ABORTED – The Archaic Abattoir

Pubblicato il 19/04/2005 da
voto
8.0
  • Band: ABORTED
  • Durata: 00:36:29
  • Disponibile dal: 19/04/2005
  • Etichetta: Listenable Records
  • Distributore: Audioglobe

Prima d’ora chi scrive non aveva mai considerato gli Aborted qualcosa di più di un buon gruppo, al limite una promessa della scena death europea che – a dispetto di una discografia già piuttosto nutrita – forse non aveva ancora tirato fuori tutto il suo potenziale. Ascoltando "The Archaic Abattoir", i dubbi si dissipano all’istante e le impressioni iniziali vengono in qualche modo confermate: eccolo, questo è il disco della consacrazione! Nei precedenti "Engineering The Dead" e "Goremageddon" erano contenute sicuramente delle gran belle canzoni ma erano entrambe opere ancora un po’ troppo legate a, per certi versi, vetusti schemi death-grind in grado talvolta d’impedire l’emersione della personalità e dell’estro della formazione belga, presunte qualità a volte soffocate da cascate di ignorantissimi blast beat. Stavolta invece il problema non si pone minimamente: tutto è dosato alla perfezione, le idee ci sono, sono tante, sono originali e sono rese al meglio, anche in virtù di una produzione più convincente che mai. Death metal, incredibili spunti alla Carcass periodo "Necroticism"/"Heartwork", variazioni techno-thrash e persino un pizzico della follia degli Strapping Young Lad: questo è ciò che gli Aborted ci offrono nel nuovo "The Archaic Abattoir", il meglio del metal estremo degli ultimi anni condensato con grande gusto e coerenza in una decina di canzoni assolutamente coinvolgenti e trascinanti, tecniche e varie, del tutto personali e più che mai lontane dai cliché. Eccezionale e ultra versatile la prova del vocalist Sven De Caluwè – che duetta spesso e volentieri anche con gli ospiti/amici Bo Summer (Illdisposed), Michael Bogballe (Mnemic) e Jacob Bredahl (Hatesphere) – fantasiosa e precisissima quella del nuovo batterista Gilles Dellecroix (un grande acquisto!), ineccepibile quella degli axemen. Gli Aborted suonano alla grande e si rivelano una volta per tutte compositori coraggiosi ed ispiratissimi. La Listenable forse si sbilancia un po’ sostenendo che se i Carcass non si fossero prima rammolliti e poi sciolti avrebbero probabilmente suonato come gli Aborted di oggi, però è certo che il quintetto belga con questo nuovo platter ha senz’altro raggiunto l’apice della carriera e si è fatto segnalare come un act dotato di grande creatività e intelligenza. Procuratevelo!

TRACKLIST

  1. Dead Wreckoning
  2. Blood Fixing The Bled
  3. Gestated Rabidity
  4. Hecatomb
  5. The Gangrenous Epitaph
  6. The Inertia
  7. A Cold Logistic Slaughter
  8. Threading On Vermillion Deception
  9. Voracious Haemoglobinic Syndrome
  10. Descend To Extirpation
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.