A PERFECT CIRCLE – Thirteenth Step

Pubblicato il 24/09/2003 da
voto
9.0
  • Band: A PERFECT CIRCLE
  • Durata:
  • Disponibile dal: 15/09/2003
  • Etichetta: Virgin
  • Distributore:

L’arrivo di Jeordie White al basso (il celebre Twiggy Ramirez della band di Marylin Manson), e la partecipazione dell’ex Smashing Pumpkins James Iha non erano i soli motivi di curiosità che accompagnavano l’uscita di “Thirteenth Step”. C’era da verificare l’integrità di un impianto compositivo che aveva reso celebre l’esordio “Mer De Noms”, uno dei gioielli più puri del dark del nuovo millennio, baciato anche da lusinghieri dati di vendita.
Questo secondo lavoro inaugura un discorso musicale completamente differente, se è vero che alcune melodie facili dell’esordio non trovano più posto nel nuovo corso della band. Domina un salutare senso di incompiutezza, saltano i minutaggi ridotti, ed è costante il ricorso a strutture dilatate, per un risultato complessivo che lascia a bocca aperta. Psichedelia? Pop? Dark? Metal? Queste etichette non possono cogliere pienamente i profondi significati di “Thirteenth Step”, che suona comeil sussurro notturno che dà voce all’inerzia umana, un fuoco lento che si autoalimenta: gli APC lo avvertono e ne distorcono il significato nelle intrusioni elettriche di “The Package”, per poi narrare le gesta di un volo basso, gentile, sotto forma di una pop song sfuggente e malinconica (“Weak and Powerless”).
E poi le ritmiche sommerse e l’incedere vagamente epico di “Noose”, la gloriosa decadenza che emerge in “Blue” e nel canto modale di Keenan, la fredda psichedelia di “Vanishing”, il canto solitario per chitarra acustica e violino elettrico di “Stranger”. Lascia senza fiato “The Outsider”, brano che coniuga l’oscura logica compositiva dei Tool, sonorità orientali e break new metal, per poi esplodere nel refrain ammaliante e sofferto. Un viaggio dell’anima, che ora ci catapulta nella Vienna di Strauss (“The Nurse Who Loved Me”), dove il canto filtrato convive con la grazia della musica da camera, ora ci lascia annichiliti da scansioni ritmiche marziali miste al vociare incessante di bending sinistri (“Pet”), le cui note sono canticchiate dallo sciamano Keenan nella successiva, terrificante “Lullaby”.
L’unico vero capolavoro di questo 2003.

TRACKLIST

  1. The Package
  2. Weak And Powerless
  3. The Noose
  4. Blue
  5. Vanishing
  6. A Stranger
  7. The Outsider
  8. Crimes
  9. The Nurse Who Loved Me
  10. Pet
  11. Lullaby
  12. Gravity
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.