però in una veste dark ed affiancando alle urla hardcore una serie di cori e controcori più melodici. La cesura si fa più netta con il punk rock ancora più dilatato di “Malleus Malleficarum”, non a caso primo pezzo portato in dote dal nuovo chitarrista, e “Narrative Of Soul Against Soul”, con un ritornello melodico destinato a fare scuola nel futuro prossimo, anche se il punto più alto di rottura è la semi-ballad “Clove Smoke Catharsis”, per certi versi ancora acerba ma foriera delle atmosfere gotiche che saranno sempre più centrali nel sound della band. Forte di una tavolozza mai così varia, il lato B si diverte a mescolare gli elementi dando vita a pezzi altrettanto validi come “The Prayer Position”, “The Last Kiss” o “At A Glance”, prima che la più tetra “God Called Sick Today” faccia calare il sipario, aprendo al contempo le quinte per i successivi “The Art Of Drowning” e “Sing The Sorrow”.

TRACKLIST

  1. Strength Through Wounding
  2. Porphyria Cutanea Tarda
  3. Exsanguination
  4. Malleus Maleficarum
  5. Narrative Of Soul Against Soul
  6. Clove Smoke Catharsis
  7. The Prayer Position
  8. No Poetic Device
  9. Weathered Tome
  10. The Last Kiss
  11. At A Glance
  12. God Called In Sick Today
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.