A PERFECT CIRCLE – EMOTIVE

Pubblicato il 16/11/2004 da
voto
8.0
  • Band: A PERFECT CIRCLE
  • Durata: 00:48:12
  • Disponibile dal: /11/2004
  • Etichetta: Virgin
  • Distributore:

Difficile ipotizzare dove Keenan e soci andranno a parare con le prossime uscite ufficiali, nell’ipotesi che tale pubblicazione fosse indicativa di intenzioni allo stato embrionale. “Emotive” è difatti un disco a sé stante, vuoi per le motivazioni intrinseche di tale uscita, vuoi per la scelta di veicolare un proprio credo ricorrendo a brani entrati di diritto nella storia della musica. Funzionale alla sfortunata campagna elettorale del leader Democratico John kerry, “Emotive” accoglie al suo interno una selezione di brani socialmente impegnati, relegando l’aspetto musicale in secondo piano, o meglio optando per un’uniformità sonora che investe tutte e dodici le tracce. Una sorta di colonna sonora dell’Apocalisse, un faro puntato sui disagi profondi di una nazione allo sbando, toni forti ed accostamenti efficaci, spesso sconfinanti nel geniale. E’ il caso del lifting radicale subito da “When The Levee Breaks”, blues del 1929 portato al successo dai Led Zeppelin, la cui rilettura tellurica evapora in un viaggio onirico vicino alla sensibilità dei Portishead. Chiaramente voluta la scelta di rifuggire da piani armonici in linea con associazioni solari, solo così si spiega la nenia pacifista “Imagine”, nella quale più che la positività di un Lennon sembrano affiorare le disperate visioni del compianto Layne Staley. Mutilato l’elemento funky di “What’s Going On” (dell’icona soul Marvin Gaye) e trasposto in una pacata versione a cappella “Fiddle And The Drum” (Joni Mitchell), restano da analizzare due composizioni originali, che pur nella loro grazia offrono un ridotto spazio di analisi. “Passive” avanza solenne cibandosi delle soluzioni già sperimentate in “Vanishing” (dall’ultimo “Thirteenth Step”), mentre “Counting Bodies Like Sheep To The Rhythm Of The War Drums” appare troppo sbilanciata sul versante Nine Inch Nails per essere presa a riferimento di direzioni future. Resta la testimonianza dell’ennesima lezione di stile da parte di una delle migliori rock band degli ultimi cinque anni.

TRACKLIST

  1. ANNIHILATION
  2. IMAGINE
  3. (WHAT'S SO FUNNY 'BOUT) PEACE LOVE AND UNDERSTANDING
  4. WHAT'S GOING ON
  5. PASSIVE
  6. GIMMIE GIMMIE GIMMIE
  7. PEOPLE ARE PEOPLE
  8. FREEDOM OF CHOICE
  9. LET'S HAVE A WAR
  10. COUNTING BODIES LIKE SHEEP TO THE RHYTHM OF THE WAR DRUMS
  11. WHEN THE LEVEE BREAKS
  12. FIDDLE AND THE DRUM
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.