ABORYM – With No Human Intervention

Pubblicato il 22/03/2003 da
voto
7.0
  • Band: ABORYM
  • Durata: 01:04:57
  • Disponibile dal: 01/12/2002
  • Etichetta: Code666
  • Distributore: Audioglobe

Streaming:

Il terzo album segna sempre, volendolo o no, la carriera di una band: è un banco di prova forse determinante, spesso decisivo per sancirne la reale dimensione. Gli Aborym sono giunti a questo appuntamento dopo un superlativo debutto e dopo un non eccezionale secondo album nel quale il gruppo romano ha forzato la propria musica verso lidi tecnologici ed elettronici. La produzione non è mai stato il lato forte degli Aborym e, in “With No Human Intervention”, la produzione non è nemmeno in questo caso impeccabile, sebbene sufficientemente fredda da riuscire a rendere abbastanza bene l’esplosività del connubio tra metal ed elettronica. Stilisticamente questa terza release è una via di mezzo tra “Kali Yuga Bizzarre” e il precedente lavoro, un misto di violenza e cupa vena nichilista. Pur essendo una band molto chiacchierata, gli Aborym sono indiscutibilmente la punta di un iceberg che sembra staccarsi sempre più dalla landa del black metal tradzionale, per andare alla deriva verso orizzonti più tecnologici ed accostabili alla tradizione elettronica. Un album riuscito a metà, questo, che mette in luce l’indiscutibile violenza e qualità artistica degli Aborym: basti ascoltare la titletrack per farsene un’idea! Purtroppo la seconda parte di questo “With No Human Intervention” cala di intensità e diventa superflua per colpa di canzoni abbastanza trascurabili. Le novità sono rappresentate dall’incremento (una scelta non sempre azzeccata) delle canzoni interamente elettroniche e dall’uso di guitar solo che però non sempre si integrano bene con il resto dello ‘stile Aborym’. Qualcosa non ha funzionato, nonostante ci siano anche illustri ospiti della scena black metal che hanno contribuito in vario modo (programming e testi) alla creazione di questo terzo capitolo del combo romano. Il cunicolo dell’industrial black metal è stato scavato e, in prima linea, ci sono ovviamente gli Aborym – nonostante il fatto di aver fallito la mira. Il trono del black metal del nuovo millennio è sfuggito loro sotto gli occhi, e bisognerà aspettare i prossimi passi della band per vedere quanto valgono realmente. In definitiva un buon album, ma si può pretendere di più.

TRACKLIST

  1. Antichristian Codec (intro)
  2. With No Human Intervention
  3. U.V. Impaler
  4. Humechanics-virus
  5. Does Not Compute
  6. Faustian Spirit Of The Earth
  7. Digital Coat Maqsue
  8. The Triumph
  9. Black Hole Spell
  10. Me(n)tal Striken Terror Action 2
  11. Out Of Shell
  12. Chernobill Generation
  13. The Alienation Of A Blackened Heart
  14. Automatik Rave'olution Satan
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.