ABYSMAL TORMENT – Cultivate The Apostate

Pubblicato il 22/06/2014 da
voto
7.0
  • Band: ABYSMAL TORMENT
  • Durata: 00:59:56
  • Disponibile dal: 29/04/2014
  • Etichetta: Willowtip Records
  • Distributore:

È passato diverso tempo dalla pubblicazione di “Omnicide”, secondo album degli Abysmal Torment, ma non si può dire che la band se ne sia stata del tutto con le mani in mano, visto che nel frattempo ha rimediato un contratto con l’etichette di culto Willowtip e ha prodotto addirittura un’ora di nuova musica, suddivisa in tredici canzoni. I death metaller maltesi puntano tanto sulla quantità, ma bisogna riconoscere che anche la qualità si assesti su buoni livelli; se già il precedente lavoro aveva messo in luce delle indubbie doti a livello di songwriting e di efficacia, il nuovo “Cultivate The Apostate” ribadisce il concetto, offrendoci diverse tracce che rientrano di diritto fra il miglior repertorio della formazione. Continuando a proporre un death metal moderno e dinamico, i ragazzi scomodano di nuovo paragoni con Dying Fetus, Despised Icon e Benighted (ma alla lista oggi potremmo anche aggiungere i nostri The Modern Age Slavery), ma evitano di risultare la solita brutta copia grazie appunto ad una dimestichezza notevole con la materia trattata: la band appare spigliata, esperta e, traccia dopo traccia, sufficientemente ispirata per mantenere viva l’attenzione dell’ascoltatore. Non siamo alla fiera del breakdown gratuito come in certi ambienti death-core, ma nemmeno davanti ad un gruppo di virtuosi che mette la tecnica davanti ad ogni cosa: gli Abysmal Torment trovano spesso il giusto compromesso, abbracciando la più ampia gamma possibile di ritmiche e riffing e sviluppando brani che finiscono per offrire sempre sia impatto e velocità vecchia scuola (Suffocation docet), sia partiture appunto più groovy e al passo coi tempi. Ogni singolo pezzo mette in mostra almeno uno spunto davvero azzeccato, mentre il disco nel suo insieme, pur piacevole, ha forse il difetto di essere sin troppo lungo. Come accennato, si sta parlando infatti di un’ora di musica particolarmente estrema e frenetica: davanti ad un tale sound senza respiro, è normale che certe tracce finiscano per confondersi le une con le altre, generando a volte il classico senso di déjà vu. Con un quarto d’ora in meno o, in generale, maggior capacità di sintesi, la botta di “Cultivate…” sarebbe stata ancora più distruttiva. In ogni caso, questo è un gran bel ritorno.

TRACKLIST

  1. Whispering Venomous Ones
  2. Host Of The Swine
  3. Communion Of Ejaculation
  4. Dead In The Flesh
  5. Metamorphis Of The Maggots
  6. Strangled Within Coils
  7. Amidst Your Scorched Barren Shrine
  8. Hang Them High
  9. Dawning New Aeon
  10. Malkuth
  11. Conjured To Serve None
  12. Hymn To Lucifer
  13. Cultivate The Apostate
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.