A PALE HORSE NAMED DEATH – Lay My Soul To Waste

Pubblicato il 24/05/2013 da
voto
7.0
  • Band: A PALE HORSE NAMED DEATH
  • Durata: 00:50:32
  • Disponibile dal: 21/05/2013
  • Etichetta: SPV Records
  • Distributore: Audioglobe

Ad appena due anni di distanza dall’album d’esordio, Sal Abbruscato ed i suoi A Pale Horse Named Death tornano sul luogo del delitto per continuare a proporci il loro mix indubbiamente gradevole di goth rock e grunge, a cavallo tra Type O Negative, Life Of Agony ed Alice In Chains. A livello stilistico infatti non ci pare di notare differenze sostanziali tra il precedente “And Hell Will Follow Me” ed il qui presente “Lay My Soul To Waste”, sebbene ora Abbruscato abbia messo in piedi una vera e propria band composta da Matt Brown alle chitarre (già presente sul debut), Eric Morgan al basso e Eddie Heedles alla batteria. Il tutto ora è senza dubbio meglio elaborato rispetto al passato, più vario, ma in definitiva il trademark distintivo degli A Pale Horse Named Death è stato conservato appieno. La title track e “In The Sleeping Death” rimandano a quanto fatto da Sal durante la sua lunga militanza al fianco di Peter Steele, mentre il lato più vicino al grunge esce prepotente in “Shallow Grave” e “The Needle In You”. Interessanti invece “Devil Came With A Smile”, dall’incedere lento e pesante ma anche sostenuta da un riff tanto semplice quanto efficace, e la cimiteriale “Day Of The Storm”, dove tutta la tristezza contenuta nella musica dei Nostri viene incanalata in una sorta di doom funereo, rivisto ovviamente nell’ottica della band. “DMSLT” è quasi un omaggio ai Paradise Lost, mentre la conclusiva “Cold Dark Mountain” rappresenta una sorta di catarsi musicale doomy, con un gran lavoro di Brown alla sei corde. Il brano migliore però è “Dead Of Winter”, totalmente acustico e dal sapore quasi agreste, inserito però in un immaginario desolante tipico del neofolk; onestamente non ci aspettavamo una traccia del genere dagli A Pale Horse Named Death, che evidentemente hanno nelle loro corde anche cose insospettabili ma assolutamente gradite. Passo avanti, quindi, per la creatura di Abbruscato: pensavamo che il drummer si limitasse a riproporre in maniera meno efficace ciò che aveva caratterizzato la propria carriera negli ultimi vent’anni, ed invece il buon Sal ha dimostrato che ha ancora diversi colpi in canna da sparare, pur rimanendo legato a doppio filo ad un certo tipo di sonorità. Meglio così.

TRACKLIST

  1. Lay My Soul To Waste
  2. Shallow Grave
  3. The Needle In You
  4. In The Sleeping Death
  5. Killer By Night
  6. Growing Old
  7. Dead Of Winter
  8. Devil Came With A Smile
  9. Day Of The Storm
  10. DMSLT
  11. Cold Dark Mourning
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.