AAVV – In The Eyes Of Death III

Pubblicato il 03/09/2002 da
voto
7
  • Band: AAVV
  • Durata:
  • Disponibile dal: //2002
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: Self

Ed ecco che, puntuale come un orologio svizzero, la Century Media rilascia in occasione delle sue release più importanti l’ormai famosa “In The Eyes Of Death”, giunta ora al terzo capitolo, che ci propone un succulento antipasto dei dischi dei gruppi principali (e non) della sua scuderia, condito da alcune perle. Partiamo proprio da queste ultime, che riguardano nella fattispecie i Krisiun, alle prese con “Silent Scream” degli Slayer, e gli Scar Culture, cui tocca coverizzare il classico death “Wolverine Blues” degli Entombed; bene, il pollice è all’insù perchè entrambi i gruppi ci offrono delle buone versioni dei pezzi sopracitati, riuscendo ad infondervi un proprio tocco personale. Passando all’analisi dei pezzi veri e propri, anche qui possiamo trovare delle ottime prove dei gruppi coinvolti: partiamo dunque con ordine, dai “nuovi” Arch Enemy che ci presentano un’ ottima “Ravenous”, con sempre ben in evidenza il “dolce” screaming di Angela Gossow. Proseguendo, troviamo i tanto/amati odiati Carnal Forge (autori di una buona prova) ed i Dark Tranquillity, sulla “Final Resistance” dei quali è pressochè inutile e superfluo ogni commento, viste le lodi di cui già è stato insignito il nuovo disco e alle quali io non posso che unirmi, sottolineando il giusto appeal melodico e la giusta carica del pezzo in questione. Ancora Swedish death di stampo piuttosto melodico per i The Forsaken, presenti con un ottimo pezzo (l’impressione è proprio quella che la Century Media abbia scelto i pezzi migliori e più d’impatto da presentare qui, come d’altro canto è consueto che sia…) che non fa certo abbassare il livello qualitativo della compilation. Si entra in territori black con i tre successivi gruppi, rispettivamente i poco conosciuti Twin Obscenity (davvero una bella sorpresa questa “The Legacy”, un ottimo black metal di stampo melodico), i Borknagar (con la già ampiamente collaudata “The Genunine Pulse” dal loro ultimo disco) ed i Rotting Christ, con una buona canzone che, per più di un verso, rappresenta un ritorno al glorioso e mai dimenticato passato. Si continua con Unleashed (davvero grandioso l’ultimo disco, anche se forse su questa compilation poteva essere inserito un pezzo migliore), con i piuttosto anonimi Grave e God Forbid, fino ad arrivare al pezzo che, forse, più attendevo di questa compilation; mi riferisco a “Stepping Outside The Circle” degli Shadows Fall e, se le premesse sono queste, ci troveremo presto davanti ad un degno successore di quella gemma che fu “Of One Blood”, disco passato ingiustamente quasi inosservato grazie all’eccessiva prolificità delle ultime uscite in campo death melodico. Proseguendo, altri pezzi degni di nota in chiusura sono la buona “We Are At War” degli Holy Moses (dal discreto “Disorder Of The Order”), “Pendragon’s Fall” dei Suidakra (dei quali ho già avuto modo non molto tempo fa di elogiare ampiamente il disco da cui è tratta), sempre a metà tra Children Of Bodom e Blind Guardian, e “Corpscecry? Angelfall” dei Sigh, autentica leggenda dell’underground giapponese ed oggetto misterioso, in quanto i Sigh nella loro carriera hanno saputo evolversi mostrando ogni volta un lato diverso della loro faccia, passando dal black metal fino al rock… ebbene, questa volta, per tutti gli adoratori di questa grande band, la song in questione si può ricondurre al death metal melodico, ed anche se probabilmente non è indicativa di quello che è il contenuto del disco, è un ottimo pezzo che non ha nulla da togliere alle loro produzioni passate. Con questo ultimo pezzo il mio compito di darvi un’analisi piuttosto dettagliata dei gruppi e dei pezzi in questione è finita, ed ora spetta a voi la decisione di comprare o meno questa compilation, una raccolta contenente sì ottimi pezzi, ma fondamentalmente inutile… ed a me, nel voto, non resta che giudicare la qualità dei pezzi.

TRACKLIST

  1. ARCH ENEMY: Ravenous
  2. CARNAL FORGE: Hand Of Doom
  3. DARK TRANQUILLITY: Final Resistance
  4. KRISIUN: Silent Scream
  5. THE FORSAKEN: Project: The New Breed 666
  6. TWIN OBSCENITY: The Legacy
  7. BORKNAGAR: The Genuine Pulse
  8. ROTTING CHRIST: The Call Of The Aethyrs
  9. UNLEASHED: Hell's Unleashed
  10. GRAVE: Morbid Way To Die
  11. GOD FORBID: Mind Eraser
  12. SHADOWS FALL: Stepping Outside The Circle
  13. HOLY MOSES: We Are At War
  14. SCAR CULTURE: Wolverine Blues
  15. SUIDAKRA: Pendragon's Fall
  16. SOLEFALD: Hyperhuman
  17. ...AND OCEANS: Angelina: Chtonian Earth: Her Face Forms Worms
  18. SIGH: Corpsecry? Angelfall
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.