ABSENTIA LUNAE – Vorwarts

Pubblicato il 30/12/2014 da
voto
7.5
  • Band: ABSENTIA LUNAE
  • Durata: 00:44:44
  • Disponibile dal: 03/11/2014
  • Etichetta:
  • ATMF
  • Distributore: Masterpiece

Spotify:

Apple Music:

“Vorwarts” è il terzo album dei giuliani Absentia Lunae, gruppo extreme metal nostrano in cui milita il fondatore della ATMF, ovviamente etichetta che promuove la band e l’album in questione. Una doverosa premessa: in sede di recensione non vengono prese in considerazione nè vengono commentate le simpatie politiche che un gruppo può avere, di qualunque tipo queste siano. Qui si tratta esclusivamente la musica e la musica di “Vorwarts” è parecchio interessante. Non bisogna pensarci molto per dire che questo terzo capitolo è il migliore dell’intera carriera della band. Di gran lunga superiore al precedente “Historia Nobis Assentietvr”, uscito ben cinque anni fa, la nuova release impressiona per la sua compattezza e modernità. Non c’è nessun stravolgimento a livello di stile, ma sembra che finalmente con “Vorwarts” la band sia riuscita a realizzare ai massimi livelli ciò che già aveva in mente nel primissimo demo “Marching Upon Forgotten Ashes” di dieci anni fa. Il nuovo lavoro è opprimente, asfissiante, decadente e carico di un sentimento rancoroso pieno d’odio. La creazione di un immaginario carico di atmosfere ed immagini così disturbanti e pesanti da affrontare è tutto frutto delle idee degli Absentia Lunae sulla musica, ma non solo. Bisogna dar merito a questa band di riuscire a trasporre in musica tutta l’ideologia o le semplici idee che ci stanno dietro. A qualcuno tutto questo potrà non piacere, ma essendo nell’ambito dell’extreme metal dubitiamo che si possa contestare a questo gruppo di non essere abbastanza estremo. L’estremismo sonoro non è l’unico elemento presente su “Vorwarts”, infatti. Il titolo oltre ad essere un’esortazione sembra un incoraggiamento per la stessa band che l’altro anno per un breve periodo è stata inattiva e forse quest’album vede la luce dopo un periodo sofferto. Solitamente proprio i lavori nati da una situazione difficile sono quelli che regalano maggiori soddisfazioni. Molto bene gli Absentia Lunae quando marciano veloci su un riffing tipicamente black metal come in “Manipulated Statues Of Flesh”, ma la band deve la sua peculiarità stilistica ad altri momenti, come in quelli presenti su “Furor Of The Monuments”, dove si fanno vive le altre influenze extreme metal presenti da sempre nel trademark della band. Se uniamo a queste le interpretazioni di Ildanach con il suo cantato particolare, allora ecco che si crea qualcosa di veramente peculiare ed interessante. C’è qualcosa di futurista e d’avantgarde in determinati passaggi sperimentali che possono riportare alla mente persino i VoiVod di “Angel Rat”. Ovviamente per quasi la totalità della release gli Absentia Lunae vanno accumunati a quel filone estremo black metal marziale e dai suoni freddi, ma i Nostri sono pure capaci di creare un’aura opprimente e proiettata in un tempo futuro. Qui l’importante è notare il miglioramento del gruppo e la maturità stilistica raggiunta, che lascia aperte innumerevoli strade da percorrere per evolvere ulteriormente il sound. Una realtà nostrana consolidata.

TRACKLIST

  1. Dissolution Mechanism
  2. Furor Of The Monuments
  3. Rapace Planare
  4. Manipulated Statues Of Flesh
  5. Vorwarts
  6. Tragedy Told By Golden Horns
  7. L'arrivée
3 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.