ABHOR – Vocat Spiritum Morti

Pubblicato il 31/12/2004 da
voto
7.5
  • Band: ABHOR
  • Durata: 00:36:41
  • Disponibile dal: 01/09/2004
  • Etichetta: The Oath
  • Distributore: Masterpiece

Purtroppo “Vocat Spiritum Morti” non è il nuovo album degli Abhor, per quello bisognerà aspettare l’inizio del prossimo anni. Nel frattempo l’italiana The Oath ha pensato bene di prendere il “Promo 2002” della band e di farne un cd, intitolandolo appunto “Vocat Spiritum Morti”. Si può trattare il qui presente come una sorta di raccolta: la prima parte raccoglie quelli che possono essere considerati gli ultimi brani scritti e pubblicati della band. A dire il vero sono anche i più interessanti e i meglio riusciti, a testimonianza del fatto che la band è in un continuo crescendo stilistico sempre più addentrato nei meandri del black metal esoterico di classica matrice italica. I due brani nuovi, uno è un’intro, sono davvero cupi e atmosferici; il riffing è penetrante mentre la prova di Ulfhedhnir al microfono è ottima come al solito. Musica rituale spruzzata da un tocco horrorifico niente male. “Vinum Sabbati” è una versione più evil dei primissimi Gehenna e può essere considerato un brano davvero buono. L’amore della band per la musica dall’alone liturgico, misterioso ed inquietante è ovvia se si pensa che ci sono ben due cover dei Goblin. Gli altri brani sono due remake rimasterizzati per l’occasione e tratti dal cd degli Abhor del 2000, “I.N.R.I.”. In definitiva un cd antologico molto interessante, trampolino di lancio per i nuovi Abhor, i quali ultimamente hanno avuto diversi sconvolgimenti interni e si apprestano a tornare con una nuova veste sonora. Staremo a vedere, intanto godetevi questo ennesimo prodotto nero Made in Italy.

TRACKLIST

  1. Hic Sunt Leones
  2. Dawrf
  3. Vinum Sabbati
  4. WIzard
  5. Spellbound ( Atmosphere Of Fiendish Calm )
  6. Non Ho Sonno
  7. Profondo Rosso
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.